Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 19

Risultati da 1 a 10 DI 19

15/03/2016 12:24:03 Studio internazionale analizza le caratteristiche della neoplasia

Cancro al seno lobulare invasivo, i geni coinvolti
Ci sono alcune alterazioni genetiche coinvolte in maniera determinante nell'insorgenza del cancro al seno lobulare invasivo (Ilbc). Ad analizzarle sono stati i ricercatori del Breast Cancer Translational Research Laboratory presso l'Institut Jules
Bordet di Bruxelles.
Lo studio, svolto in collaborazione con altri istituti di ricerca europei fra cui l'Ieo di Milano, è stato pubblicato sul Journal of Clinical Oncology. I principali bersagli terapeutici riconosciuti dal team sono le ... (Continua)

01/03/2016 15:55:26 Identificate mutazioni specifiche per questo tipo di neoplasia

Il tumore al seno lobulare, un cancro ancora poco studiato
Tra i diversi tipi istologici di tumore al seno il lobulare è il secondo sottotipo istologico più comune dopo il tumore duttale e rappresenta dal 10 al 15% dei tumori al seno. I carcinomi lobulari hanno un comportamento clinico particolare: tendono a recidivare più tardivamente dei tumori duttali e in altri organi. Ad oggi la maggior parte della ricerca si è concentrata sui tumori duttali, pertanto i tumori lobulari vengono trattati nello stesso modo degli altri tipi di tumori al seno.
I ... (Continua)

18/12/2015 11:26:00 Fondamentali lo screening e il trattamento di un cancro in fase iniziale

Diagnosi precoce per evitare tumori del seno invasivi
Uno studio apparso su The Lancet Oncology indaga in maniera specifica il nesso fra diagnosi precoce del carcinoma duttale in situ (Dcis) e l'incidenza del tumore al seno invasivo.
Per scongiurare la successiva insorgenza di un tumore invasivo sono fondamentali sia lo screening che il trattamento di un cancro al seno in fase iniziale. Lo studio, svolto dai ricercatori della Queen Mary University di Londra, è firmato da Stephen Duffy, che spiega: «Il carcinoma duttale in situ è una forma ... (Continua)

11/11/2015 17:05:58 Studio americano analizza i dati sul carcinoma lobulare in situ

La chemioprevenzione influenza il rischio di cancro al seno
La chemioprevenzione può influenzare il rischio annuo di cancro al seno nelle donne con carcinoma lobulare in situ (Lcis). Al contrario, non sembrano incidere l'età, la storia familiare o l'eventuale mastectomia profilattica.
A sostenere questi dati è uno studio pubblicato sul Journal of Clinical Oncology da un team del Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York. La coordinatrice Tari King, prima firma dell'articolo, ha esaminato i dati relativi a oltre 1000 pazienti affetti da ... (Continua)

10/11/2015 Caratteristiche prognostiche più o meno favorevoli

L'influenza della menopausa nel cancro al seno
La menopausa esercita un'influenza diretta sul cancro al seno. Così, ad esempio, le donne in pre-menopausa che hanno ricevuto una diagnosi di tumore mammario a seguito di uno screening mammografico biennale mostrano più possibilità di avere un tumore in fase avanzata rispetto alle donne sottoposte a uno screening annuale.
Le donne in post-menopausa senza terapia ormonale mostrano una frequenza di tumori con prognosi meno favorevole invariata in termini di cadenza annuale o biennale ... (Continua)

26/10/2015 Ricercatori americani scagionano l'accessorio

Il reggiseno non causa il cancro
Non date retta a Gwyneth Paltrow, il reggiseno non fa venire il cancro al seno. L'attrice aveva riproposto sul suo sito la vecchia teoria secondo cui indossare per tante ore il reggiseno aumenta le probabilità di insorgenza del cancro mammario.
In realtà, questo nesso non esiste. Lo dice un nuovo studio pubblicato su Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention da un gruppo di ricercatori della Public Health Science Division presso il Fred Hutchinson Cancer Research.
La coordinatrice ... (Continua)

19/10/2015 12:07:44 Studio fa luce sul carcinoma duttale in situ

Il ruolo dei recettori ormonali nel tumore alla mammella
Un team di ricercatori italiani ha dimostrato l'importanza dei recettori per gli androgeni nello sviluppo del carcinoma duttale in situ (Dcis), una forma di tumore alla mammella.
Gli scienziati dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori Irst di Meldola coordinati da Sara Bravaccini si sono concentrati sul Dcis, una forma neoplastica i cui marcatori biologici prognostici e predittivi sono stati poco studiati in passato, al contrario di ciò che è avvenuto con il ... (Continua)

03/04/2015 18:29:23 Discordanze interpretative nell’analisi delle biopsie mammarie
Carcinoma della Mammella
L’accuratezza della diagnosi patologica nell’analisi di una biopsia mammaria è fondamentale in quanto condiziona tutti i successivi trattamenti medici e chirurgici. Nonostante questo, finora non si era studiato in modo approfondito tale aspetto. Infatti risulta che di fronte a un campione bioptico di tessuto mammario, il disaccordo interpretativo tra patologi è molto più elevato di quanto si pensi. Il dato, preoccupante in quanto l'accuratezza del referto rappresenta la base per le decisioni ... (Continua)
12/11/2014 16:21:00 I vantaggi della radio dopo la chirurgia conservativa

Cancro al seno, quando sottoporsi a radioterapia
Decidere o meno di sottoporsi a radioterapia dopo un intervento di chirurgia conservativa al seno è problematico. Un team dell'Università di Uppsala ha cercato di dare una risposta ai dubbi di medici e pazienti attraverso lo studio SweDcis pubblicato sul Journal of Clinical Oncology.
Il dott. Lars Holmberg, uno degli autori dell'articolo, spiega: “attualmente le linee guida svedesi non prevedono radioterapia nelle donne con Dcis di grado 1 o 2, più piccolo di 15 millimetri. È possibile ... (Continua)

29/08/2014 15:11:00 Nuova formulazione riduce gli effetti collaterali
Tamoxifene in gel per curare il cancro al seno
Dalle pasticche al gel per curare il cancro al seno. È quanto emerge da una ricerca americana pubblicata su Clinical Cancer Research da parte di un team della Northwestern University.
La novità riguarda il farmaco Tamoxifene, una terapia ormonale per le donne affette da tumore al seno non invasivo. Il gel è risultato parimenti efficace, ma nello stesso tempo riduce al minimo l'esposizione nel resto dell'organismo e provocherebbe così un numero inferiore di effetti collaterali.
Il gel a ... (Continua)

  1|2

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale