Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 1020

Risultati da 561 a 570 DI 1020

05/01/2012 12:55:40 I comportamenti di relazione con l’altro sono di natura neurobiologica

L’ossitocina è un ormone sociale nei modelli animali
L’attenzione condivisa è una peculiarità dell’essere umano, che la utilizza per tutti gli apprendimenti. Già Aristotele, in suo famoso scritto, sottolineò come l’uomo sia sostanzialmente un animale sociale e la socializzazione tra l’altro è un comportamento che sempre meno sembra essere esclusivo appannaggio degli uomini. Generalmente si tende a ritenere che la capacità di favorire i propri simili sia un frutto della cultura umana, misconoscendo che simili comportamenti si osservano anche in ... (Continua)

05/01/2012 La perdita di calcio sarebbe un effetto e non la causa

Nuova teoria sull'osteoporosi
Non è la perdita di calcio la causa dell'osteoporosi. Ne sono convinti alcuni ricercatori spagnoli dell'Università di Castilla-La Mancha che, traendo spunto dallo studio delle corna di cervo, sono giunti alla conclusione che la causa reale sia un deficit di manganese, il quale risulta appunto fondamentale per l'assorbimento del calcio nelle ossa.
Tomás Landete, il coordinatore della ricerca pubblicata su Frontiers of Bioscience, spiega: “precedenti studi sulle corna dimostrano che il ... (Continua)

04/01/2012 12:28:34 Oltre a possedere una funzione connettiva trasferiscono informazioni

Le cellule gliali regolano le sinapsi neuronali
Nuovi modelli computerizzati sulle funzioni delle componenti del tessuto nervoso centrale hanno messo in luce caratteristiche inaspettate che riguardano le cellule della glia. Queste fino a oggi sono state riconosciute come cellule del tessuto nervoso che svolgono un’importante funzione connettiva, ossia quella di tenere insieme le altre strutture cellulari.
In un recente studio svoltosi presso l’Università di Tel Aviv (TAU) ha reso evidente altre funzioni, più attive e importanti, di queste ... (Continua)

22/12/2011 16:05:18 La corteccia uditiva sinistra coinvolta nel disturbo

Una diversa rielaborazione dei suoni nella dislessia
Nei soggetti dislessici è stata osservata una compromissione dell’elaborazione tipica di frequenze sonore associate ai fonemi, elementi più piccoli che formano le parole, provocando così una difettosa decodifica del linguaggio.
Una presenza di maggiore risposta alle alte frequenze sonore è una loro caratteristica che influenzerebbe negativamente la capacità di ricordare le parole giacché da questa errata elaborazione acustica deriverebbe anche una rappresentazione distorta del linguaggio a ... (Continua)

21/12/2011 15:37:35 Un nuovo strumento portatile per la diagnosi dei traumi cranici

Gli infrarossi “vicini” per gli ematomi subdurali
Attraverso l’utilizzo di raggi infrarossi, i cosiddetti “vicini infrarossi” è stata costruita un’apparecchiatura portatile in grado di rilevare in modo veloce e pratico la presenza intracranica di ematomi prodotti da traumi. Studiosi statunitensi hanno pubblicato la loro ricerca su Biomedical Optics Express, dimostrando che con questo macchinario si può rilevare una qualsiasi variazione di quantità di sangue presente nella membrana epidurale, rivestimento più esterno del cervello; sarà quindi ... (Continua)

13/12/2011 13:01:52 Inibendo un enzima s’impara di più e più a lungo

L’apprendimento e la memoria si possono migliorare
La protein-chinasi attivata da RNA (PKR), è un enzima conosciuto nell’ambito della risposta immunitaria, in modo particolare per la sua attività antivirale. Un ruolo importante questa sostanza lo svolge anche nel Sistema nervoso centrale (SNC). Nei topolini di laboratorio, infatti, un’inibizione dell’attività di questa “chinasi” comporta un miglioramento di performance cognitive quali, l’apprendimento e la capacità di memoria a lungo termine.
In uno studio pubblicato sulla rivista “Cell” ... (Continua)

09/12/2011 Una reciprocità calda con i genitori protegge dalle droghe

L’attaccamento “sicuro” protegge dall’abuso di sostanze
Rispondere al richiamo dei neonati, guardarsi negli occhi, essere presenti quando richiesti, questi sono i genitori cosiddetti “sicuri”, quelli in grado essere una vera base sicura per i propri figli.
La continuità della presenza delle figure di accudimento per i figli rappresenta l’unica fonte di sicurezza per loro; saperli abbracciare quando lo desiderano e saper dar loro quei limiti che loro stessi a volte chiedono, sono gli ingredienti principali per rendere un bimbo sicuro di sé, ... (Continua)

05/12/2011 12:55:40 Implicati 4 geni che codificano per recettori del glutammato

Mutazioni genetiche nell’ADHD
L’ADHD è un disturbo che colpisce i bambini, che risultano iperattivi e con problemi di apprendimento dovuti alla difficoltà di concentrazione. Circa il 10% dei casi ha una base genetica. Lo ha confermato uno studio pubblicato su Nature Genetics, in cui gli autori hanno esaminato la sequenza genomica di oltre 16.000 soggetti, sono così giunti a rilevare una correlazione tra il disturbo, ADHD, e mutazioni genetiche riferibili a 4 geni, che codificano per la sintesi di recettori del glutammato, ... (Continua)

01/12/2011 13:06:08 Una stimolazione cerebrale adeguata al bisogno individuale

Il Pacemaker intelligente per il Parkinson
Una nuova strategia terapeutica di stimolazione elettrica cerebrale in grado di adattarsi istante per istante ai sintomi della malattia di Parkinson, fornendo un trattamento sempre adatto alle esigenze del paziente. L’invenzione, che ha ottenuto il brevetto anche in Europa, è costituita da uno stimolatore collegato a elettrodi impiantati in strutture cerebrali al di sotto della corteccia che, misurando l’attività dei neuroni, consentono di monitorare le condizioni del paziente, guidando il ... (Continua)

27/11/2011 11:33:52 
Urgenze Mediche
Perdita di coscienza

Per coscienza si intende la consapevolezza di sé e degli oggetti esterni. L’alterazione o la perdita di questa consapevolezza caratterizza diverse situazioni, a seconda che a essa si sommi una compromissione delle normali funzioni cardiorespiratorie oppure no.
Tra le cause della perdita di coscienza che richiedono un trattamento medico d’urgenza vi sono:

- ingenti perdite di sangue o di liquidi (ustioni);

- sofferenza cerebrale da trauma ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale