Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 1135

Risultati da 461 a 470 DI 1135

08/11/2013 11:52:41 Rischi minori di fibrosi del fegato rispetto agli uomini

Gli estrogeni aiutano il fegato delle donne
I soggetti affetti da steatoepatite non alcolica rischiano una fibrosi grave del fegato. Tuttavia, nelle donne questo pericolo è minore rispetto agli uomini grazie all'influenza esercitata dagli estrogeni. Dopo la menopausa, infatti, lo scarto fra i due sessi tende a ridursi.
“Queste differenze fanno pensare che gli estrogeni rivestano un ruolo protettivo importante contro lo sviluppo della fibrosi epatica grave”, afferma Ayako Suzuki, del Central Arkansas Veterans Healthcare System di ... (Continua)

08/11/2013 09:43:03 Sofisticato sistema di analisi ideato da ricercatori italiani

Un'app ti fa il check-up
Il mercato delle app che si rivolgono ai temi della salute è sempre più in fermento. Uno studio in corso di svolgimento presso l'Università di Messina arriverà nel giro di pochi anni alla messa a punto di un'applicazione per smartphone in grado di stabilire le condizioni di salute generali di un soggetto partendo soltanto da un semplice soffio.
Ci stanno lavorando Giovanni Neri e Nicola Donato, coadiuvati dai loro colleghi dell'ateneo siciliano e finanziati dall'Istituto di tecnologie ... (Continua)

08/11/2013 La radioterapia sul lato sinistro può pregiudicare la salute del cuore

Rischio Rx associato a trattamento del cancro al seno
Fra le donne sottoposte a radioterapia sul lato sinistro del torace il tasso di malattie cardiache risulta più alto della media. A dirlo è una ricerca pubblicata su Jama Internal Medicine da un gruppo di scienziati del Columbia University Medical Center di New York.
Uno degli autori, David Brenner, spiega: “dato il miglioramento della sopravvivenza a lungo termine raggiunto negli ultimi decenni per il cancro al seno, minimizzare le complicazioni legate al trattamento assume sempre maggiore ... (Continua)

07/11/2013 14:56:51 Smentita l'ipotesi di un'influenza negativa della sostanza

La vitamina D non aumenta il rischio di calcoli
Un livello anche elevato di vitamina D non ha conseguenze sul rischio di insorgenza dei calcoli renali. A stabilirlo in maniera chiara è uno studio pubblicato sull'American Journal of Public Health da un team di ricercatori del Department of Family and Preventive Medicine dell’Università di San Diego a La Jolla.
Cedric Garland, docente di Medicina preventiva presso l'ateneo californiano, spiega: “l'aumento dei livelli di vitamina D può prevenire una vasta gamma di malattie, ma alcuni studi ... (Continua)

05/11/2013 19:27:01 Nuovo test per stabilire il corretto apporto di vitamine ed integratori
Misurare la capacità antiossidante
Diversi processi patologici, quali l'infiammazione, o fattori esterni, quali l’inquinamento, il fumo o le radiazioni, possono aumentare la produzione da parte dell’organismo di sostanze ossidanti
come le Specie Reattive dell’Ossigeno (ROS) e dell’Azoto (RNS).
Molti ROS sono radicali liberi, cioè molecole instabili ed altamente reattivi che, per raggiungere una maggiore stabilità, reagiscono con altre molecole con cui vengono in contatto, sottraendo loro un elettrone. I radicali liberi ... (Continua)
05/11/2013 Aumentare le ore di sonno fa perdere peso anche ai bambini

Nel sonno il segreto per dimagrire
Il vostro bambino è più che cicciottello? Basta farlo dormire un po' di più. Così sostiene perlomeno una ricerca condotta dal Center for Obesity Research and Education (Core) della Temple University e pubblicata sulla rivista Pediatrics.
I pediatri americani hanno coinvolto in una sperimentazione un gruppo di bambini fra gli 8 e gli 11 anni per un totale di 3 settimane. Il 27 per cento era obeso o sovrappeso. Durante la prima settimana i bambini hanno dormito secondo le proprie abitudini, ... (Continua)

29/10/2013 09:44:05 La carenza di carnitina nei primi giorni è un segno della futura malattia

Scoperta la causa del diabete giovanile
Un team di ricerca italiano ha scoperto la possibile causa del diabete di tipo 1. All'origine sembra esserci un deficit di carnitine riscontrabile fin dai primi giorni di vita del bambino. Il valore basso segnala la futura insorgenza di questa grave malattia dalla natura autoimmune.
La famiglia delle carnitine ha fra i vari compiti quello di assicurare l'eliminazione delle cellule immunitarie autoreattive che sono alla base dei meccanismi di innesco della malattia.
La ricerca è stata ... (Continua)

28/10/2013 09:47:24 Un questionario rivela la disfunzione sessuale

La complicanza-tabù della donna con diabete
Un nuovo questionario a 6 punti messo a punto da ricercatori di Napoli e Roma consente di rivelare la presenza della disfunzione sessuale femminile.
La disfunzione sessuale femminile nella donna con diabete è una nuova patologia i cui contorni si stanno definendo in questi ultimi anni. Molto più articolata di quella maschile, la disfunzione sessuale femminile può coinvolgere tutta una serie di ‘domìni’ della sessualità femminile: dal desiderio, all’eccitazione, fino all’orgasmo.
Per ... (Continua)

28/10/2013 Scoperte fondamentali per la lotta all’obesità

Come ti spengo la fame
Per chi ha sempre fame due notizie molto interessanti. La prima è che un team di ricerca della Cambridge University ha scoperto un “gene della fame” che induce a mangiare di continuo e rallenta il metabolismo.
Analizzando il Dna di oltre duemila persone, i ricercatori guidati da Sadaf Farooqi, che hanno pubblicato i dettagli sulla rivista Cell, hanno evidenziato una mutazione a carico di KSR2 che spinge le persone colpite a mangiare di più e a bruciare un minor numero di calorie.
Il dott. ... (Continua)

25/10/2013 16:21:48 Intanto viene ritirata la fenformina
Diabete, alla ricerca di una cura definitiva
La fenformina non è più un farmaco atto a curare il diabete di tipo 2. La casa produttrice Sanofi ha deciso di rinunciare alla sua commercializzazione (la fenformina è contenuta nel farmaco Bidiabe, ndr) dopo le pressioni degli esperti di mezzo mondo, che hanno riferito a più riprese dei possibili danni dovuti alla somministrazione del principio attivo, da tempo sostituito dalla più sicura metformina.
“La fenformina – spiega in una nota la Società italiana di diabetologia - è entrata in ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102| 103| 104| 105| 106| 107| 108| 109| 110| 111| 112| 113| 114

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale