Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 2362

Risultati da 801 a 810 DI 2362

14/01/2014 14:21:00 Benefici per i più anziani ma inutile nella popolazione adulta

Il ruolo della vitamina D nella prevenzione delle fratture
Si può ridurre il rischio di fratture negli anziani garantendo loro un giusto apporto di vitamina D, in una quantità pari a circa 30 ng/mL. A stabilirlo è una relazione dell'American Geriatrics Society (AGS).
James Judge, presidente del gruppo di lavoro AGS sull'integrazione di vitamina D negli anziani, spiega: “negli studi in cui si sono raggiunti livelli medi sierici superiori a 25 ng/mL, i tassi di cadute e fratture sono significativamente diminuiti”.
Secondo il documento, una dose ... (Continua)

11/01/2014 12:13:53 Le rate da pagare inducono uno stato di apprensione continuo

L'ansia da tasse, come gestirla
Le scadenze fiscali, si sa, sono come gli esami, non finiscono mai. Ci eravamo appena liberati dall'Imu che dobbiamo subito preoccuparci per le tante sigle e acronimi che continuano a pioverci addosso.
Questo calendario così fitto e serrato può indurre molti a sviluppare una vera e propria condizione ansiosa, a maggior ragione se si tiene conto della situazione economica contingente non certo entusiasmante.
Sale quindi il rischio di una serie di disturbi come l'insonnia, i pensieri ... (Continua)

09/01/2014 17:19:18 Ricerca italiana apre la strada a nuove interessanti prospettive

Terapia genica con interferone per il cancro
Utilizzare le proprietà antitumorali dell'interferone alfa senza gli effetti tossici conseguenti. È l'idea di una ricerca italiana che si serve di cellule staminali ematopoietiche da cui originano macrofagi che producono l'interferone laddove si sviluppa il cancro.
Si tratta di uno studio nato dalla collaborazione fra Università Vita-Salute San Raffaele di Milano e Istituto Telethon per la terapia genica (Tiget) pubblicato su Science Translational Medicine.
I ricercatori, coordinati da ... (Continua)

09/01/2014 10:39:00 Bambini esposti a rischio

Il bisfenolo aumenta il rischio di obesità
Il bisfenolo A (BPA), sostanza utilizzata fino a poco tempo fa per la produzione dei biberon e ancora oggi presente in bicchieri, lattine per bibite e altri contenitori di plastica comunemente utilizzati per gli alimenti, potrebbe essere associato anche all’obesità infantile.
Lo studio condotto da un team di ricercatori della Seconda Università degli Studi di Napoli su 98 bambini obesi, ha infatti riscontrato una correlazione tra Bisfenolo A e resistenza insulinica, solitamente associata ... (Continua)

08/01/2014 15:34:52 I ritardanti di fiamma aumentano il rischio della neoplasia

Il ruolo dei PBDE nel cancro alla tiroide
Un team di ricercatori dell'Università di Yale ha associato l'esposizione ai ritardanti di fiamma a un maggior rischio di cancro alla tiroide. Gli eteri di difenile polibromurato (PBDE) sono sostanze chimiche contenute in moltissimi prodotti di uso comune come smartphone, tablet, computer, televisori, forni a microonde, materassi e tanti altri. Servono a evitare che i prodotti che utilizziamo prendano improvvisamente fuoco magari a causa di una temperatura di esercizio troppo ... (Continua)

07/01/2014 11:13:00 Un rischio inferiore anche del 30 per cento

La dieta mediterranea previene il diabete
L'assunzione di alimenti tipici della dieta mediterranea è associata a una riduzione del rischio di insorgenza del diabete pari al 30 per cento. A dirlo è una ricerca dell'Università di Rovira i Virgili di Tarragona, in Spagna, pubblicata sulla rivista Annals of Internal Medicine.
Il prof. Jordi Salas-Salvado e i suoi colleghi hanno coinvolto oltre 3500 soggetti di età compresa fra i 55 e gli 80 anni. I volontari, seguiti per 4 anni, mostravano un rischio aumentato di patologie cardiache e ... (Continua)

04/01/2014 12:06:40 Non c'è solo la l'antibiotico-resistenza a preoccupare

Il segreto dei batteri persistenti
Sempre più spesso si fa riferimento alla resistenza agli antibiotici come a un fenomeno in aumento. Tuttavia, c'è un'altra categoria di batteri che pur non riuscendo a resistere agli antibiotici riescono in ogni caso a sottrarsi all'azione dei farmaci rimanendo in uno stato di inattività che li protegge.
Si chiamano “batteri persistenti” e possono risvegliarsi all'improvviso infettando nuovamente l'organismo che li ospita.
Una ricerca della Hebrew University di Gerusalemme ha scoperto il ... (Continua)

03/01/2014 14:31:00 Ritorno di fiamma dell'infezione che sembrava eradicata

L'Aids ricompare nei “pazienti di Boston”
I “pazienti di Boston” che tanto avevano alimentato le speranze del mondo intero per una possibile vittoria sull'Aids hanno di nuovo a che fare con il virus. Due pazienti sieropositivi erano stati sottoposti fra il 2008 e il 2010 a un trapianto di midollo osseo che aveva curato un linfoma.
Tuttavia, il trapianto aveva prodotto anche l'eliminazione – o almeno così sembrava – del virus dell'Hiv nel sangue. Per un lungo periodo di follow up i medici non hanno più riscontrato la presenza del ... (Continua)

02/01/2014 12:28:24 I rischi dell'arteriopatia ostruttiva degli arti inferiori

La malattia delle vetrine, come scoprirla
A quanto pare c'è anche una “malattia delle vetrine”. L'improbabile definizione fa riferimento all'arteriopatia ostruttiva degli arti inferiori o Pad (dall'acronimo inglese Peripheral arterial disease), una patologia insidiosa che colpisce le gambe.
Chi ne è affetto soffre di un'ostruzione progressiva dei vasi arteriosi periferici che comporta il più delle volte il sopraggiungere di dolori da crampi muscolari all'altezza del polpaccio, della coscia o della natica nel momento in cui si ... (Continua)

31/12/2013 10:44:41 Il miglioramento avviene indipendentemente dall'operazione

Intervenire sul menisco non serve
Quando si soffre per un dolore al ginocchio persistente e attribuibile all'usura del menisco, l'intervento chirurgico per riparare i tessuti è sostanzialmente inutile.
A dirlo è uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine da un gruppo di ricercatori dell'Università di Helsinki, i quali hanno arruolato 160 volontari non affetti da traumi o da osteoartrite, ma che accusavano un dolore al ginocchio provocato apparentemente dall'usura del menisco.
La metà del campione si è ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102| 103| 104| 105| 106| 107| 108| 109| 110| 111| 112| 113| 114| 115| 116| 117| 118| 119| 120| 121| 122| 123| 124| 125| 126| 127| 128| 129| 130| 131| 132| 133| 134| 135| 136| 137| 138| 139| 140| 141| 142| 143| 144| 145| 146| 147| 148| 149| 150| 151| 152| 153| 154| 155| 156| 157| 158| 159| 160| 161| 162| 163| 164| 165| 166| 167| 168| 169| 170| 171| 172| 173| 174| 175| 176| 177| 178| 179| 180| 181| 182| 183| 184| 185| 186| 187| 188| 189| 190| 191| 192| 193| 194| 195| 196| 197| 198| 199| 200| 201| 202| 203| 204| 205| 206| 207| 208| 209| 210| 211| 212| 213| 214| 215| 216| 217| 218| 219| 220| 221| 222| 223| 224| 225| 226| 227| 228| 229| 230| 231| 232| 233| 234| 235| 236| 237

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale