Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 454

Risultati da 21 a 30 DI 454

12/04/2016 La sostanza agisce sulla proteina Gsk-3
10 anni di vita in più grazie al litio
Fra poco avremo a disposizione una pillola in grado di regalarci 10 anni di vita in più. La stanno testando i ricercatori dell’Ucl Institute of Healthy Ageing, del Max Planck Institute for Biology of Ageing e dello European Molecular Biology Laboratory.
Per ora la sperimentazione è stata condotta su degli insetti, ma i risultati sono incoraggianti e presto gli scienziati potrebbero organizzare trial clinici sull'uomo. La ricerca ha scelto come target la proteina Gsk-3 (glicogeno sintasi ... (Continua)
08/04/2016 16:58:35 Lista di procedure costose, inutili e potenzialmente dannose

Le pratiche da evitare in tossicologia
Gli esperti americani di tossicologia medica aderiscono alla campagna Choosing Wisely con una lista di 10 pratiche da evitare perché costose, spesso inutili e potenzialmente dannose. La lista è stata redatta dai medici dell'American college of medical toxicology e dell'American academy of clinical toxicology.
Ecco i 10 punti:

1) per il trattamento di una malattia o come forma preventiva non vanno utilizzati farmaci omeopatici, integratori alimentari non vitaminici o a base di erbe. ... (Continua)

30/03/2016 09:33:00 Una carenza di determinate sostanze facilita l'invecchiamento
Scoperte le molecole che ringiovaniscono
Un team di ricercatori giapponesi ha individuato le principali molecole presenti nel sangue quando invecchiamo e le ha confrontate con quelle presenti nel sangue di soggetti giovani.
Ne è scaturita una sorta di carta d'identità molecolare dell'invecchiamento. Gli scienziati dell'Istituto di Scienza e Tecnologia di Okinawa, diretti da Mitsuhiro Yanagida, hanno pubblicato su Pnas i dettagli della loro scoperta. L'analisi ha permesso di individuare composti molecolari deficitari nel sangue ... (Continua)
22/03/2016 16:41:00 Impiantata sotto pelle, ripulisce il cervello dalle molecole nocive

La capsula che previene l'Alzheimer
Basta una capsula per prevenire l'Alzheimer. È l'idea messa in campo dal Politecnico federale di Losanna, i cui ricercatori hanno realizzato un dispositivo da impiantare sottocute in grado di rilasciare in maniera graduale anticorpi che circolano nel flusso sanguigno. Il loro obiettivo è quello di eliminare gli accumuli di molecole tossiche, i frammenti di proteina beta-amiloide, alla base dell'insorgenza della malattia.
Lo studio, pubblicato su Brain, descrive la natura della capsula. Si ... (Continua)

18/03/2016 Dimezzato il rischio di insorgenza grazie all'attività fisica
Lo sport riduce il rischio di Alzheimer
Se non è ancora possibile curarlo, il morbo di Alzheimer può essere però prevenuto grazie a uno stile di vita ben preciso. Una ricerca condotta dall'Università della California di Los Angeles e dall'Università di Pittsburg ha quantificato i benefici derivanti dall'attività fisica nella prevenzione della temibile malattia neurodegenerativa.
L'analisi, pubblicata sul Journal of Alzheimer’s Disease, ha analizzato 876 anziani con un'età media di 78 anni che facevano parte del vasto studio ... (Continua)
17/03/2016 14:40:00 La stimolazione di neuroni specifici può ripristinarli

Alzheimer, alcuni ricordi non sono perduti per sempre
I malati di Alzheimer che si trovano nelle prime fasi della patologia possono recuperare almeno in parte i propri ricordi. Lo dimostra uno studio pubblicato su Nature da un gruppo di scienziati del Riken-Mit Center for Neural Circuit Genetics di Cambridge, negli Stati Uniti.
I ricordi apparentemente perduti in realtà vengono comunque immagazzinati dal cervello. Stimolando alcuni neuroni specifici nella regione dell'ippocampo è possibile recuperarli e salvarli dall'oblio. I ricercatori hanno ... (Continua)

17/03/2016 14:16:00 La Settimana Mondiale del Cervello segnala l'importanza della diagnosi precoce
Il tempo è cervello
Quando si tratta di malattie neurologiche il tempo è determinante. La Settimana Mondiale del Cervello, promossa in Italia dalla Società italiana di neurologia, lo ricorda attraverso incontri ed eventi che vertono proprio sul rapporto fra il tempo e le malattie neurologiche, con riferimento non solo all'urgenza, ma anche all’esigenza di diagnosi tempestive e di soluzioni anticipatorie nelle malattie croniche.
“Il fattore tempo – sostiene il Prof. Leandro Provinciali, Presidente della SIN – è ... (Continua)
14/03/2016 14:28:00 Se va oltre un terzo del peso corporeo il rischio di morte si impenna

Il grasso influenza la longevità
A influenzare negativamente la longevità umana non è tanto il peso corporeo in sé, quanto la percentuale di grasso. Un nuovo studio ha esaminato oltre 54mila adulti con età media di 60 anni, concludendo che in termini di mortalità è più importante stabilire la percentuale di grasso corporeo che non altri parametri come il Bmi, l'indice di massa corporea.
Lo studio, pubblicato su Annals of Internal Medicine, ha evidenziato come gli uomini con oltre il 36 per cento di grasso corporeo ... (Continua)

09/03/2016 12:29:00 Creato farmaco in grado di veicolare l’ormone direttamente nel cervello

Insulina e nanoparticelle per combattere l’Alzheimer
Analogamente a quanto accade ai diabetici, i pazienti affetti dal morbo di Alzheimer, conosciuto anche come Diabete di tipo 3, sviluppano una resistenza all’insulina cerebrale, condizione considerata un fattore di rischio per lo sviluppo della malattia. L’ormone, indotto come terapia sperimentale, è in grado di migliorare le facoltà cognitive in soggetti con l’Alzheimer, inibendo la neurodegenerazione.
Ora una ricerca coordinata dall’Istituto di biomedicina e immunologia molecolare del ... (Continua)

03/03/2016 09:23:00 Possibilità di traumi cerebrali ripetuti dalle conseguenze oscure

Il football americano crea danni al cervello
Un'altra ricerca ci ricorda quanto sia duro uno sport come il football americano. Nel laboratorio della Boston University School of Medicine, la prof.ssa Ann McKee ha analizzato i cervelli di 92 ex giocatori della Nfl, la lega professionistica americana, e di 55 ex giocatori di squadre di college.
«È incredibile cosa combinano ai propri cervelli», spiega la neuropatologa, che nella stragrande maggioranza dei casi ha trovato i segni della Encefalopatia traumatica cronica (Etc), la condizione ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale