Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 2362

Risultati da 391 a 400 DI 2362

08/04/2015 16:28:00 Ricerche giungono a conclusioni diverse

Farmaci in gravidanza, dubbi sui macrolidi
Il rapporto tra farmaci e gravidanza è sempre complesso da interpretare. Ciò vale a maggior ragione per una precisa classe di medicinali, i macrolidi, antibiotici spesso prescritti per il trattamento di infezioni o semplicemente per profilassi in caso di parto pretermine.
Secondo uno studio pubblicato su Plos One, i macrolidi aumenterebbero solo di poco il rischio di paralisi cerebrale ed epilessia nei bambini di donne che li assumono durante la gestazione.
Lo studio è stato coordinato da ... (Continua)

08/04/2015 15:12:00 Più rischioso rispetto all'insulina

L'antidiabetico gliburide fa male in gravidanza
Prescrivere gliburide a una donna diabetica in gravidanza potrebbe non essere la scelta migliore. Uno studio pubblicato su Jama Pediatrica rivela infatti che il farmaco è associato a un rischio neonatale più alto, con la possibilità di disturbi quali distress respiratorio, ipoglicemia, macrosomia e traumi da parto, il tutto con una frequenza maggiore rispetto all'insulina.
Wendy Camelo Castillo, la coordinatrice della ricerca che lavora presso l'Università del Maryland di Baltimora, spiega: ... (Continua)

08/04/2015 11:14:00 Identificazione del rischio associata anche ad altri fattori

Cancro, le mutazioni genetiche non sono sufficienti
La scelta dell'attrice americana Angelina Jolie di farsi asportare prima il seno e poi le ovaie ha fatto scalpore, rinnovando il dibattito sul modo migliore per prevenire il cancro. La donna è portatrice di una mutazione genetica a carico di Brca1 e Brca2, che stando ai suoi medici avrebbe accresciuto in maniera decisiva il rischio di cancro al seno e alle ovaie.
Tuttavia, uno studio dell'Università della Pennsylvania pubblicato su Jama rivela che, nonostante la presenza delle mutazioni, le ... (Continua)

02/04/2015 16:54:00 Un maggior consumo di frutti riduce le prescrizioni di farmaci

Più mele, meno farmaci
Forse non toglierà di mezzo il medico, ma di sicuro il farmacista. Uno studio dell'Università del Michigan rivela infatti che il consumo di una mela al giorno ha l'effetto di ridurre le prescrizioni dei farmaci piuttosto che le visite del medico.
La ricerca, condotta su un campione di 8,399 persone, è stata pubblicata su Jama Internal Medicine. Chi dichiarava di mangiare una mela al giorno rappresentava solo il 9 per cento del campione (753 soggetti), mentre i non consumatori erano il 91%, ... (Continua)

02/04/2015 11:07:00 Sensibilità al glutine chiamata in causa in un caso su quattro

Glutine responsabile della sindrome del colon irritabile
Se interrompe l’assunzione di cibi con glutine un paziente su quattro non soffre più dei sintomi e dei disturbi sinora attribuiti alla sindrome del colon irritabile o ad altre alterazioni del funzionamento dell’apparato digerente.
Lo mostra lo studio “Glutox” dell’Associazione Italiana Gastroenterologi ed endoscopisti Ospedalieri (AIGO) che ha come obiettivo verificare la reale diffusione della sensibilità al glutine, patologia diversa dalla celiachia e caratterizzata dagli stessi ... (Continua)

01/04/2015 11:31:22 Ipotesi dei ricercatori italiani per il misterioso fenomeno della morte in culla

Sids provocata da una carenza di glutammato
La morte in culla è un evento ancora in parte misterioso. Il ricercatore italiano Giovanni Andrisani avanza un'ipotesi sulla rivista Medical Hypoteses che si basa sulla presunta insufficienza di glutammato.
Il deficit avrebbe un effetto deleterio nella formazione reticolare del tronco cerebrale. I bambini colpiti in realtà non manifestano alcun sintomo, e il fenomeno si manifesta in maniera improvvisa nel corso del primo anno di vita e nella maggior parte dei casi durante il sonno.
La ... (Continua)

31/03/2015 15:03:00 Si punta alla creazione di beta cellule pancreatiche
Nuova cura per il diabete grazie alle staminali
Sta per partire un progetto di ricerca che ha come scopo la creazione di beta cellule pancreatiche da cellule staminali da utilizzare per la cura del diabete. La tecnica potrà servire negli screening sulla gamma di composti di AstraZeneca per la ricerca di nuove cure del diabete.
La collaborazione fra AstraZeneca e Harvard Stem Cell Institute (HSCI) mira anche a capire meglio come la funzione delle cellule beta si declini nel diabete. I risultati della ricerca saranno messi a disposizione ... (Continua)
31/03/2015 11:10:00 Confermata dallo studio Partner

L'efficacia della Tavi a 5 anni
L’impianto transcatetere di valvola aortica (TAVI) si dimostra efficace anche a distanza di 5 anni dall'intervento. La valvola cardiaca transcatetere SAPIEN si conferma essere un intervento efficace quanto la chirurgia tradizionale e con risultati duraturi per le persone con stenosi aortica grave ritenuti a rischio elevato per poter affrontare un intervento di sostituzione valvolare tradizionale a torace aperto.
Sono i risultati conclusivi a 5 anni dello studio PARTNER, il primo e più ... (Continua)

30/03/2015 16:07:00 Quoziente intellettivo più alto per i bambini allattati al seno

Più allatti, più tuo figlio sarà intelligente
L'allattamento al seno è sinonimo di intelligenza, si sa. Uno studio pubblicato su The Lancet rivela che più tempo la madre riuscirà ad allattare il bimbo al seno, più quest'ultimo ne beneficerà in termini di intelligenza.
Uno degli autori dello studio, Bernardo Lessa Horta dell'Università federale di Pelotas, in Brasile, spiega: “l'effetto dell'allattamento al seno sullo sviluppo cerebrale e sull'intelligenza è ben definito, ma i suoi effetti in età adulta sono meno chiari. Contrariamente a ... (Continua)

27/03/2015 Ricerca mostra la migliore predisposizione femminile nel gestire le informazioni

La memoria è delle donne
Per molti non sarà una sorpresa, ma una ricerca scientifica offre ora un’autorevole conferma, le donne ricordano di più e meglio degli uomini. Uno studio della Mayo Clinic and Foundation segnala la maggiore fragilità mnemonica degli uomini.
Il calo delle performance è un fenomeno che colpisce tutti, ma riguarda prima gli uomini, soprattutto attorno ai 40 anni di età.
Clifford Jack, principale autore dello studio, spiega: “un calo della memoria è una cosa che capita a tutti. È una ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102| 103| 104| 105| 106| 107| 108| 109| 110| 111| 112| 113| 114| 115| 116| 117| 118| 119| 120| 121| 122| 123| 124| 125| 126| 127| 128| 129| 130| 131| 132| 133| 134| 135| 136| 137| 138| 139| 140| 141| 142| 143| 144| 145| 146| 147| 148| 149| 150| 151| 152| 153| 154| 155| 156| 157| 158| 159| 160| 161| 162| 163| 164| 165| 166| 167| 168| 169| 170| 171| 172| 173| 174| 175| 176| 177| 178| 179| 180| 181| 182| 183| 184| 185| 186| 187| 188| 189| 190| 191| 192| 193| 194| 195| 196| 197| 198| 199| 200| 201| 202| 203| 204| 205| 206| 207| 208| 209| 210| 211| 212| 213| 214| 215| 216| 217| 218| 219| 220| 221| 222| 223| 224| 225| 226| 227| 228| 229| 230| 231| 232| 233| 234| 235| 236| 237

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale