Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 42

Risultati da 11 a 20 DI 42

03/02/2014 12:21:11 Il ruolo svolto dalla proteina JAM-A
Nuovo target terapeutico per la distrofia muscolare
Convogliare le cellule giuste nel posto giusto per aumentare le possibilità di cura delle distrofie muscolari. Si può riassumere così lo scopo dello studio condotto dal team di Elisabetta Dejana dell’IFOM (Istituto FIRC di Oncologia Molecolare) e dell’Università degli Studi di Milano in stretta collaborazione con Giulio Cossu del San Raffaele di Milano e dell’University College di Londra.
Lo studio, pubblicato su EMBO Molecular Medicine, descrive un meccanismo d’azione finora sconosciuto che ... (Continua)
10/10/2013 19:55:43 Famiglia di molecole sintetiche per la cura delle malattie genetiche

Morfolino
Il termine morfolino indica una particolare famiglia di molecole sintetiche in grado di modificare l'espressione dei geni. Questa abilità comincia ad essere sfruttata per cercare di curare le malattie genetiche, in particolare quelle in cui si verifica un'espressione genica anomala.
Recentemente, un oligonucleotide morfolino antisenso, chiamato eteplirsen, è stato messo a punto al fine di trattare la distrofia muscolare di Duchenne (DMD).
La DMD è una malattia genetica neuromuscolare ... (Continua)

05/07/2013 20:11:46 Un nuovo farmaco potrebbe rivelarsi efficace
Distrofia muscolare di Duchenne
La distrofia muscolare di Duchenne è determinata da alterazioni di un gene localizzato nel cromosoma X. Questo gene contiene le informazioni per la produzione di una proteina chiamata distrofina, la cui assenza porta alla degenerazione del tessuto muscolare e alla perdita delle abilità motorie. La malattia si manifesta solo nei maschi (1 su 3.500 nati). Si stima che in Italia ci siano circa 5.000 persone affette dalla malattia. Attualmente non esiste una cura per prevenire la progressione ... (Continua)
10/10/2012 11:13:57 Buoni i risultati di un trial di fase II
Eteplirsen per la distrofia di Duchenne
Un nuovo composto denominato eteplirsen si è mostrato efficace nel contrasto della distrofia muscolare di Duchenne, come si evince da uno studio di fase IIb condott su un campione di pazienti affetti dalla grave patologia e divisi in due sottogruppi, uno dei quali ha assunto il farmaco mentre l'altro soltanto placebo. Per misurare i miglioramenti è stato utilizzato il 6-minute walk test (6MWT).
Eteplirsen – prodotto dalla casa farmaceutica Sarepta Therapeutics - somministrato una volta alla ... (Continua)
03/08/2012 12:14:08 Anche un sorriso ‘finto’ aiuta a combattere lo stress

Meglio un sorriso che niente
Secondo un recente studio, con un sorriso siamo in grado di ridurre i livelli di stress e di abbassare la frequenza cardiaca durante momenti difficili.
"La prossima volta che rimaniamo bloccati nel traffico o stiamo vivendo un altro tipo di stress, potremmo tentare di sorridere, almeno per un attimo", ci dice la ricercatrice Sarah Pressman dell’Università del Kansas; “non solo ci aiuterà psicologicamente a sopportare meglio la situazione, ma potrebbe effettivamente aiutare la salute del ... (Continua)

09/07/2012 Il risultato apre la strada a nuovi metodi di diagnosi prenatale

Mappato il Dna di un feto grazie al sangue materno
Un giorno potremo dire addio all'amniocentesi e agli altri esami per la diagnosi prenatale caratterizzati da un certo grado di invasività. Un team dell'Università di Stanford, negli Stati Uniti, è riuscito infatti a mappare il Dna di un feto basandosi esclusivamente su un prelievo di sangue materno.
In caso di diagnosi precoce di malattie genetiche, i medici potrebbero anticipare i trattamenti necessari per la sopravvivenza del bambino. I ricercatori californiani hanno analizzato le cellule ... (Continua)

28/06/2012 Utilizzo delle staminali indotte alla pluripotenza
Terapia cellulare per la distrofia muscolare
Uno studio italiano getta le basi per una nuova strategia di terapia cellulare per le distrofie muscolari. La ricerca, pubblicata su Science Translational Medicine, ha preso il via nel 2009 presso l’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano anche con il finanziamento di Parent Project Onlus.
Le iPSC (dall'inglese Induced Pluripotent Stem Cells) sono un tipo di cellule staminali pluripotenti, del tutto analoghe alle staminali embrionali, create in laboratorio da normali cellule somatiche ... (Continua)
31/01/2012 12:08:04 Un'alternativa ai corticosteroidi per controllare il danno muscolare
Nuova terapia per la distrofia muscolare
Una ricerca italiana ha messo a punto una nuova terapia farmacologica per la distrofia muscolare. L'obiettivo del trattamento è il danno muscolare provocato dalla patologia.
Si tratta di uno studio nato da una collaborazione tra il gruppo diretto dal prof Emilio Clementi, ordinario in Farmacologia dell’Università di Milano, e l’Unità Neuromuscolare dell’IRCCS Medea, diretta dalla Dott.ssa Grazia D’Angelo all’interno del Reparto di Riabilitazione Funzionale.
I risultati dello studio, che ... (Continua)
17/10/2011 Meccanismo difettoso può portare alla mancata produzione del muscolo
Duchenne, scoperta la funzione esca dell'RNA
Scoperto un meccanismo inedito delle molecole di RNA, la creazione di falsi bersagli per dirottare altre molecole che potrebbero inattivare l'RNA messaggero. Quest'ultima regola la sintesi delle proteine.
Nel caso in cui questo meccanismo fosse difettoso, ciò comporterebbe la mancata produzione di proteine essenziali alla formazione del muscolo, un problema associato alla distrofia di Duchenne: è l’Rna esca (decoy in gergo tecnico), che impedisce la distruzione del messaggio contenuto nei ... (Continua)
04/08/2011 Studio italiano su potenziale nuova tecnica contro la malattia
Fibrosi cistica, la speranza viene dal freddo
La bassa temperatura per ripristinare la funzione della proteina alterata nei pazienti affetti da fibrosi cistica, una delle malattie genetiche più frequenti e studiate: a descriverlo sulle pagine dell’American Journal of Physiology è Luis Galietta, ricercatore dell’Istituto Gaslini di Genova, che grazie anche a fondi Telethon sta studiando da anni come far fronte alle anomalie di CFTR, proteina responsabile dello scambio di cariche elettriche attraverso la membrana delle cellule epiteliali e ... (Continua)

  1|2|3|4|5

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale