Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 1020

Risultati da 691 a 700 DI 1020

15/11/2010 Individuato da una ricerca italiana un possibile legame

Gli integratori alimentari causa di SLA tra i calciatori
Nei calciatori è stata osservata in Italia un’incidenza di SLA 5 volte superiore rispetto alla popolazione generale. Inoltre l’età di insorgenza della malattia in questo gruppo di soggetti è significativamente precoce rispetto alla media. Da queste osservazioni numerosi studiosi hanno formulato ipotesi per spiegare il motivo di questa “epidemia” nel mondo del calcio. Uno studio condotto dai ricercatori dell'Università di Roma “Tor Vergata” ha correlato l'incidenza di questa malattia con l'uso ... (Continua)

08/11/2010 Si attivano ben 30 zone cerebrali

Per raggiungere l'orgasmo la donna usa il cervello
Uno studio americano ha dimostrato che durante l'apice del piacere sessuale, l’attività neuronale nel cervello delle donne attiva fino a 30 zone diverse, tra cui quelle responsabili per il tatto, le emozioni, la gioia, la soddisfazione e la memoria.
Se uno studio di un paio di anni fa, pubblicato sulla rivista Scientific American aveva voluto cercare quali aree del cervello vengano spente per riuscire a raggiungere il massimo piacere, questa volta invece l'obiettivo è stato individuare ... (Continua)

05/11/2010 Scoperto difetto genico in pazienti autistici e schizofrenici

Alterazioni nei lobi frontali alla base dell'autismo
Sono ormai una ventina d'anni che gruppi di ricercatori di tutto il mondo vanno alla caccia dei geni dell'autismo, ma più si cerca e più ci si rende conto di come questa malattia sia influenzata da diversi fattori, non solo genetici. Daniela Mariani Cerati, medico e segretario del Comitato scientifico di Angsa (Associazione nazionale genitori soggetti autistici) ha commentato la pubblicazione su Science Translational Medicine di un nuovo studio sull'autismo dell'Universita' della California, ... (Continua)

02/11/2010 Individuata la molecola responsabile del ricordo della paura

Una tecnica per eliminare i ricordi dolorosi
Un gruppo di ricercatori statunitensi ha trovato il modo per eliminare in modo permanente i ricordi legati ad un evento traumatico. Può sembrare fantascientifico eliminare selettivamente alcuni ricordi dalla mente delle persone ma questa scoperta potrebbe segnare un traguardo nello sviluppo di farmaci contro i disturbi da stress post-traumatico. Un valido aiuto per chi ha subito violenze o vissuto esperienze che lasciano segni indelebili e debilitanti per tutta la vita.
La responsabile ... (Continua)

26/10/2010 Studio dimostra l'influenza del cervello nella costruzione di un amore

Innamorarsi è un attimo
Una specie di fulmine a ciel sereno. È ciò che sembra capiti al nostro cervello quando arriva l'amore. Secondo uno studio dell'Università americana di Syracuse, nello stato di New York, al cervello basterebbe un quinto di secondo per farci capitolare e innamorare della persona che ci piace.
La ricerca, pubblicata sulla rivista specializzata Journal of Sexual Medicine, sottolinea come l’innamoramento sia in grado di attivare 12 distinte zone del cervello, le quali iniziano a produrre ... (Continua)

20/10/2010 10:48:09 Ricerca italiana svela l'origine delle fantasticherie notturne

La formazione dei sogni
Alla ricerca del meccanismo che mette in moto la nostra capacità di sognare. È il tema di una ricerca italiana pubblicata sulla rivista Human Brain Mapping che ha individuato con precisione l'area del cervello in cui hanno origine i sogni che facciamo.
I ricercatori dell'Irccs Santa Lucia di Roma, in collaborazione con l'Università dell'Aquila, di Bologna e della Sapienza, hanno scoperto che la creazione dei sogni, la loro intensità e il loro carattere surreale dipendono da amigdala e ... (Continua)

30/09/2010 Un incontro per valutare gli approcci più efficaci
Il trattamento dell'aneurisma cerebrale
Un incontro sulle problematiche ancora aperte circa il trattamento degli aneurismi cerebrali, sull’importanza di un approccio multidisciplinare che metta al centro sempre il paziente nella sua totalità. È ciò che avverrà venerdì 01 ottobre, alle 9.00, presso l’Aula Beniamino Guidetti – Dipartimento di Neurochirurgia del Policlinico Umberto I di Roma.
Un aneurisma cerebrale è una malformazione a carico delle arterie cerebrali, di aspetto sacculare o fusiforme, che può cambiare di ... (Continua)
13/09/2010 Mutazioni del gene atassina 2 associate a un maggior rischio del morbo di Gehrig

SLA, scoperto nuovo fattore di rischio genetico
Un team internazionale di scienziati dell'Università della Pennsylvania (Stati Uniti) e dell'Università Goethe di Francoforte, in Germania, ha identificato un nuovo fattore di rischio genetico per la sclerosi laterale amiotrofica (SLA), comunemente conosciuta come morbo di Lou Gehrig, il giocatore di baseball statunitense che morì a causa di questa rara malattia cerebrale a soli 38 anni. L'UE ha supportato questa ricerca mediante il progetto EUROSCA ("Progetto integrato europeo sull'atassia ... (Continua)

06/09/2010 Nesso tra il fumo e un quoziente d'intelligenza basso, ma i cerotti non servono

Fumo, i cerotti non aiutano a smettere
Chi riponeva le proprie speranze nei cerotti per smettere di fumare dovrà trovare un'altra idea per dire addio alle sigarette e puntare magari sulla propria volontà. Una ricerca dimostra infatti che la selegilina, sostanza utilizzata per curare il Parkinson e mantenere costanti i livelli di dopamina, prodotto chimico cerebrale che si riduce in caso di astinenza da nicotina, in realtà funzionerebbe né più né meno di un semplice placebo.
Una brutta notizia per i fumatori accaniti che credono ... (Continua)

02/09/2010 Studio mette in discussione i benefici di una buona attività cerebrale

Pro e contro di un cervello allenato
Era ormai diventata una conoscenza condivisa da molti, se non da tutti, ma “allenare” il proprio cervello potrebbe avere anche effetti negativi. Ad affermarlo una recente ricerca statunitense pubblicata sulla rivista specializzata Neurology.
Secondo i ricercatori del Rush University Medical Center di Chicago, le attività che chiamano in causa il cervello stimolandolo come ad esempio lo studio, le parole crociate e il sudoku, ma anche più semplicemente la televisione o la radio, avrebbero ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale