Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 454

Risultati da 331 a 340 DI 454

12/05/2009 

Troppo alcol danneggia la memoria e favorisce la demenza
Attenzione a esagerare con i drinks: si può danneggiare seriamente il nostro cervello, perdendo la memoria e favorendo l'insorgere della demenza.
Lo afferma una ricerca svolta al Maudsley Hospital di Londra, pubblicata sulla rivista “Alcohol and Alcoholism”. Le donne sembrano più vulnerabili ai danni cerebrali e cognitivi provocati dal troppo alcol: in alcuni casi i bicchieri di troppo possono condurre anche all'Alzheimer.
Lo studio inglese imputa ai drinks alcolici in eccesso ben un ... (Continua)

08/05/2009 

Un gene-interruttore riattiva la memoria nell'Alzheimer
La perdita di memoria nell'Alzheimer potrebbe essere alleviata dall'azione di un gene che funziona da interruttore nel cervello e consente di recuperare i propri ricordi lontani nel tempo. La scoperta è stata pubblicata su “Nature”.
Alcuni studiosi del Picower Institute for Learning and Memory del Massachusetts Institute of Technology (MIT), guidati da Li-Huei Tsai, nel 2007 avevano già sperimentato su alcuni topi, affetti da una demenza simile all'Alzheimer, 11 enzimi inibitori ... (Continua)

17/04/2009 
CPHPC nuovo farmaco sperimentale contro l'Alzheimer
E' stato sperimentato con successo sull'uomo un farmaco che agisce sulle placche amiloidi dei pazienti affetti da amiloidosi sistemica. L'accumulo di placche amiloidi è uno dei caratteri distintivi del morbo di Alzheimer, così come di forme avanzate di diabete di tipo II. Da ciò la speranza che per l'Alzheimer esista una via farmacologica che ne impedisca lo sviluppo.
Il nuovo farmaco si chiama CPHPC ed è riuscito a eliminare la proteina amiloide sierica (Sap), che può scatenare ... (Continua)
10/04/2009 
Gli studi sulla funzione neuroprotettiva della cannabis
La cannabis potrebbe essere utilizzata come farmaco per curare gravi malattie neurodegenerative come l'ictus o la sclerosi multipla.
Alcuni principi attivi contenuti nella canapa indiana (Cannabis sativa) sono infatti capaci di svolgere un'azione neuro protettiva nei confronti delle lesioni neurologiche del cervello. Lo sostiene studio scientifico italiano, pubblicato sul “Journal of Neuroscience”, svolto dall'Irccs Fondazione Santa Lucia di Roma in collaborazione con l'università di ... (Continua)
24/03/2009 14:22:12 

Una fotocamera per aiutare i malati di Alzheimer
Scatta foto ogni 30 secondi per aiutare la memoria a breve termine di chi soffre del Morbo d'Alzheimer: si chiama SenseCam, si porta appesa al collo ed è stata realizzata nei laboratori di Cambridge, in Inghilterra, dalla Microsoft Research.
Tutti coloro che dimenticano subito e facilmente quello che è accaduto solo poco tempo prima possono trarre giovamento da questo strumento tecnologico portatile, che promette di migliorare la loro vita di relazione di ogni giorno.
L'intervallo di 30 ... (Continua)

16/03/2009 

Scoperto gene per fermare l'Alzheimer
Riuscire a fabbricare una proteina beta-amiloide sintetica che possa fermare la progressione del Morbo di Alzheimer, almeno nelle sue forme gravi e sporadiche.
Questa è la sensazionale prospettiva terapeutica che si delinea dallo studio svolto all'Istituto Neurologico “Carlo Besta” di Milano dal dott.Fabrizio Tagliavini in collaborazione con ricercatori dell'Università di Milano e dell'Istituto Mario Negri.
La ricerca, che sarà pubblicata sulla rivista “Science”, ha studiato il caso di un ... (Continua)

12/03/2009 15:19:59 

Scoperte a Verona cellule staminali nelle meningi
Nuova scoperta scientifica nel campo delle cellule staminali. Il lavoro è frutto di una ricerca dell’Università di Verona portata avanti nel Laboratorio di ricerca sulle cellule staminali, coordinato da Mauro Krampera, ricercatore della sezione di Ematologia diretta da Giovanni Pizzolo, e nel Laboratorio di ricerca della sezione di Farmacologia diretta da Guido Fumagalli grazie all’impegno di Francesco Bifari e Ilaria Decimo, giovani promesse della ricerca dell’ateneo veronese.
I risultati ... (Continua)

04/02/2009 16:26:16 
Curare l'Alzheimer con l'insulina come il diabete
La terapia a base dell'ormone insulina, utilizzata nella cura del diabete di tipo 2, potrebbe essere efficace anche per combattere il Morbo di Alzheimer.
La scoperta, che potrebbe, se confermata, aprire nuovi scenari terapeutici per questa grave demenza, viene da una ricerca condotta presso la Northwestern University (Usa) e l'Universita' di Rio de Janeiro (Brasile) e pubblicata sulla rivista “PNAS” (Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America).
Gli ... (Continua)
23/01/2009 09:56:04 

Scoperto il “tallone d’achille” del mieloma multiplo
I ricercatori del San Raffaele di Milano hanno scoperto un meccanismo che potrà essere sfruttato contro il mieloma multiplo, un grave tumore del midollo osseo.
Tutte le cellule presenti nel nostro corpo hanno un meccanismo naturale che consente loro di eliminare le proteine di scarto prodotte dall’attività cellulare. Se sovraccaricato, questo meccanismo genera stress. Gli studiosi hanno scoperto che questo stress può essere sfruttato nelle cellule tumorali del mieloma multiplo per renderle ... (Continua)

22/01/2009 15:25:15 

Calma e vita sociale attiva dimezzano il rischio di demenza
Intrattenere buone e numerose relazioni interpersonali può ridurre del 50% il rischio di sviluppare l'Alzheimer o altre forme di demenza.
Questo effetto benefico dell'amicizia, dell'amore e delle altre forme di socializzazione è stato scoperto in Svezia, grazie a una ricerca del Karolinska Institute di Stoccolma, pubblicata sul periodico “Neurology” e guidata dal dott. Hui-Xin Wang.
Lo studio ha preso in considerazione 506 anziani sani, monitorandoli per un periodo di 6 anni: 144 di loro, ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale