Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 2362

Risultati da 1611 a 1620 DI 2362

13/10/2010 10:22:49 Nuovo studio identifica i geni che predispongono alla patologia

I geni dell'asma
Uno studio finanziato dall'UE ha identificato molte varianti genetiche che sostanzialmente aumentano la suscettibilità all'asma, una scoperta che secondo gli scienziati aiuterà a sviluppare migliori terapie per questa malattia.
Le scoperte dello studio sono state pubblicate sul New England Journal of Medicine.
Il team di ricerca, guidato da scienziati dell'Imperial College di Londra nel Regno Unito, ha analizzato campioni di DNA (acido deossiribonucleico) di 10.000 bambini e adulti con ... (Continua)

07/10/2010 Le armi della prevenzione
Le vene blu sulle gambe
D’accordo gli esperti: ci si preoccupa principalmente del fattore estetico.
E si ignora così che i primi antiestetici segni sulle gambe
possono essere l’anticamera
di patologie anche gravi
e portare al ricovero in ospedale.
In agguato, addirittura, l’embolia polmonare.
Ecco le armi della prevenzione:
corretto stile di vita, flavonoidi micronizzati
e calze elastiche.





Intervista a
Claudio Allegra

Presidente della Union ... (Continua)
05/10/2010 L'emopessina associata a maggiori possibilità di sopravvivenza in caso di sepsi

Sepsi, una proteina per guarire
Una ricerca sui meccanismi coinvolti nella sepsi grave ha concluso che il gruppo eme libero, un componente dell'emoglobina contenente ferro e altri atomi, gioca un ruolo chiave nell'evoluzione della malattia. La ricerca ha anche svelato il potenziale terapeutico di una molecola naturale che si nutre del gruppo eme. I risultati sono stati pubblicati nella rivista "Science Translational Medicine". La sepsi grave è solitamente causata da reazioni fisiologiche incontrollate a un'infezione, ... (Continua)

05/10/2010 Rimedio naturale per le lesioni cutanee

Il miele efficace per curare ustioni e ferite
Un antico rimedio per curare le ferite infette era quello di spalmarvi sopra del miele. Recentemente la scienza medica ha riscoperto questo prezioso alimento e il suo utilizzo sempre più diffuso ha dato vita a numerosi studi volti a confermare le sue proprietà antibatteriche e a documentarne l'importanza e il ruolo nel trattamento delle ferite.
Da tutti questi studi sono emersi dati interessanti. E' stato dimostrato che il miele favorisce la guarigione e la riduzione della contaminazione ... (Continua)

28/09/2010 Gli effetti della simulazione mentale sulla corteccia sensorimotoria

L'immaginazione stimola il sistema motorio
Recenti studi di neuroimmagine funzionale (fMRI) hanno rilevato un'interazione tra sistema linguistico e sistema motorio durante l'elaborazione di frasi che descrivono azioni. In pratica, leggere o ascoltare descrizioni di azioni attiva, oltre alle classiche aree linguistiche di Broca e di Wernicke, anche le aree motorie.
Ma qual è il ruolo della corteccia motoria primaria nei compiti linguistici? Come agisce l'interazione tra il sistema linguistico e quello motorio? Una ricercatrice ... (Continua)

24/09/2010 Ricerche sottolineano l'importanza del latte in una dieta equilibrata

Bere latte aiuta a perdere peso
Il consumo di latte e derivati associato al dimagrimento. Sembrerebbe un legame quantomeno azzardato, ma due diverse ricerche ne confermano l'esistenza. Il primo viene da Israele, da un gruppo di ricercatori della Ben Gurion University, che hanno analizzato i dati di 300 uomini e donne in sovrappeso fra i 40 e i 65 anni.
Gli scienziati hanno scoperto che chi assumeva latte e suoi derivati per un totale di circa 340 grammi al giorno registrava – seguendo un regime alimentare controllato – ... (Continua)

22/09/2010 Prima operazione del genere grazie a un progetto italo-canadese
Chirurgia a distanza, arriva la tele-anestesia
Un paziente a cui è stata asportata la tiroide a Pisa ha potuto conoscere i chirurghi che lo hanno operato, ma non gli anestesisti. La ragione è che l'anestesia è stata praticata a distanza, una cosa che si può definire dell'altro mondo dal momento il team di anestesisti assisteva i chirurghi da Montreal, in Canada.
L'intervento è avvenuto il 30 agosto scorso e si tratta in assoluto del primo nel suo genere. I medici che controllavano i parametri del paziente e che hanno deciso il tipo di ... (Continua)
21/09/2010 Ricercatori europei mettono a punto un nuovo dispositivo elettronico
Ustioni, test più rapidi per scovare i batteri infettivi
Le vittime di ustioni possono sperare in riprese più rapide grazie ai ricercatori europei che hanno identificato i batteri o funghi dannosi che spesso si annidano nelle ustioni, causando infezioni e ritardando il processo di guarigione. L'UE ha sostenuto la ricerca attraverso il progetto WOUNDMONITOR.
Finora, i medici dovevano affidarsi a test microbiologici per identificare quali batteri causavano le infezioni agli ustionati. Questo procedimento era lento e lungo. Tuttavia, ricercatori ... (Continua)
14/09/2010 Il disinfettante usato nelle piscine può provocare il cancro

Tumori, rischio cloro
L'allarme arriva da una ricerca spagnola pubblicata sullo US Journal Environmental Health Perspectives. Secondo gli studiosi iberici del Centro di Ricerca per l'epidemiologia ambientale (Creal) e dell'Istituto di Ricerca dell'Ospedale del Mare di Barcellona, il cloro può causare mutazioni del corredo genetico e l'insorgenza del cancro.
Come parametro di valutazione, i ricercatori hanno esaminato un gruppo di nuotatori che frequentavano piscine al coperto trattate appunto con la sostanza ... (Continua)

10/09/2010 Al Fatebenefratelli di Milano tecniche chirurgiche mininvasive

Mal di schiena, tecniche innovative
Con l’invecchiamento della popolazione sono aumentati anche gli italiani che accusano disturbi alla colonna vertebrale. Dopo i 45 anni, il 50% degli italiani soffre di mal di schiena più volte l’anno. L’impatto sociale di queste patologie e gli effetti sulla qualità della vita sono estremamente negativi se si pensa che 1/3 dei casi deve sospendere temporaneamente l’attività lavorativa.
È evidente che le cause del mal di schiena sono diverse, ma i fattori “meccanici” come discopatie, ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102| 103| 104| 105| 106| 107| 108| 109| 110| 111| 112| 113| 114| 115| 116| 117| 118| 119| 120| 121| 122| 123| 124| 125| 126| 127| 128| 129| 130| 131| 132| 133| 134| 135| 136| 137| 138| 139| 140| 141| 142| 143| 144| 145| 146| 147| 148| 149| 150| 151| 152| 153| 154| 155| 156| 157| 158| 159| 160| 161| 162| 163| 164| 165| 166| 167| 168| 169| 170| 171| 172| 173| 174| 175| 176| 177| 178| 179| 180| 181| 182| 183| 184| 185| 186| 187| 188| 189| 190| 191| 192| 193| 194| 195| 196| 197| 198| 199| 200| 201| 202| 203| 204| 205| 206| 207| 208| 209| 210| 211| 212| 213| 214| 215| 216| 217| 218| 219| 220| 221| 222| 223| 224| 225| 226| 227| 228| 229| 230| 231| 232| 233| 234| 235| 236| 237

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale