Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 1020

Risultati da 481 a 490 DI 1020

14/11/2012 12:51:32 Uomo in stato vegetativo riesce a comunicare

Una voce dal coma
Lo stato vegetativo in cui è imprigionato da 12 anni non gli ha impedito di comunicare con i propri medici, rispondendo a domande precise. È l'eccezionale caso di Routley Scott, un canadese di 39 anni che ha subito una grave lesione cerebrale a seguito di un incidente stradale.
Per la prima volta, un paziente cerebroleso ha fornito risposte clinicamente rilevanti ai sanitari che lo hanno in cura presso il Brain and Mind Institute dell'Università del Western Ontario.
Non potendo parlare, ... (Continua)

09/11/2012 11:46:03 Possibile l'elaborazione di input visuali

Rieducazione cerebrale per chi è cieco
L'elaborazione di input visuali attraverso il suono per chi è affetto da cecità è possibile anche in età adulta e dopo molti anni dalla perdita della vista, anche se assente fin dalla nascita. Lo dice uno studio della Hebrew University Medical School pubblicato sulla rivista Neuron.
Si tratta di una scoperta in contrasto con la convinzione comune secondo la quale in assenza di informazioni nei primi anni di vita, la corteccia visuale del cervello non potrà poi sviluppare un'elaborazione ... (Continua)

06/11/2012 14:23:29 Ricerca evidenzia l'importanza del gene presenilina 1
A vent'anni i primi segni dell'Alzheimer
Il meccanismo biologico che conduce all'Alzheimer sembra piuttosto lento. Pare infatti che la malattia possa essere diagnosticata anche 20 anni prima dell'insorgenza dei primi sintomi. A dirlo è una ricerca condotta dal Banner Alzheimer's Institute in Arizona, dalla Boston University e dalla University of Antioquia.
Lo studio, pubblicato su Lancet Neurology, ha preso in esame un gruppo di 44 ragazzi fra i 18 e i 26 anni, scoprendo che il 30 per cento di loro possiede una mutazione del gene ... (Continua)
22/10/2012 La neoplasia potrebbe partire da cellule che tornano ad essere staminali
Nuova ipotesi sui tumori cerebrali
Cellule che tornano al loro stato embrionale potrebbero spiegare l'insorgenza del glioblastoma multiforme, il tumore cerebrale più comune e aggressivo. Una ricerca del Salk Institute for Biological Studies di La Jolla ha evidenziato la possibilità che alcune cellule mature del cervello vengano “costrette” a ritornare a ridiventare staminali dal lavoro di geni oncogeni.
Lo studio, pubblicato su Science, costituisce una novità nel campo dell'analisi di questo particolare tipo di cancro. In ... (Continua)
09/10/2012 12:00:40 Conferme dell'azione anticonvulsiva dell'ALAC

Alfa-lattoalbumina nell’epilessia, gli studi continuano
Grande entusiasmo del gruppo di ricerca del prof. De Sarro dell'Università di Catanzaro per gli ulteriori risultati ottenuti dallo studio dell’azione anticonvulsiva dell’ALAC, sieroproteina del latte, il cui utilizzo è già stato proposto nel 2006.
I risultati clinici di un primo studio furono riportati al VII congresso dell’ILAE ad Helsinki nel 2007, a conferma del ruolo anticonvulsivo della serotonina cerebrale (Mainardi P. et al. Potentiation of brain serotonin activity may inhibit ... (Continua)

02/10/2012 Ricerca si concentra sui tumori cerebrali secondari
Nuove possibili cure per il cancro al cervello
Di fronte a una diagnosi di tumore secondario al cervello le opzioni sono davvero poche. Le metastasi al cervello – appunto i tumori secondari al cervello - sono un tipo di cancro che è iniziato in un'altra parte del corpo, in particolare nei polmoni, nel seno o nella pelle, e si è spostato nel cervello.
Sfortunatamente, i tumori secondari al cervello sono sempre maligni. Attualmente, le metastasi al cervello rappresentano l'1-2% di tutti i tumori di nuova diagnosi e il 2% di tutte le morti ... (Continua)
01/10/2012 Il disturbo può essere corretto con un semplice intervento
Strabismo, si può intervenire anche da adulti
Non è affatto vero che lo strabismo vada per forza di cose corretto in età infantile. Una ricerca del Loyola University Medical Center firmata da James McDonnell intende sfatare il luogo comune che vuole gli adulti strabici ormai impossibilitati a ricorrere alla chirurgia.
In alcuni casi, peraltro, lo strabismo non è una condizione congenita, ma è indotto da una patologia primaria come l'ictus, una lesione cerebrale o un tumore. Lo scienziato americano dichiara di avere eseguito molti ... (Continua)
25/09/2012 11:44:04 Ricerca italiana sulle staminali neurali
Le cellule staminali neurali, i guardiani del cervello
Scoperto il ruolo delle cellule staminali del cervello. È il frutto dello studio di un’équipe di ricercatori dell’IRCCS San Raffaele coordinati da Gianvito Martino, in collaborazione con i ricercatori dell’Università di Roma Tor Vergata, guidati da Diego Centonze e con quelli dell’Università di Teramo, guidati da Mauro Maccarone. Il lavoro è stato pubblicato online su Brain.
Le cellule staminali del cervello adulto rappresentano lo strumento principale per la manutenzione dell’efficienza del ... (Continua)
25/09/2012 Nei fumatori la durata del sonno profondo è più breve

Chi fuma dorme male e poco
Spegnete le sigarette per sempre. È il messaggio lanciato da uno studio tedesco pubblicato su Addiction Biology che ha analizzato gli effetti del fumo sulla qualità del sonno dei partecipanti. Lo studio ha coinvolto più di 1000 fumatori e più di 1200 non fumatori, prendendone in esame le abitudini. Stando ai dati, il 28,1 per cento dei fumatori mostra disturbi del sonno, contro il 19,1 dei non fumatori. Il 17 per cento di chi fuma, inoltre, dorme meno di 6 ore per notte, rispetto al 7 per cento ... (Continua)

19/09/2012 10:04:13 Scoperta sul comportamento biologico indotto dai geni

L'istinto materno dipende da un gene
Non tutte le donne possiedono il cosiddetto istinto materno. Tuttavia, non gliene va fatta loro una colpa, perché si tratterebbe di una questione genetica. A rivelarlo è una ricerca americana pubblicata dalla Rockfeller University di New York che ha scoperto come, disattivando parzialmente un singolo gene, l'istinto materno sparisce. I ricercatori hanno lavorato su modello murino.
La ricerca, coordinata da Ana Ribeiro, rappresenta il primo esempio della manipolazione di un singolo gene in un ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale