Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 485

Risultati da 51 a 60 DI 485

04/11/2015 14:46:00 Scoperta nel cervello da ricercatori statunitensi
La sete è attivata da una proteina
Un gruppo di scienziati americani del Centro di Salute McGill University e della Duke University ha fatto un’importante scoperta. Il cervello svolge un ruolo fondamentale per la nostra salute, fungendo da indicatore e da input nei vari processi del corpo.
Gli esperti hanno individuato la struttura di una proteina chiave all’interno del cervello umano, che si occupa di idratazione del corpo e che allo stesso tempo controlla anche la sua temperatura. I risultati potrebbero avere importanti ... (Continua)
03/11/2015 11:39:00 Rischio di malattie cardiache ridotto grazie alla sostanza
Un'integrazione di vitamina D fa bene al cuore
Gli integratori a base di vitamina D non aiutano solo a mantenere una buona forma fisica, ma riducono anche il rischio di insorgenza delle malattie cardiache. A rivelarlo è uno studio della Queen Margaret University di Edimburgo, che ha verificato la reazione di 13 adulti alla somministrazione del composto.
Stando ai risultati, la vitamina D aiuta a controllare i livelli di calcio e fosfati nel sangue. Inoltre, grazie all'influenza sul cortisolo, la vitamina D riesce a ridurre i fattori di ... (Continua)
15/10/2015 17:37:55 Se non trattato adeguatamente può degenerare

Quando il dolore postoperatorio diventa cronico
Il dolore postoperatorio è da mettere in conto dopo un intervento chirurgico, ma va tenuto sotto controllo affinché non sfoci in dolore cronico. Può infatti avere numerosi effetti negativi: dalle conseguenze psicologiche all’aumento delle secrezioni gastrointestinali, dalla ritenzione urinaria alle complicanze polmonari.
Ne abbiamo parlato in questa lunga intervista con Antonio Corcione, neo presidente SIAARTI e direttore Anestesia e Rianimazione all’ospedale Monaldi di Napoli
Professore ... (Continua)

09/10/2015 17:00:00 Procedura valvola su valvola con protesi cardiaca di seconda generazione
Nuova tecnica per i malati di stenosi aortica
Per la prima volta al mondo è stato eseguito un nuovo tipo di intervento valvola su valvola su un malato di stenosi aortica utilizzando una protesi cardiaca di seconda generazione.
È successo al Maria Cecilia Hospital di Cotignola di Ravenna. Rimettere in funzione la valvola aortica malata - in pazienti già sottoposti ad intervento cardiochirurgico perché affetti da stenosi (cardiopatia che ne provoca il restringimento) -, sovrapponendo una valvola biologica di seconda generazione alla ... (Continua)
08/10/2015 14:51:00 Studio svela il coinvolgimento di 4 nuovi geni
Nuova scoperta sulla Sindrome di Brugada
Uno studio italiano ha evidenziato l'influenza di 4 nuovi geni nei meccanismi di insorgenza della Sindrome di Brugada.
La Sindrome di Brugada è una patologia cardiaca spesso asintomatica che si manifesta con aritmie improvvise e talvolta mortali in pazienti senza evidenti alterazioni cardiache. Fino ad oggi si conoscono 22 geni associati alla malattia, tuttavia solo nel 30% dei casi si identifica la mutazione causativa.
Lo studio, frutto della collaborazione tra l’IRCCS Ospedale San ... (Continua)
06/10/2015 10:33:00 Efficace nel caso in cui le statine non funzionino
Alirocumab riduce il colesterolo cattivo
È stato approvato dalla Fda americana un nuovo farmaco per il colesterolo resistente. Si tratta di Alirocumab, la cui procedura di autorizzazione è andata a buon fine anche in Europa grazie al lavoro dell’Ema, l’Agenzia europea per i farmaci.
Alberto Catapano, docente di Farmacologia presso l’Università degli Studi di Milano, commenta: “il parere positivo del Chmp per questo farmaco dal meccanismo d'azione innovativo è un importante passo avanti per mettere a disposizione dei pazienti ad ... (Continua)
05/10/2015 17:37:00 Sopravvivenza più elevata grazie a motivi logistici

Arresto cardiaco improvviso da attività sportiva
Un arresto cardiaco improvviso dovuto a un'attività sportiva (Sca) lascia più speranze di sopravvivenza di un'evenienza simile ma non legata allo sport. Per la precisione si parla di un tasso di sopravvivenza tre volte maggiore rispetto ai casi di arresto cardiaco improvviso che si verificano fuori da un impianto sportivo.
Il motivo non è da ricercarsi in una specificità della crisi cardiaca, ma semplicemente nella opportuna presenza di sanitari e strumenti indispensabili per la rianimazione ... (Continua)

01/10/2015 15:52:27 La saturazione ossiemoglobinica cerebrale ha un potere predittivo
Un parametro per l'esito neurologico dopo l'arresto cardiaco
C'è un modo per predire la salute neurologica di una persona a 90 giorni da un arresto cardiaco. Secondo un team dell'Università di Kyoto è necessario affidarsi al calcolo della saturazione ossiemoglobinica cerebrale (rSO2).
Kei Nishiyama, coordinatore dello studio apparso su Resuscitation, afferma: “l'ipotermia terapeutica (Th) e l'angioplastica percutanea (Pci) con angiografia coronarica (Cag) si associano a un miglioramento della prognosi dei pazienti che hanno subito un arresto ... (Continua)
25/09/2015 15:17:00 I dubbi di uno degli scopritori della malattia

Sindrome di Brugada, davvero si può guarire?
Dalla sindrome di Brugada si può guarire. Lo sostiene uno studio realizzato dal medico che ha dato il nome alla sindrome, Josep Brugada (insieme al fratello Pedro), e dall'italiano Carlo Pappone.
I due team hanno pubblicato su Circulation gli esiti del loro lavoro, che ha portato alla messa a punto di una tecnica che consente di eliminare la patologia.
La sindrome di Brugada è una grave malattia genetica che può portare a morte improvvisa. La condizione è responsabile di circa il 15-20 ... (Continua)

24/09/2015 09:42:00 Effetti positivi su cuore, muscoli e pressione

Il Tai Chi rallenta l'invecchiamento
Praticare Tai Chi (o più correttamente Taiji) sembra essere un toccasana per l'organismo. Secondo una recente ricerca apparsa sul British Journal of Sports Medicine, l'insieme degli esercizi ginnici eseguiti a corpo libero e basati sulla respirazione profonda porta a un miglioramento della funzione fisica e della forza muscolare in soggetti fra i 50 e i 70 anni colpiti da osteoartrosi, malattie cardiache o problemi respiratori di varia natura.
“I risultati dello studio hanno dimostrato come ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale