Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 611

Risultati da 231 a 240 DI 611

14/05/2013 Terapia che va oltre gli anticorpi monoclonali

Aflibercept, degenerazione maculare in trappola
Nella Degenerazione Maculare Legata all’Età (forma umida) l’innovazione determina un salto di qualità. Dopo gli anticorpi monoclonali per iniezione intravitreale, che fino a ieri rappresentavano la frontiera più avanzata delle terapie per questa patologia, arriva aflibercept, una proteina di fusione completamente umana, con un meccanismo d’azione nuovo che agisce come le chele di un’aragosta, intrappolando i fattori responsabili della crescita anomala dei vasi sanguigni all’interno della ... (Continua)

04/05/2013 La tecnica Bodytite a onde radio riduce al minimo l'invasività

Cicatrici addio, ecco la nuova liposuzione
La prova costume è ormai alle porte e, come tutti gli anni, si corre ai ripari per tentare di rimediare ai danni degli stravizi o della semplice pigrizia dei mesi invernali. Non solo palestra e dieta, la primavera, si sa, è il periodo in cui si registra un picco nelle richieste di ritocchi estetici.
Ma come si possono conciliare i tempi ridotti per un eventuale recupero post intervento con quelli per una esposizione al sole senza rischi? L’ultimo metodo arrivato sul mercato è la liposuzione ... (Continua)

26/04/2013 Ritocchi sotto accusa per una coppia su tre

La chirurgia estetica mette in crisi la coppia
Il ritocco estetico rischia di costare davvero tanto e non solo per le tasche di chi decide di sottoporvisi. Per una volta, l’attenzione non si focalizza esclusivamente sui rischi per la salute legati all’intervento, o sul costo che, soprattutto in tempi di recessione, rappresenta un deterrente verso la sala operatoria: i chirurghi plastici denunciano un altro ostacolo da superare, che spesso arriva una volta conclusa la convalescenza.
“Sono in aumento le coppie che entrano in crisi dopo ... (Continua)

26/04/2013 La sostanza accelera i tempi di recupero

Vitamina E dopo la rinuncia al fumo
Smettere di fumare è sempre una buona notizia per il nostro organismo, ma assumere vitamina E aumenta i benefici indotti dalla decisione. A dirlo è uno studio dell'Ohio State University coordinato da Richard Bruno.
Grazie alla rinuncia alle sigarette, i vasi sanguigni ritornano pian piano alla loro normale funzionalità, un recupero maggiormente accentuato e più rapido se viene assunta una forma specifica di vitamina E, il gamma tocoferolo, un potente antiossidante.
Gli studiosi, che hanno ... (Continua)

23/04/2013 Meglio allenare entrambi gli occhi

Ambliopia, alternativa al bendaggio
Tanti sono i bambini costretti a bendaggi da pirati per stimolare l'occhio pigro. L'ambliopia è infatti il disturbo visivo più comune fra i bambini, e colpisce il 3 per cento della popolazione totale. Ora uno studio della McGill University di Montréal mette in dubbio la validità dell'approccio terapeutico utilizzato più di frequente, ovvero il bendaggio dell'occhio “sano” per spingere l'altro a lavorare di più e meglio.
Secondo i ricercatori canadesi, sarebbe meglio far lavorare insieme i ... (Continua)

22/04/2013 18:57:08 Pubblicati i risultati della studio COLOR II
Chirurgia laparoscopica preferibile nel cancro colorettale
Ad oggi non era ancora stato chiarito se la chirurgia laparoscopica fosse veramente una valida alternativa alla chirurgia a cielo aperto nei pazienti con cancro rettale. Proprio per rispondere a tale quesito è stato progettato il COlorectal cancer Laparoscopic or Open Resection (COLOR II) trial. Infatti lo scopo dello studio è stato quello di confrontare la chirurgia laparoscopica e quella a cielo aperto in questo tipo di pazienti. Il trial si è svolto in 30 centri di 8 nazioni ed ha ... (Continua)
22/04/2013 L'andatura lenta è associata a un rischio di mortalità maggiore

Nei nefropatici la camminata lenta è un sintomo pericoloso
Nelle persone affette da problemi ai reni, camminare lentamente non è un buon segno, ma è al contrario un aspetto associato a una mortalità maggiore. Il nesso è stato evidenziato da uno studio pubblicato sul Journal of the American Society of Nephrology da Baback Roshanravan dell'Università di Washington.
In presenza di una malattia renale le gambe riducono la propria efficienza del 30 per cento. Per ogni 0,1 metri al secondo in meno di velocità della camminata il rischio di mortalità si ... (Continua)

16/04/2013 La tecnica per trattare la condizione che riguarda un bimbo su 4000
Ernia diaframmatica, un palloncino per curarla
Ogni anno 1 bambino ogni 4000 nasce con un’ernia diaframmatica. Si tratta di una condizione congenita nella quale uno o più organi dell’addome “attraversano” il diaframma e invadono la cavità del torace, compromettendo gravemente il corretto sviluppo dei polmoni.
Alla Fondazione Ca’ Granda Policlinico di Milano ogni anno vengono effettuati 15 interventi per trattare questa patologia, in quello che è l’unico centro italiano ad avere le necessarie competenze (insieme a soli tre altri centri a ... (Continua)
11/04/2013 Effetto irritativo legato all'uso di creme acquose

Le creme emollienti possono provocare reazioni cutanee
Se usate come emollienti, le creme acquose possono provocare fastidiose reazioni cutanee, come bruciore, prurito e rossore. Ciò avviene in particolare nei bambini affetti da eczema atopico. A sostenerlo è un aggiornamento sulla sicurezza di alcuni prodotti da parte della Mhra, l'agenzia del farmaco britannica.
In genere, le reazioni si verificano a distanza di 20 minuti dall'applicazione, ma possono insorgere anche più tardi, e la causa risiederebbe nella presenza al loro interno di sodio ... (Continua)

08/04/2013 Ritardo nello sviluppo neurocognitivo anche a distanza di mesi dalla crisi

Crisi epilettiche pericolose per lo sviluppo del bambino
L'epilessia può provocare problemi al corretto sviluppo cognitivo del bambino. A dirlo è una ricerca condotta da un team dello University College London – Institute of Child Health di Londra, che ha pubblicato sulla rivista Epilepsia i risultati della propria analisi.
Secondo gli scienziati inglesi, nelle sei settimane successive a uno stato convulsivo epilettico (Cse), ovvero una crisi della durata superiore ai 30 minuti, si verifica un ritardo nello sviluppo del bambino. Il problema è ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale