Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 56

Risultati da 1 a 10 DI 56

11/07/2016 10:05:03 Il regime terapeutico tratta i 6 genotipi dell'Hcv

Epatite C, approvato Epclusa
Il trattamento per l'epatite C Epclusa è stato approvato dalla Commissione Europea. La terapia, costituita da Sofosbuvir 400 mg e Velpatasvir 100 mg, è il primo e unico regime a dosaggio fisso in grado di garantire tassi elevati di SVR (risposta virologica sostenuta) dopo un trattamento di sole 12 settimane in pazienti con tutti i genotipi di HCV.
La combinazione di sofosbuvir e velpatasvir (SOF/VEL) per 12 settimane è stata autorizzata per i pazienti senza cirrosi o con cirrosi compensata, ... (Continua)

07/06/2016 11:55:00 Ostacola la perdita di tessuto osseo dovuta agli antiretrovirali

Aids, acido zoledronico prima di iniziare la terapia
Prima di iniziare la terapia antiretrovirale nei pazienti colpiti da Hiv è preferibile somministrare una singola dose di acido zoledronico. Il farmaco ha l'effetto di impedire la perdita di tessuto osseo legata al trattamento nelle prime 48 settimane di terapia, stando alle conclusioni di uno studio apparso su Clinical Infectious Diseases.
«L'acido zoledronico è un farmaco che rallenta il riassorbimento osseo», spiega il dott. Ighovwerha Ofotokun della Emory University School of Medicine di ... (Continua)

23/10/2015 11:24:00 Più efficace e meno tossica delle altre soluzioni
Hiv, nuova pillola 4 in 1
Due studi di fase III hanno valutato le potenzialità di una singola compressa per il trattamento dell'Hiv. La formulazione prevede un'associazione fra elvitegravir 150 mg, cobicistat 150 mg, emtricitabina 200 mg e tenofovir alafenamide 10 mg, ed è indicata per il trattamento dell’infezione da HIV-1 nei pazienti adulti naïve al trattamento.
E/C/F/TAF è risultato essere statisticamente non inferiore rispetto a E/C/F/TDF (elvitegravir 150 mg, cobicistat 150 mg, emtricitabina 200 mg e tenofovir ... (Continua)
16/09/2015 10:50:00 Bastano 15 minuti per sapere se si è infetti

Un test rapido per l'Hiv
In Francia e in Gran Bretagna arrivano i primi test per la rilevazione dell'Hiv da effettuare in maniera autonoma con un semplice prelievo di sangue. Il test AAZ, prodotto da Mylan, ha un'efficacia assoluta, ma ha bisogno che il prelievo venga effettuato almeno 3 mesi dopo il rapporto sospetto.
“Bisogna trovare nuove vie per frenare il virus - ha detto il ministro della Salute francese Marisol Touraine - . È importante soprattutto per raggiungere quella parte di popolazione che non risponde ... (Continua)

21/07/2015 14:33:00 Una paziente francese in remissione da 12 anni

Aids sconfitto per la prima volta
L’Aids non è invincibile. Lo dimostra il caso di una ragazza francese di 18 anni, che si trova in stato di remissione da 12 anni. Sieropositiva dalla nascita, la bambina è stata sottoposta a cure intensive a base di antiretrovirali fino ai 6 anni.
Da quel momento la bambina, ormai diventata una giovane adulta, non segue più alcuna terapia e nonostante questo il virus Hiv non si è ripresentato. Asier Saez-Cirion dell’Institut Pasteur di Parigi spiega: “la ragazza, che ora ha 18 anni non è ... (Continua)

05/02/2015 14:44:00 Scoperto il meccanismo responsabile

I disturbi cognitivi causati dall'Hiv
Chi è affetto da Hiv corre il rischio di soffrire di Disturbi neurocognitivi associati, noti sotto la sigla Hand. La condizione causa disorientamento cognitivo di varia entità. Un team di ricercatori della San Diego School of Medicine presso la University of California ha indagato su questo problema sottovalutato, cercando una maniera per contrastarlo.
Le terapie antiretrovirali, infatti, hanno migliorato nettamente la vita delle persone sieropositive, ma non sembrano avere effetto alcuno ... (Continua)

26/01/2015 14:41:00 Nuove possibilità grazie a etravirina e darunavir
Hiv, novità nelle terapie pediatriche
Due novità importanti nella lotta all'Hiv nei pazienti pediatrici sono stati annunciati dalla casa farmaceutica Janssen. La Commissione Europea ha, infatti, approvato un’estensione dell’indicazione di etravirina per i bambini pretrattati, con un’età compresa tra i 6 e i 17 anni, in associazione ad un inibitore della proteasi potenziato e ad altri antiretrovirali, ed è stata resa disponibile la formulazione in sospensione orale di darunavir, per facilitare la somministrazione ai bambini e a chi ... (Continua)
22/12/2014 14:25:58 Le novità sul trattamento e sulla coinfezione da Hcv

Le nuove linee guida sull'Hiv
Sono pubbliche le nuove linee guida italiane per la gestione dell'Hiv. Il ministero della Salute ha pubblicato infatti un nuovo documento sull'utilizzo dei farmaci antiretrovirali e sulla gestione diagnostico-clinica delle persone con infezione da HIV-1 (LG), con l’obiettivo di fornire elementi di guida sia per la prescrizione della terapia antiretrovirale di ... (Continua)

11/12/2014 15:59:00 Finalmente disponibile anche in Italia
Eradicare l'epatite C grazie a Sofosbuvir
Alla fine è arrivato il finanziamento tanto atteso da parte del governo e presto sarà disponibile Sofosbuvir, il farmaco prodotto da Gilead in grado di eradicare il virus dell'epatite C.
Un ciclo di Sofosbuvir costa circa 40mila euro, cifra esorbitante che è stata oggetto di una lunga trattativa fra il ministero della Sanità e l'azienda produttrice. Ora il medicinale sarà prescrivibile anche dai medici italiani.
"L'introduzione di Sofosbuvir nel nostro paese rappresenta un enorme passo ... (Continua)
26/08/2014 14:35:31 Probabilità più bassa del 60 per cento per chi è infetto

L'Hiv riduce il rischio di sclerosi multipla
Non propriamente una buona notizia, ma senz'altro un risvolto curioso per i ricercatori impegnati a scovare nuove cure per la sclerosi multipla. Secondo una ricerca pubblicata sul Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry da un team del Prince of Wales Hospital di Sydney, le persone sieropositive mostrerebbero un rischio di sviluppare la sclerosi multipla inferiore del 60 per cento rispetto alla media.
Lo studio, firmato dal dott. Julian Gold, ha catalogato tutte le 21mila persone ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale