Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 1116

Risultati da 1 a 10 DI 1116

15/07/2016 15:18:00 La tecnologia può aiutare a capire chi beneficia maggiormente del farmaco

Malattie del cuore, un'app per l'uso corretto dell'aspirina
L'uso dell'aspirina come forma di prevenzione per le malattie cardiovascolari ha migliorato i tassi di incidenza negli ultimi anni. A confermarlo è uno studio apparso su Jama Internal Medicine e firmato da Samia Mora, cardiologa del Brigham and Women's Hospital di Boston che spiega: «Nel corso degli ultimi decenni i tassi di morte per malattie cardiovascolari, tra cui la malattia coronarica e l'ictus, sono diminuiti negli uomini e più recentemente nelle donne».
Parte della riduzione è ... (Continua)

15/07/2016 12:31:00 Alterazioni genetiche potrebbero essere alla base di molti casi

Morte cardiaca improvvisa, il ruolo del Dna
Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine ha voluto indagare a livello genetico il decesso di quasi 500 bambini e ragazzi neozelandesi e australiani per morte cardiaca improvvisa.
Chris Semsarian, uno degli autori dell'analisi e docente di Cardiologia molecolare presso l'Università di Sydney, spiega: «Il decesso inaspettato di un bambino o di un giovane adulto apparentemente in buona salute è un evento che ha un impatto devastante su famiglie, medici e società civile»
Lo ... (Continua)

13/07/2016 14:50:00 Diversi studi confermano le proprietà del frutto

Le tante virtù del melograno
La melagrana, il frutto del melograno, termine utilizzato comunemente per definire entrambi, è una vera e propria fonte di benessere. A confermarlo è uno studio del Politecnico federale di Losanna che ha scoperto nel frutto una sostanza che, opportunamente modificata dai batteri intestinali, può proteggere l'organismo dall'invecchiamento.
Il composto in questione è l'acido ellagico, che una volta nell'intestino promuove la formazione di una molecola chiamata urolitina A, la quale riesce a ... (Continua)

11/07/2016 14:10:00 Proprietà protettive per il frutto dell'estate

Il cocomero aiuta il cuore e abbassa la pressione
Il tipico frutto dell'estate aiuta a proteggere il cuore e riduce l'ipertensione. Questi i benefici diretti prodotti dal cocomero, secondo i risultati di due ricerche. La prima, della Florida State University, ha coinvolto un piccolo campione di 13 persone affette da pressione alta e monitorate per 12 settimane.
Nelle prime sei settimane della ricerca alcuni soggetti hanno assunto un estratto di cocomero che conteneva 4 grammi di aminoacido L-citrullina e 2 grammi di L-arginina, mentre gli ... (Continua)

08/07/2016 17:51:00 Poca attività fisica e scappatelle mettono a rischio il cuore

Quando il sesso uccide
Il sesso può anche uccidere. Ad affermarlo è un gruppo di ricercatori del Tufts Medical Center di Boston, secondo cui non avere rapporti sessuali in maniera regolare e praticare attività fisica con il contagocce può rappresentare un pericolo grave per la salute del nostro cuore. Ad aumentare il rischio anche i tradimenti e il sesso occasionale.

La base della ricerca statunitense, pubblicata sulla rivista Jama dell'American Medical Association, è costituita dalla revisione di 14 studi ... (Continua)

08/07/2016 16:50:00 Livelli ideali di Hdl allontanano il rischio di Alzheimer

Il colesterolo buono fa bene anche al cervello
Non fa bene solo al cuore, ma anche al cervello. È quanto sostiene una ricerca americana riguardo l'ormai famoso colesterolo Hdl, quello definito “buono”. Secondo i ricercatori della Columbia University di New York, guidati da Christiane Reitz, c'è un nesso evidente fra l'Hdl e il morbo di Alzheimer.

Nello specifico, un'analisi su oltre 1100 anziani senza sintomi di demenza senile ha messo in luce un rapporto inverso fra alti livelli di Hdl e probabilità di sviluppare l'Alzheimer. I ... (Continua)

07/07/2016 15:20:00 Studio ne conferma l'efficacia

Entresto, un nuovo farmaco per il cuore
Il farmaco per lo scompenso cardiaco Entresto (sacubitril/valsartan) può evitare migliaia di morti ogni anno. Lo dice uno studio pubblicato su Jama Cardiology da un team dell'Università della California di Los Angeles coordinato da Gregg Fonarow, direttore dell'Ahmanson Cardiomyopathy Center.
«L'insufficienza cardiaca è una malattia frequente che spesso peggiora nel tempo pregiudicando la qualità di vita e lo stato di salute del paziente nonostante i trattamenti disponibili», spiega ... (Continua)

23/06/2016 14:22:00 L'effetto protettivo delle arie di Mozart e Strauss

La musica classica abbassa la pressione
I soggetti ipertesi possono beneficiare dell'ascolto della musica classica, in particolare quella di Mozart e Strauss. Lo hanno evidenziato i ricercatori dell'Università della Ruhr di Bochum pubblicando uno studio su Deutsches Ärzteblatt International.
Gli scienziati hanno coinvolto 120 persone, metà delle quali hanno ascoltato musica per 25 minuti e l'altra metà ha semplicemente riposato. I soggetti che hanno ascoltato musica sono stati divisi a loro volta in tre gruppi: il primo ha ... (Continua)

22/06/2016 12:34:00 Ricerche diverse puntano allo stesso risultato

Un test del sangue predice l'infarto
Basterà un esame del sangue per predire l'insorgenza di un infarto. Ci stanno lavorando i ricercatori dell'Imperial College di Londra, il cui approccio si basa sulla rilevazione dei livelli di anticorpi IgG.
Stando ai ricercatori inglesi, che hanno pubblicato il loro lavoro su EbioMedicine, le persone con alti livelli di anticorpi IgG avrebbero un rischio molto basso di incorrere in problemi cardiaci. Ciò indipendentemente da altri fattori di rischio come la pressione sanguigna o i livelli ... (Continua)

20/06/2016 11:10:00 Più a rischio le donne impegnate professionalmente

Il lavoro fa ammalare le donne
Brutte notizie per le donne in carriera. Secondo uno studio della Ohio State University pubblicato sul Journal of Occupational and Environmental Medicine, le donne più impegnate a livello professionale rischiano più delle altre in termini di salute.
I rischi salgono quando le ore lavorative superano le 40 alla settimana: «Le donne, specialmente quelle che devono ricoprire più ruoli, sentono gli effetti di un impegno lavorativo molto intenso e possono incappare in una serie di malanni e ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102| 103| 104| 105| 106| 107| 108| 109| 110| 111| 112

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale