Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 485

Risultati da 191 a 200 DI 485

23/11/2013 12:15:50 La crisi cardiaca è spesso annunciata settimane prima

I segni premonitori di un infarto
L'infarto è quanto di più improvviso possa capitare, almeno nell'immaginario collettivo. Tuttavia, pare non sia proprio così in un buon numero di casi. Possono infatti manifestarsi alcuni segni premonitori che dovrebbero mettere sull'avviso la futura vittima.
A dirlo è una ricerca condotta da un gruppo di scienziati del Cedars-Sinai Heart Institute di Los Angeles coordinato dal prof. Eloi Marijon. Lo studio, presentato durante un convegno dell'American Heart Association, è stato realizzato ... (Continua)

20/11/2013 12:41:28 Nuovo possibile impiego per diminuire gli eventi cardiovascolari

Un tracciante radioattivo per scovare le placche coronariche
Dal fluoruro di sodio-18F potrebbe arrivare la soluzione al problema dell'individuazione degli indurimenti e dei restringimenti delle coronarie. A dirlo è uno studio pubblicato su The Lancet da un team della British Heart Foundation for Cardiovascular Science di Edimburgo coordinato da Nikhil Joshi.
Il fluoruro di sodio-18F (18F-Naf) viene usato nell'imaging radiologico, ma l'analisi dei ricercatori scozzesi ne ha evidenziato un nuovo possibile impiego, come spiega il dott. Joshi: “le ... (Continua)

08/11/2013 La radioterapia sul lato sinistro può pregiudicare la salute del cuore

Rischio Rx associato a trattamento del cancro al seno
Fra le donne sottoposte a radioterapia sul lato sinistro del torace il tasso di malattie cardiache risulta più alto della media. A dirlo è una ricerca pubblicata su Jama Internal Medicine da un gruppo di scienziati del Columbia University Medical Center di New York.
Uno degli autori, David Brenner, spiega: “dato il miglioramento della sopravvivenza a lungo termine raggiunto negli ultimi decenni per il cancro al seno, minimizzare le complicazioni legate al trattamento assume sempre maggiore ... (Continua)

28/10/2013 11:03:13 Scoperto gene che interferisce sulla corretta funzionalità cardiaca

Un gene causa il prolasso della valvola mitrale
Per la prima volta è stato scoperto un gene che causa la più frequente forma di prolasso della valvola mitrale del cuore. A ottenere il risultato è un gruppo di scienziati del Center for Human Genetic Research presso il Massachusetts General Hospital e dell'Harvard Medical School.
I ricercatori, che hanno presentato il lavoro durante l'incontro annuale dell'American Society of Human Genetics 2013, hanno anche scoperto che lo stesso gene provoca alterazioni nello sviluppo e nella crescita ... (Continua)

24/10/2013 Nuove tecniche mini-invasive per migliorare la prognosi

Stenosi aortica, l'efficacia delle nuove protesi
La ricerca nel campo della cardiologia interventistica è da sempre una delle più effervescenti. L'adozione delle nuove protesi in caso di stenosi aortica grave ne è la diretta testimonianza. La patologia è causata da una degenerazione delle cuspidi, ovvero i lembi delle valvole, che si calcificano e riducono il proprio movimento causando di conseguenza un'apertura deficitaria e rallentando il flusso di sangue che proviene dal ventricolo sinistro.
La malattia rimane per molto tempo ... (Continua)

21/10/2013 15:52:51 Bambini e adolescenti non necessitano di esami costosi

Un algoritmo valuta il dolore al petto
Un semplice algoritmo potrebbe semplificare la vita di tanti medici e pazienti. Il suo nome è Scamps, acronimo di Standardized clinical assessment and management plan (Piano per l’accertamento e la gestione clinica standardizzata), e serve per valutare al meglio il dolore al petto di bambini e adolescenti, allo scopo di escludere la comparsa di pericolose malattie cardiache.
Sulla rivista Pediatrics, Gerald H. Angoff del dipartimento di pediatria del Dartmouth-Hitchcock medical center di ... (Continua)

18/10/2013 10:28:44 La Galectina 3 indica i livelli di fibrosi nel cuore
Insufficienza cardiaca, scoperto nuovo marcatore
Nelle patologie cardiache quali l’infarto, per esempio, è ormai noto che il tempo è fondamentale. Negli ultimi anni, dunque, sono stati realizzati una serie di interventi organizzativi, tecnologici e farmacologici per fare in modo che, dalla comparsa del dolore toracico, tipico di questa malattia, fino all’esecuzione di una terapia mirata alla ricanalizzazione del vaso coronarico occluso, i tempi d’intervento (compreso il trasporto in ambulanza) avvengano nel minore tempo possibile.
Ciò ha ... (Continua)
04/10/2013 Scoperta la causa alla base del nesso fra igiene orale e malattie cardiache

Cuore e denti, le statine fanno bene a entrambi
I pazienti affetti da patologie cardiache e con infiammazioni alle gengive beneficiano di alte dosi di statine. A dirlo è una ricerca pubblicata sul Journal of the American College of Cardiology che riafferma il nesso esistente fra salute dentale e cardiaca.
Lo studio - condotto da Ahmed Tawkol e dal suo team della Cardiac Imaging Trials Program at Massachusetts General Hospital e dell'Harvard Medical School – ha coinvolto 59 pazienti affetti da malattie cardiache o a rischio sottoponendoli ... (Continua)

03/10/2013 L'esercizio fisico ha effetti paragonabili a quelli dei medicinali

Lo sport come farmaco
Un'attività sportiva svolta con costanza ha effetti sull'organismo e su molte malattie paragonabili a quelli prodotti dai farmaci. Ad affermarlo è uno studio pubblicato sul British Medical Journal, una metanalisi che ha preso in esame la letteratura scientifica prodotta sull'argomento dalla London School of Economics, dall'Harvard Pilgrim Health Care Institute at Harvard Medical School e dalla Stanford University School of Medicine.
La ricerca si basa su un campione di 340mila pazienti e sul ... (Continua)

16/09/2013 14:29:29 La copeptina si rivela efficace per ridurre il rischio
Nuovo marker per escludere l'infarto
La copeptina potrebbe essere presto adottato come nuovo marcatore per escludere la possibilità di un infarto del miocardio. Ad annunciarlo è uno studio presentato durante il congresso europeo di cardiologia ESC 2013 che si è tenuto ad Amsterdam.
Obiettivo dello studio multicentrico, randomizzato, controllato, condotto su 902 pazienti è stato di verificare l’utilizzo di un nuovo marcatore, copeptina, nel processo di gestione dei pazienti con sospetta sindrome cardiaca acuta.
Questo lavoro ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale