Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 454

Risultati da 101 a 110 DI 454

29/01/2015 14:31:48 Il ruolo della genetica rivelato rivelato dall'approccio dei Big Data

Nuovi sistemi per la valutazione delle scansioni cerebrali
La potenza di calcolo offerta dalle nuove tecnologie potrebbe diventare essa stessa uno strumento importante nell'ambito della ricerca medica. Il consorzio Enigma ne è la testimonianza. Un gruppo di neuroscienziati e ricercatori di varie specializzazioni ha messo a confronto oltre 30mila scansioni cerebrali con il Dna delle persone sottoposte a risonanza magnetica, giungendo a identificare numerosi geni che sembrano poter giocare un ruolo importante nei vari fenomeni cerebrali.
“Enigma sta ... (Continua)

27/01/2015 14:28:02 Studio internazionale ne rivela l'efficacia contro diversi tipi di tumori

Dagli endo-cannabinoidi una speranza contro il cancro
Nuovi farmaci in grado di combattere con efficacia il cancro potrebbero presto essere sviluppati sulla base delle proteine e degli enzimi degli endo-cannabinoidi. Si tratta di molecole di lipidi prodotte fisiologicamente dal nostro organismo e che risultano fondamentali in particolare per la formazione dei neuroni.
Secondo quanto emerge da uno studio internazionale coordinato dal prof. Mauro Maccarrone dell'Università Campus Bio-Medico di Roma, gli endo-cannabinoidi sarebbero particolarmente ... (Continua)

27/01/2015 11:46:28 Bassi livelli di RMB3 accelerano la malattia
Il ruolo della «proteina del freddo» nell'Alzheimer
Una proteina espressa dall'organismo per prevenire la perdita di connessioni neurali alle basse temperature potrebbe aiutare i medici a trovare nuovi trattamenti per l'Alzheimer.
In fase di letargo, il cervello degli animali va incontro a una serie di modificazioni che servono ad affrontare il lungo periodo di sonno e il freddo. Al risveglio, per tornare alle normali attività cerebrali l'organismo ha bisogno di una proteina specifica, RMB3, che evita la perdita di connessioni e favorisce lo ... (Continua)
19/01/2015 17:20:00 Diverse ricerche intanto puntano a una diagnosi più veloce

Chi vive al nord rischia l'Alzheimer
Chi abita in zone dal clima freddo e meno soleggiato rischia di più l'insorgenza del morbo di Alzheimer. Lo dice una ricerca dell'Università di Edimburgo pubblicata sul Daily Mail. La spiegazione è la mancanza di esposizione ai raggi solari e il conseguente abbassamento dei livelli di vitamina D.
La vitamina D infatti viene sintetizzata dall'organismo in risposta all'esposizione al sole, e alcuni studi in passato hanno associato i bassi livelli della vitamina a un rischio maggiore della ... (Continua)

14/01/2015 11:02:20 Dati incoraggianti per la terapia combinata con riluzolo
Masitinib per la sclerosi laterale amiotrofica
Emergono dati rassicuranti sulla terapia combinata per la Sla a base di Masitinib e Riluzolo. Lo annuncia l'azienda farmaceutica AB Science, che ne sta sperimentando la validità e l'efficacia.
Secondo i risultati, per il trattamento della sclerosi laterale amiotrofica non sarebbero emersi problemi di sicurezza relativi al farmaco, anche se resta da capire gli eventuali benefici assicurati.
Masitinib è un inibitore della tirosina chinasi (TKI) somministrabile per via orale. L'obiettivo ... (Continua)
07/01/2015 11:08:51 Le sigarette rollate non garantiscono alcun beneficio

Anche le sigarette fai da te fanno male
Non ci sono scorciatoie in fatto di fumo. Per evitare i danni ormai noti al proprio organismo bisogna semplicemente astenersi. Anche l'idea di farsi le sigarette da sé comprando il tabacco nelle buste non assicura alcun beneficio.
Lo dice una ricerca della Victoria University di Wellington, in Nuova Zelanda, secondo cui addirittura l'abitudine di rollarsi le sigarette può essere controproducente dal momento che stimola una maggiore dipendenza rispetto a chi fa uso delle normali ... (Continua)

18/12/2014 09:34:36 I tradizionali giochi di società plasmano nuove forme mentali

I giochi di Natale che fanno bene al cervello
Tombola, Risiko, Monopoli, Cluedo e altri giochi da tavolo non solo allietano le giornate natalizie ma producono effetti positivi sul cervello dei partecipanti. Tutte queste attività ludiche, che comunemente sono inserite nei programmi delle Festività in famiglia, fanno bene alla mente e stimolano molte aree cerebrali, migliorando abilità cognitive, come la concentrazione.
«Il gioco, in tutte le sue forme, è un potente mental training», conferma il professor Giuseppe Alfredo Iannoccari, ... (Continua)

17/12/2014 10:46:06 Possibilità prefigurata da uno studio italiano

Un farmaco molecolare contro l'autismo
L'autismo potrebbe essere curato grazie a un farmaco molecolare. È questo il risultato di uno studio italiano apparso sulla prestigiosa rivista Nature Genetics. La ricerca, coordinata da Giuseppe Testa, apre la strada all’uso di farmaci molecolari non solo per la cura dell’autismo, ma più in generale delle malattie mentali del neurosviluppo.
Il Gruppo di ricerca IEO (Istituto Europeo di Oncologia), guidato da Giuseppe Testa - Responsabile del Laboratorio di Epigenetica delle Cellule ... (Continua)

03/12/2014 16:46:11 Si può utilizzare la sua struttura anomala per una diagnosi

Una proteina potrebbe scatenare la sclerosi multipla
Ci potrebbe essere una proteina dalla struttura anomala alla base dell'insorgenza della sclerosi multipla. Lo dice uno studio pubblicato su Frontiers in Neurology da un team della University of Surrey in collaborazione con i colleghi della University of Texas e dei PrioCam Laboratories.
I risultati ottenuti mostrano la particolarità della proteina sotto accusa, la cui tendenza ad “accartocciarsi” favorisce la formazione di aggregati che presentano con il passare del tempo una minaccia per il ... (Continua)

03/12/2014 Alzheimer ridotto grazie all'attività intellettuale

Chi parla due lingue previene l'Alzheimer
Parlare più lingue conviene. Non è utile soltanto se si viaggia o per lavoro, ma sembra anche fornire una sorta di protezione al cervello nei confronti del morbo di Alzheimer. Lo dice uno studio condotto dall'Università di Gent, in Belgio, che ha coinvolto 69 soggetti che parlavano soltanto la lingua madre e altri 65 che conoscevano anche una seconda lingua. I volontari appartenevano alle comunità dei Valloni e dei Fiamminghi, i gruppi linguistici in cui è diviso il Belgio.
Dopo aver ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale