Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 1939

Risultati da 791 a 800 DI 1939

27/02/2013 Stato di veglia prolungato altera l'attività di molti geni

La mancanza di sonno modifica il Dna
Non dormire a sufficienza mette in crisi il nostro patrimonio genetico. A rivelarlo è una ricerca della University of Surrey pubblicata sulla rivista Pnas, che ha scoperto come uno stato di veglia protratto troppo a lungo alteri l'attività di una serie di geni fondamentali per le funzioni immunitarie.
Come noto, peraltro, la mancanza di sonno determina anche problemi di obesità, patologie cardiovascolari e declino cognitivo, anche se non si conoscono appieno i meccanismi molecolari alla base ... (Continua)

22/02/2013 Coagulazione del sangue come parametro per scovare deficit mnemonici

Problemi di memoria se il sangue coagula troppo in menopausa
Durante la menopausa un test del sangue potrebbe rivelare una maggior tendenza a incorrere in problemi di memoria. A dirlo è una ricerca della Mayo Clinic pubblicata su Neurology. Stando agli esiti dello studio, una tendenza più sviluppata alla coagulazione del sangue può segnalare un aumento del rischio di ictus e di danni al cervello, ma anche di deficit di memoria nelle donne che hanno superato i 45 anni.
Nello specifico, la ricerca ha sottolineato la correlazione fra coagulazione del ... (Continua)

21/02/2013 Strumento rivoluzionario per il contrasto alla patologia genetica
Fibrosi cistica, una banca dati on line per studiarla meglio
Immaginate un archivio senza le classiche lungaggini di consultazione. Una banca dati in grado di offrirvi il più strutturato e selezionato range di studi clinici e fonti di ricerca relative a un area di vostro interesse. Immaginatela online, aperta a tutti, di facile accesso e dedicata alla ricerca clinica sulla malattia genetica grave più diffusa: la fibrosi cistica.
Ebbene, oggi, questo database esiste. Merito della Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica Onlus che ha finanziato ... (Continua)
21/02/2013 Legame indissolubile fra il cibo che mangiamo e il riposo notturno

Mangiare bene per dormire meglio
Andare a letto leggeri. Mai come in questo caso il suggerimento sembra appropriato, stando ai risultati di uno studio condotto dalla Perelman School of Medicine dell'Università della Pennsylvania sulle abitudini di vita degli americani, con particolare attenzione alla dieta seguita e alla qualità del sonno.
Il segreto per un buon riposo sta innanzitutto nella varietà del regime alimentare che seguiamo. Chi tralascia di consumare il giusto apporto di proteine, vitamine e di altri nutrienti ... (Continua)

21/02/2013 L'iperintensità della materia bianca si associa all'accumulo di placche amiloidi

Alzheimer, scoperto un secondo fattore scatenante
Affinché si verifichi l'insorgenza del morbo di Alzheimer è necessario che all'accumulo anomalo di placche amiloidi si associ anche la cosiddetta iperintensità della materia bianca. A scoprirlo è uno studio del Columbia University Medical Center pubblicato su Jama Neurology.
Nel corso dello studio sono state analizzate 20 persone affette da Alzheimer, 59 colpite da un lieve declino cognitivo e 21 che costituivano il campione di controllo sano. I ricercatori hanno evidenziato come ... (Continua)

20/02/2013 La DBS svela nuove informazioni sulla malattia e migliora i sintomi
Stimolazione cerebrale per la sindrome di Tourette
La deep brain stimulation (DBS), ovvero la stimolazione cerebrale profonda, è in grado di migliorare i sintomi della sindrome di Tourette, una grave patologia neurologica che porta a diversi movimenti involontari del viso e del corpo, a tic verbali, a disturbi dell'attenzione e ad iperattività.
A confermarlo è uno studio appena pubblicato sulla rivista scientifica Neuroscience and Biobehavioral Reviews da un gruppo di ricercatori della Fondazione Ca’ Granda Policlinico di Milano, insieme ai ... (Continua)
20/02/2013 Alcuni pazienti sono tornati a vedere forme e figure

Retinite pigmentosa, le protesi funzionano
Circa 15 mila italiani convivono con la retinite pigmentosa, una malattia degenerativa dell’occhio di natura ereditaria, che colpisce le cellule della retina e può portare progressivamente alla cecità. Secondo le stime, ogni anno 30 italiani perdono la vista a causa della malattia e finora per loro non esistevano trattamenti o soluzioni. Prima nel mondo, l’Italia ha introdotto il sistema di protesi retinica della californiana Second Sight, che permette di restituire funzionalità visiva ai ... (Continua)

19/02/2013 Percentuali doppie rispetto agli uomini per la diversa conformazione fisica

Sulla neve il rischio caduta vale soprattutto per le donne
La settimana bianca spezza la monotonia del lavoro invernale, ma cela anche alcuni rischi, soprattutto per le donne. Rispetto agli uomini, ad esempio, le donne corrono più rischi di incorrere in distorsioni, il 42,1 per cento contro il 23,7.
Il perché di questa differenza lo spiega Silvia Malaguti, neurologa e specialista di disfunzioni pelvi-perineali del Centro Medico di Neurofisiologia e Biomeccanica applicata alle disfunzioni pelvi-perineali di Milano: “il corpo femminile ha delle ... (Continua)

15/02/2013 18:07:00 I risultati dello studio AMPLIFY-EXT condotto da ricercatori italiani
Terapia della trombosi venosa profonda con apixaban 
Buone notizie per i pazienti con trombosi venosa profonda (TVP) che anche dopo 6 -12 mesi di terapia anticoagulante "classica" non abbiano ancora raggiunto un ottimale equilibrio clinico per decidere la continuazione o la cessazione  del trattamento. L'utilizzo dell'Apixaban per un periodo di 12 mesi in questi pazienti si è dimostrato efficace e sicuro nel ridurre il rischio di TVP ricorrente senza aumentare il tasso di sanguinamento maggiore. È questa la conclusione dello studio ... (Continua)
13/02/2013 Un semplice esame del sangue per scoprire gli effetti dell'inquinamento

Un enzima svela il livello di intossicazione
Una semplice analisi del sangue potrà dirci se l'inquinamento che ci circonda ha effetti pesanti o meno sul nostro organismo. L'esame si basa su un enzima specifico che sembra in grado di rilevare l'accumulo delle sostanze tossiche come le polveri sottili, l'amianto e i pesticidi all'interno degli organi e dei tessuti.
La scoperta è frutto del lavoro di un'équipe dell'Università di Tor Vergata guidata dal prof. Giorgio Ricci, che ha pubblicato gli esiti dello studio sulla rivista Biochemical ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102| 103| 104| 105| 106| 107| 108| 109| 110| 111| 112| 113| 114| 115| 116| 117| 118| 119| 120| 121| 122| 123| 124| 125| 126| 127| 128| 129| 130| 131| 132| 133| 134| 135| 136| 137| 138| 139| 140| 141| 142| 143| 144| 145| 146| 147| 148| 149| 150| 151| 152| 153| 154| 155| 156| 157| 158| 159| 160| 161| 162| 163| 164| 165| 166| 167| 168| 169| 170| 171| 172| 173| 174| 175| 176| 177| 178| 179| 180| 181| 182| 183| 184| 185| 186| 187| 188| 189| 190| 191| 192| 193| 194

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale