Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 11

Risultati da 1 a 10 DI 11

16/06/2016 14:30:00 I consigli dello psicoterapeuta per curare l'aspetto fisico usando la testa
Dieta, come liberarsi dalla dipendenza da zuccheri
A chi non è mai capitato di concedersi un bel gelato super calorico come consolazione per una giornata dura al lavoro o per un appuntamento andato male? Ma se l’eccezione diventa la regola il grasso si fa avanti, spesso sul girovita.
«Riuscire a modificare il proprio stile di nutrizione non è un compito facile, soprattutto perché al cibo sono legati molti aspetti di gratificazione e compensazione. Il problema si pone quando usiamo il cibo per anestetizzarci in continuazione, e ... (Continua)
08/10/2015 09:34:01 L'abitudine può essere positiva secondo un nuovo studio

Un dolcetto per consolarsi
Consolarsi con un dolcetto? Quello che sembrava un vizio da fuggire come la peste si rivela in realtà un gesto dagli effetti positivi. Almeno è ciò che pensano alcuni ricercatori del Dipartimento di psicologia dell'Università della California di Los Angeles, che hanno pubblicato su Appetite i dettagli di una sperimentazione sull'argomento.
Gli scienziati californiani hanno analizzato i dati relativi a 2.379 donne fra i 18 e i 19 anni che facevano parte di un vasto studio osservazionale. I ... (Continua)

12/01/2015 17:38:11 I soggetti colpiti mostrano un'iperattivazione della sfera cognitiva

Gli ansiosi sono più intelligenti
Sarà di scarsa consolazione, ma se soffrite di ansia sappiate che siete più intelligenti della media. A dirlo è uno studio di ricercatori della Lakehead University, nell'Ontario (Canada), che hanno analizzato 126 giovani, sottoponendoli ad alcuni test intellettivi.
Hanno così scoperto che i soggetti ansiosi mostrano una maggiore attivazione delle facoltà cognitive. Il tipo di intelligenza coinvolta è quella linguistico-verbale, vale a dire la capacità di parlare e scrivere in maniera ... (Continua)

18/10/2013 Studi epidemiologici mettono in luce i rischi dello smog

L'inquinamento uccide, lo dice anche l'Oms
Alla fine anche l'Organizzazione mondiale della sanità ha inserito gli agenti inquinanti dell'aria tra i fattori che possono provocare il cancro. La decisione è dell'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc), un organismo interno all'Oms che, dopo aver inserito singoli inquinanti come le emissioni dei motori diesel e i solventi, ha ora stabilito che tutti gli agenti inquinanti, anche quelli ritenuti meno pericolosi, entrano a far parte della categoria degli elementi ... (Continua)

13/03/2013 Mangiare in modo distratto e i sensi di colpa minacciano la nostra alimentazione

Serenità e buona memoria per stare a dieta
Quando si sta a dieta la componente psicologica è fondamentale. Come afferma uno studio pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition, ricordare cosa si è mangiato aiuta a mangiare meno al pasto successivo.
I ricercatori, provenienti da diversi centri britannici, hanno analizzato 24 studi sull'argomento che avevano coinvolto sia persone in sovrappeso che soggetti senza problemi di linea: “anche se non è chiaro quale sia l'aspetto della memoria importante, la vividezza delle immagini ... (Continua)

22/08/2011 I comportamenti da evitare se si vuole dimagrire

Gli errori più comuni quando si fa una dieta
Non c'è niente di peggio che sottoporsi a diete stressanti dal punto di vista psico-fisico e oltretutto non vedere risultati apprezzabili. Ciò succede per una serie di ragioni, molte delle quali hanno a che vedere con gli errori che noi stessi facciamo e di cui paghiamo inconsapevolmente le conseguenze.
Spesso infatti le persone sono convinte di procedere nel migliore dei modi, ma non si rendono conto dei problemi che causano al loro metabolismo. Ad esempio, uno degli errori più comuni è ... (Continua)

01/03/2011 I laureati sono protetti da ipertensione e malattie cardiovascolari

Alto grado di istruzione abbassa i rischi di ipertensione
Forse al giorno d'oggi arrivare a conseguire una laurea non assicura la possibilità di entrare agevolmente nel mondo del lavoro ma una consolazione c'è, per i laureati, secondo un'analisi della Brown University, negli Usa. Chi studia di più abbassa il rischio di sviluppare ipertensione e malattie cardiovascolari, ed in particolare il giovamento maggiore è proprio per chi raggiunge la laurea.
La tesi è stata avanzata da un gruppo di ricercatori diretti dal professor Eric Loucks, che hanno ... (Continua)

05/01/2011 Il rumore prodotto da una spider mette a rischio l'udito di chi la guida

Per l'udito meglio un'utilitaria
Chi non ha la possibilità di guidare macchine sportive potrà trovare motivo di consolazione nell'originale studio portato a termine da alcuni ricercatori dell'Università di Saint Louis, nello stato americano del Missouri.
Secondo gli esiti dello studio pubblicato sulla rivista specializzata Journal of Laryngology and Otology, guidare a lungo una macchina scoperta aumenta il rischio di diventare sordi a causa del rumore percepito durante il tragitto, superiore ai limiti consentiti anche se ... (Continua)

06/04/2010 Una fiala di Vaxigrip provoca la mielite acuta in una donna

Quando il vaccino distrugge la vita
È un'eventualità rarissima, tengono a precisare i medici, ma le vittime non ne sono consolate. Si tratta delle reazioni ai vaccini antinfluenzali, che in alcuni casi provocano patologie gravissime come la mielite acuta, la malattia che ha colpito la signora Marisa di Torino.
La signora, cinquantenne, si era sottoposta a profilassi. Disoccupata, si arrangiava offrendo assistenza a persone anziane in nero. Per evitare contagi, sempre possibili considerato il tipo di lavoro, aveva scelto ... (Continua)

11/02/2005 

Una forte emozione può far male al cuore
Uno choc emotivo, di gioia o di tragedia, può indebolire il cuore al punto da far credere ad un infarto.
Gli autori dello studio lo chiamano la sindrome del cuore infranto, ma contrariamente a ciò che si potrebbe credere, non ha nulla da vedere con San Valentino. Ma con le emozioni forti, e non soltanto di natura amorosa.
Diciannove pazienti esaminati dai medici della Johns Hopkins University, a Baltimore (negli USA), curati d'urgenza con gli stessi sintomi di un ... (Continua)

  1|2

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale