Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 1992

Risultati da 1061 a 1070 DI 1992

20/01/2012 15:42:49 Nasce la prima task-force per individuare i virus causa di tumori solidi

Gli agenti infettivi e i tumori
È al via una ricerca multicentrica che coinvolge l’Università di Padova, Istituto Pascale di Napoli, IRCCS Burlo e ICGEB di Trieste, Fondazione Policlinico San Matteo di Pavia, Università di Ferrara, Istituto Nazionale Tumori e Multimedica Castellanza di Milano, Ospedale di Ancona, Azienda Ospedaliera di Pordenone e, appunto, IRCCS Aviano.
«Il 15% dei tumori - spiega Umberto Tirelli, responsabile dell'Oncologia Medica del CRO e coordinatore del Gruppo insieme a Paolo Pedrazzoli, del ... (Continua)

19/01/2012 Le proteine Foxa rendono gli uomini più suscettibili alla neoplasia

Tumore al fegato, ecco perché gli uomini sono più a rischio
Il tumore del fegato colpisce in prevalenza gli uomini, ma per quale motivo? Lo spiega una ricerca pubblicata sulla rivista Cell da un team dell'Università della Pennsylvania guidato dal genetista Klaus Kaestner.
Finora erano rimasti oscuri i meccanismi molecolari per i quali gli androgeni promuovono il cancro epatico al contrario degli estrogeni che lo prevengono. I ricercatori americani hanno scoperto che la differenza dipende dal modo in cui alcune proteine regolatrici della ... (Continua)

19/01/2012 Nella genesi del tumore fondamentale è la regolazione post-trascrizionale

Nuove ipotesi sull’insorgenza del glioblastoma
Il glioblastoma è un tumore al cervello fra i più temuti. La temibilità di questo tipo di tumore cerebrale è presto spiegata, questa neoplasia non ha al momento terapie in grado di combatterla e chi ne viene colpito ha ben poche possibilità di sopravvivenza.
Già in uno studio italiano pubblicato su Nature è stato dimostrato che le cellule di questa forma neoplastica sono in grado di costruire la rete di vasi sanguigni necessaria per farlo crescere. Alla base ci sarebbe un meccanismo ... (Continua)

18/01/2012 12:45:08 Ricerca sui meccanismi che regolano la funzionalità delle ossa
Nuovi meccanismi per preservare le ossa
La salute delle ossa è di fondamentale importanza per poter condurre una vita normale già dall’infanzia. Uno studio condotto dall’Università de L’Aquila in collaborazione con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, pubblicato su Nature Comminications, indica che esistono nuovi meccanismi che regolano in modo assai complesso il metabolismo delle cellule presenti nelle ossa.
L’obiettivo dello studio era comprendere come alcuni fattori importanti per le cellule ossee lavorassero in maniera ... (Continua)
17/01/2012 12:33:20 Non sempre la prostata può esserne la causa

I problemi urinari negli uomini
È importante riconoscere la causa di disturbi urinari fastidiosi negli uomini che spesso, forse troppo, sono ricondotti a disfunzioni della prostata, specialmente dopo una certa età.
In realtà oltre a questa possibilità ne esistono altre che pochi prendono in considerazione almeno nelle prime fasi dell’indagine diagnostica. Ci sono molti altri fattori che possono indurre una serie di disturbi urinari, primo fra tutti i farmaci. Spesso le persone assumono farmaci senza sapere che possono ... (Continua)

17/01/2012 Sperimentazioni italiane per una profilassi antitumorale
Nuovi vaccini contro il cancro al colon
In fase di sperimentazione nuovi vaccini contro il cancro al colon. La prima è quella dell'Istituto Nazionale Tumori di Milano, dove l'équipe di Ermanno Leo sta lavorando a un vero e proprio vaccino-farmaco che riesca a fermare il tumore al suo esordio.
Nelle parole di Leo lo spunto che ha dato il via alla sperimentazione: “ci siamo resi conto che malati a prima vista uguali si dividevano in realtà in due gruppi, quelli con molti linfociti nel sangue avevano una recidività molto più ... (Continua)
16/01/2012 14:54:18 Inibire l’habitat in cui si moltiplica può rappresentare la chiave vincente

Nuove prospettive terapeutiche per epatite C
Il virus dell'epatite C (HCV) è una delle principali cause di cancro e trapianto di fegato in tutto il mondo. Nessun vaccino è disponibile per prevenire la diffusione di HCV, e l'attuale regime terapeutico è solo moderatamente efficace e provoca gravi effetti collaterali. Nuovi agenti antivirali sono disponibili per trattare l'infezione da HCV, ma il livello elevato di mutazione del virus HCV ostacola l'efficacia degli inibitori virus-specifici. La conoscenza degli enzimi necessari per la ... (Continua)

16/01/2012 L'incidenza aumenta con appena 50 grammi al giorno

La carne lavorata aumenta il rischio di cancro al pancreas
Dei pericoli di un'alimentazione squilibrata e di un consumo eccessivo di carne rossa se ne parla da tempo. Ora una ricerca sottolinea i rischi connessi con il consumo regolare di carne lavorata, ad esempio salsicce e bacon, che aumenterebbe il pericolo di sviluppare un tumore del pancreas.
Secondo la ricerca effettuata dal Karolinska Institutet di Stoccolma e pubblicata sul British Journal of Cancer, il rischio aumenta del 19 per cento con l'assunzione di appena 50 grammi di carne ... (Continua)

13/01/2012 11:26:36 Ricercatori italiani svelano le mutazioni a carico del gene SMAD4
Scoperte le alterazioni per la Sindrome di Myhre
È italiana la scoperta di alcune mutazioni genetiche alla base della Sindrome di Myhre, una rarissima malattia dello sviluppo. Il gene imputato è SMAD4 e la scoperta è stata pubblicata sull'American Journal of Human Genetics.
La Sindrome di Myhre fu descritta per la prima volta circa 30 anni fa e il totale dei casi è piuttosto limitato. Gli effetti di questo disturbo dello sviluppo sono bassa statura, dismorfismo facciale, sordità, ipertrofia muscolare, deficit cognitivi e anomalie ... (Continua)
12/01/2012 Tesi a confronto sulla pericolosità dei dolcificanti

Aspartame sì o no?
L'ultimo capitolo sulla questione dolcificanti è stato scritto da un convegno di esperti riunitisi a Roma che ha decretato l'assoluta sicurezza di questi prodotti. Secondo Andrea Poli, direttore scientifico della Nutrition Foundation of Italy (Nfi), “non ci sono rischi per la salute derivanti dall'uso di dolcificanti non calorici. Sono tra gli ingredienti alimentari più approfonditamente analizzati al mondo, con centinaia di studi che ne confermano la sicurezza''.
L'epidemiologo Carlo La ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102| 103| 104| 105| 106| 107| 108| 109| 110| 111| 112| 113| 114| 115| 116| 117| 118| 119| 120| 121| 122| 123| 124| 125| 126| 127| 128| 129| 130| 131| 132| 133| 134| 135| 136| 137| 138| 139| 140| 141| 142| 143| 144| 145| 146| 147| 148| 149| 150| 151| 152| 153| 154| 155| 156| 157| 158| 159| 160| 161| 162| 163| 164| 165| 166| 167| 168| 169| 170| 171| 172| 173| 174| 175| 176| 177| 178| 179| 180| 181| 182| 183| 184| 185| 186| 187| 188| 189| 190| 191| 192| 193| 194| 195| 196| 197| 198| 199| 200

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale