Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 2362

Risultati da 1101 a 1110 DI 2362

09/01/2013 11:39:25 Modifiche sostanziali a carico delle nostre capacità empatiche

Come la tecnologia sta plasmando il cervello
Se il mondo come lo conosciamo non sarà più lo stesso grazie alle nuove tecnologie, lo stesso assunto vale anche per noi stessi. Computer, smartphone, tablet, con il loro corollario di applicazioni, social network e chi più ne ha più ne metta, stanno riuscendo laddove hanno fallito filosofi e ideologi: la creazione di un uomo nuovo. Perlomeno da un punto di vista cerebrale.
Una sperimentazione condotta nei laboratori della Stanford University rivela dettagli interessanti e per certi versi ... (Continua)

09/01/2013 Nesso fra consumo di bevande zuccherate e disturbi dell'umore

Maggior rischio di depressione con le bibite
Una recente ricerca americana sottolinea il maggior rischio di depressione associato al consumo delle bevande dolcificate. La ricerca, firmata da studiosi dei National Institutes of Health del Research Triangle Park in North Carolina, segnala in particolare il pericolo insito nel consumo delle bibite cosiddette “diet”, ovvero edulcorate con aspartame o altri dolcificanti.
Il primo autore dello studio, Honglei Chen, spiega: “le bevande dolcificate, il caffè e il tè sono comunemente consumate ... (Continua)

09/01/2013 In sperimentazione molecole che bloccano la proliferazione cellulare
Nuovi farmaci per fermare il cancro
Sono in fase di test alcuni farmaci che hanno come obiettivo di bloccare la proliferazione cellulare incontrollata che si verifica in caso di cancro. La sperimentazione è frutto del lavoro di un'équipe di ricercatori dell'Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) che lavora presso il dipartimento di Drug Discovery and Development diretto dal prof. Daniele Piomelli.
Stando ai primi risultati, alcune molecole sotto esame sarebbero in grado di influenzare l'attività della ceramidasi acida, proteina ... (Continua)
08/01/2013 Bacillus cereus mette in moto un processo di intossicazione cellulare

Diarrea spesso scatenata da una tossina
Nuove possibili strategie per la sicurezza alimentare potrebbero derivare da uno studio della Scuola di Scienza Veterinaria Norvegese, che ha studiato il caso di avvelenamento da cibo causato dal Bacillus cereus.
Il batterio produce una tossina a tre proteine che, perforando e uccidendo le cellule intestinali, favorisce l'insorgenza della diarrea. Lo studio norvegese, coordinato da Danh Phung e pubblicato on line sul sito dell'istituto, svela le strutture proteiche della tossina.
Per ... (Continua)

08/01/2013 Soluzione possibile per la retinite pigmentosa

Nuova sperimentazione per riacquistare la vista
Un team di ricercatori inglesi è riuscito a ridare la vista a dei topolini ciechi. Gli scienziati dell'Università di Oxford hanno iniettato nelle cavie delle cellule sensibili alla luce facendogli riacquistare la vista nel giro di qualche settimana.
Le cellule precursori innestate dal team guidato da Robert MacLaren hanno infatti impiegato due settimane prima di stabilizzarsi e trasformarsi in elementi costitutivi di una nuova retina. Il risultato ovviamente alimenta le speranze di una ... (Continua)

04/01/2013 Terapia di prima scelta in caso di calcolosi

La litotrissia per eliminare i calcoli renali
La calcolosi renale è una patologia molto diffusa di carattere lesivo nei confronti delle funzioni renali, sia che i calcoli si sviluppino nei reni sia nell'uretere. Negli ultimi decenni ci sono stati importanti evoluzioni per quanto concerne la terapia.
I calcoli si formano nel momento in cui i sali presenti all'interno dell'organismo non vengono diluiti in maniera adeguata. Quando la concentrazione di sali diviene troppo elevata si formano nelle vie urinarie dei cristalli, ovvero dei ... (Continua)

03/01/2013 12:16:09 Episodio di contaminazione in Toscana
Rischio trichinellosi mangiando carne cruda
Un piccolo focolaio epidemico di trichinellosi si è verificato negli scorsi giorni in Toscana. Un gruppo di 26 persone residenti nell'alta valle del Serchio, in provincia di Lucca, ha contratto la patologia a causa della presenza di un parassita – la trichinella – nella carne di cinghiale consumata dopo la cacciagione.
Il focolaio, tuttavia, è stato subito circoscritto e le persone colpite curate, come conferma una nota della Asl di Lucca. I medici sono arrivati alla diagnosi di ... (Continua)
02/01/2013 16:23:46 Il gioiello di IBM potrà presto avere un ruolo in corsia

Watson, il supercomputer indossa il camice
Elementare, Watson! D'ora in poi, l'altezzoso tic verbale reso celebre da Sherlock Holmes potrebbe subire un rovesciamento totale. Il supercomputer creato da IBM che riporta alla mente il medico/spalla del famoso detective – ma che in realtà deve il suo nome al primo presidente della società informatica Thomas J. Watson – potrebbe costituire la base per diagnosi e trattamenti, affiancando i medici nella valutazione dei casi.
Watson è un esempio di intelligenza artificiale evoluta in grado di ... (Continua)

02/01/2013 Mangiare con calma aiuta a ridurre il senso di fame

Elogio della lentezza per dimagrire
Hanno aspettato il momento migliore dell'anno, la fine delle feste, per pubblicare la propria ricerca. Gli scienziati dell'Università di Birmingham rivelano, infatti, il segreto per dimagrire, che risiederebbe nella masticazione lenta.
Nello studio, pubblicato su Appetite e rilanciato dal quotidiano Daily Mail, risulta evidente che una masticazione lenta aiuta a ridurre il senso di fame che può coglierci durante il giorno. Secondo i risultati, le persone che masticano lentamente alla fine ... (Continua)

27/12/2012 15:18:48 I valori pressori migliorano con l'aggiunta del sartano
Olmesartan, effetto positivo sui nefropatici
In chi è affetto da ipertensione associata a nefropatia cronica l'aggiunta di olmesartan nella terapia di contrasto migliora i valori pressori attraverso una riduzione in particolare dei valori notturni, che costituiscono un fattore predittivo particolarmente affidabile di rischio cardiorenale, e l'inibizione contemporanea del danno renale.
Il dato emerge da una ricerca giapponese condotta dall'Università di Yokohama, che ha seguito 46 pazienti nefropatici cronici e ipertesi, una parte dei ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102| 103| 104| 105| 106| 107| 108| 109| 110| 111| 112| 113| 114| 115| 116| 117| 118| 119| 120| 121| 122| 123| 124| 125| 126| 127| 128| 129| 130| 131| 132| 133| 134| 135| 136| 137| 138| 139| 140| 141| 142| 143| 144| 145| 146| 147| 148| 149| 150| 151| 152| 153| 154| 155| 156| 157| 158| 159| 160| 161| 162| 163| 164| 165| 166| 167| 168| 169| 170| 171| 172| 173| 174| 175| 176| 177| 178| 179| 180| 181| 182| 183| 184| 185| 186| 187| 188| 189| 190| 191| 192| 193| 194| 195| 196| 197| 198| 199| 200| 201| 202| 203| 204| 205| 206| 207| 208| 209| 210| 211| 212| 213| 214| 215| 216| 217| 218| 219| 220| 221| 222| 223| 224| 225| 226| 227| 228| 229| 230| 231| 232| 233| 234| 235| 236| 237

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale