Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 107

Risultati da 71 a 80 DI 107

18/03/2011 Uno studio svizzero dimostra come l'integratore riduca la pressione

Estratto di foglie di olivo per contrastare l'ipertensione
Tenere sotto controllo la pressione alta, ed anche il colesterolo, con un rimedio naturale.
Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Phytotherapy Research, un valido aiuto potrebbe arrivare dall'olivo, anzi da un estratto delle sue foglie.
Un gruppo di ricercatori elvetici, del Frutarom Switzerland, ha esaminato 20 coppie di gemelli, tutti colpiti da ipertensione, per investigare le proprietà ipotensive delle preziose foglie.
Ad uno dei due fratelli di ogni coppia di gemelli era ... (Continua)

01/02/2011 I grassi buoni aiutano a vivere meglio e a contrastare il malumore

Dieta ricca di Omega 3 per combattere la depressione
Che la salute psico-fisica sia strettamente legata all'alimentazione non è più una supposizione. Tantissimi studi dimostrano ogni giorno come alcuni alimenti, consumati regolarmente prevengano determinate malattie e aiutino a fortificare le nostre difese naturali. E quello che mangiamo influisce non solo sulla salute dell'organismo ma anche sul nostro umore.
Di nuovo l'attenzione torna sui benefici degli Omega 3, dei quali erano già note le proprietà antossidanti nella lotta ai radicali ... (Continua)

14/01/2011 Apnee notturne, quanti tipi ne esistono e quali sono le terapie

I disturbi respiratori nel sonno
I disturbi respiratori del sonno rappresentano una percentuale non trascurabile delle patologie dell'apparato respiratorio. A causa della sempre maggiore attenzione verso questa particolare classe di patologie, la loro incidenza negli ultimi anni ha registrato un netto incremento. Il motivo per il quale per molto tempo questi disturbi sono stati sottovalutati probabilmente risiede nel fatto che essi non da tutti vengono riconosciuti come fenomeni patologici. Infatti, il principale dei disturbi ... (Continua)

11/01/2011 Team italiano evidenzia il compito del gene Hcn4, il “gene pacemaker”

Aritmie, una proteina regola il battito cardiaco
Un gruppo di ricerca italiano ha dimostrato per la prima volta che il battito del cuore è regolato in modo diretto da una particolare proteina codificata dal gene Hcn4, che funge da canale ionico, chiamato canale "funny" o canale del "pacemaker". La presenza dei canali "funny" nelle cellule autoritmiche cardiache è essenziale per la generazione dell'attività spontanea e per la modulazione della frequenza.
La ricerca è stata pubblicata dal gruppo di Dario DiFrancesco, direttore del PaceLab, ... (Continua)

28/12/2010 Quello fritto perde le qualità protettive

Pesce contro infarti e ictus, ma solo se bollito o al forno
Il pesce è un alimento con molteplici proprietà ma bisogna prestare attenzione al tipo di cottura, se è fritto perde le sue qualità.
A sostenerlo è uno studio pubblicato su Neurology, la rivista americana dell’American Academy of Neurology. La ricerca è partita dall'osservazione che nella cosiddetta “cintura dell’ictus”, l’area degli Stati Uniti con i più alti tassi di infarto cerebrale, il consumo di frittura era maggiore che in altre zone.
Secondo lo studio, che ha coinvolto più di ... (Continua)

15/12/2010 Uno studio per valutare l'azione protettiva

Effetti di vitamina B e omega 3 su malattie cardiovascolari
Diversi studi su larga scala hanno esaminato gli effetti della supplementazione con vitamine del gruppo B sulle malattie cardiovascolari, ma nessuno ha riportato effetti significativi sul rischio di queste malattie. Studi osservazionali hanno riportato un’associazione inversa tra malattie cardiovascolari ed assunzione o concentrazioni plasmatiche di acidi grassi omega 3 (soprattutto acido docosaesaenoico e eicosapentanoico), suggerendo che la supplementazione con acidi grassi omega 3 possa ... (Continua)

03/09/2010 I benefici indotti dalla sostanza sarebbero nulli senza farmaci

Gli Omega 3 fanno bene se non si mangiano
Negli ultimi anni, sono diventati una sorta di leggenda nel campo dell'alimentazione salutista. Gli Omega 3 sono infatti divenuti celebri per la loro capacità di prevenire le malattie cardiovascolari. Dal punto di vista scientifico gli Omega 3 sono acidi grassi polinsaturi a lunga catena di carbonio derivanti dall’acido alfa linoleico, più concretamente essi sono in grado di entrare nella costituzione delle membrane cellulari diventando protagonisti di diverse azioni molto importanti tra le ... (Continua)

15/04/2010 Le anomalie del battito cardiaco in età pediatrica

Aritmologia pediatrica, le linee guida
Sono circa 4.000 ogni anno (8 casi per mille nati vivi) i neonati con cardiopatie congenite che possono andare incontro a disturbi più o meno gravi, con necessità di un intervento chirurgico o medico.
Tra i vari disturbi, naturalmente, le aritmie cioè le anomalie del battito cardiaco. “Si tratta di un problema estremamente serio”, dichiara Michele Gulizia, Presidente Associazione Italiana di Aritmologia e Cardiostimolazione (AIAC), in apertura del Congresso nazionale dell’associazione ... (Continua)

13/10/2009 18:01:50 Una ricerca fa luce sulla sindrome del QT lungo

La morte improvvisa non ha più segreti
Perché alcuni individui muoiono improvvisamente di un arresto cardiaco in maniera del tutto inaspettata, spesso in giovane età? La malattia è nota come sindrome del QT lungo e caratterizzata da un elevato rischio di aritmie, irregolarità del ritmo cardiaco che possono provocare sincope e morte improvvisa, talvolta anche nei lattanti (sindrome della morte in culla). A dare il nome alla malattia è l’allungamento di uno specifico parametro dell’elettrocardiogramma chiamato appunto “intervallo ... (Continua)

29/09/2009 L'EMEA mantiene in vendita lo psicofarmaco
Il Ritalin fa male ma resta in commercio
Le medicine da una parte curano, dall'altro fanno male: in alcuni casi molto. Il Ritalin è uno psicofarmaco prescritto ai bambini con la sindrome da deficit d'attenzione e iperattività (ADHD), ma presenta gravissimi effetti collaterali.
L’Agenzia Europea del Farmaco (EMEA) ha terminato la revisione sul Ritalin®, concludendo che il medicinale può provocare: “aritmie, possibili arresti cardiaci, ischemie cerebrali, psicosi e forme maniacali, alterazioni del pensiero e paranoie, tossicità per ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale