Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 17

Risultati da 1 a 10 DI 17

30/05/2016 11:17:54 Il livello delle cellule progenitrici denuncia l'esistenza del disturbo

Esofagite nei bambini, gli eosinofili come marker
I bambini affetti da esofagite eosinofila attiva mostrano un livello di cellule progenitrici degli eosinofili (Eop) decisamente più alto della norma. Questo parametro si associa all'infiltrato esofageo di eosinofili maturi e funge in tal modo da biomarcatore della malattia.
A confermarlo sono i medici dell'Università di Cincinnati guidati da David Morris, che ha firmato un articolo sul Journal of Allergy spiegando: «L'esofagite eosinofila attiva è una malattia cronica emergente ... (Continua)

14/03/2016 12:43:17 Le scelte migliori per prevenire le recidive

Rinite eosinofila, come riconoscerla e come trattarla
La rinite eosinofila è spesso confusa con quella allergica, ma da essa si distingue innanzitutto per la negatività ai test allergici. La sintomatologia è simile: difficoltà nella respirazione nasale, secrezioni nasali, anosmia cioè la non percezione degli odori o ridotta percezione, sensazione di secrezione in gola.
Tuttavia, la rinite eosinofila si caratterizza per la presenza nel secreto nasale di un’alta percentuale di eosinofili e, se non adeguatamente trattata, presenta un maggiore ... (Continua)

15/01/2016 11:05:00 L'alto numero di eosinofili nel sangue determina un aumento del rischio

Bronchiolite, l'ipereosinofilia è un marker
Un team di ricercatori dell'University Hospitals of Cleveland ha scoperto un nesso fra il numero di eosinofili nel sangue e il rischio di bronchiolite. I ricercatori, guidati dal dott. Steven Shein, hanno studiato retrospettivamente 1.356 pazienti di età inferiore a 2 anni ospedalizzati per bronchiolite tra il 2010 e il 2013 allo scopo di verificare la correlazione esistente tra il numero di eosinofili nel sangue, la durata del ricovero e l’eventuale utilizzo della ventilazione meccanica.
Il ... (Continua)

02/12/2014 Efficace uno spray intranasale a base di resveratrolo

La rinite tra allergia e virus, esiste un link?
Negli ultimi anni la prevalenza della rinite allergica in età pediatrica è aumentata in modo significativo. Da studi epidemiologici emerge che la malattia colpisce oltre il 10% dei bambini nei primi 14 anni di età e fino al 20-30% degli adolescenti e dei giovani adulti. Tutto questo si riflette piuttosto gravemente sui costi socio-economici della rinite allergica. Non bisogna inoltre dimenticare che questa patologia ha un impatto negativo su rendimento scolastico, qualità di vita e sonno dei ... (Continua)

03/11/2014 17:39:06 Bambino cardiopatico sottoposta a procedura innovativa
Tecnica mininvasiva per la cura della bronchite plastica
Uno studio pubblicato su Pediatrics svela l'efficacia di una tecnica mininvasiva per la cura della bronchite plastica. Il caso riguarda un bambino cardiopatico di 6 anni che rischiava la vita.
Uno degli autori dell'articolo, Maxim Itkin della Scuola di medicina di Perelman presso l'Università della Pennsylvania, spiega: “la tecnica ha permesso di eliminare gli accumuli di materiale linfatico che bloccano le vie aeree del bambino”.
“La bronchite plastica è caratterizzata da episodi ... (Continua)
15/09/2014 16:28:00 Effetto positivo indotto dal farmaco
Benralizumab per la Bpco
Grazie alla somministrazione di benralizumab i pazienti affetti da Bpco vedono ridursi il numero di eosinofili nel sangue periferico e nell’espettorato. A evidenziarlo è uno studio in doppio cieco controllato con placebo e pubblicato su The Lancet Respiratory Medicine da un team di ricercatori guidato da Christopher Brightling, docente presso l’Università di Leicester.
Il medico spiega: “la Bpco si associa a un’infiammazione eosinofila delle vie aeree nel 10-20% dei casi di Bpco”. Il farmaco ... (Continua)
28/01/2014 14:36:19 In campo nuove e sofisticate tecniche diagnostiche
Un identikit per chi soffre di asma o Bpco
Realizzare un identikit fenotipico dei pazienti affetti da asma o Bpco per riuscire a personalizzare la terapia. Di questo si è parlato nel corso di un convegno che si è svolto all'Università Cattolica di Roma.
Salvatore Valente, che lavora presso l'Unità operativa di Pneumologia del Policlinico A. Gemelli di Roma, spiega: “sia per l’asma che per la Bpco non si parla più di una malattia unica, ma di una sindrome caratterizzata da diversi fenotipi. Questi fenotipi differiscono per danno ... (Continua)
24/05/2013 19:04:08 Il Dupilumab è efficace nell'asma persistente con eosinofili alti
Un Anticorpo monoclonale per combattere l'asma
Processi infiammatori associati alle cellule immunitarie T helper di tipo 2 (Th-2) sono stati riscontrati in circa il 50% dei pazienti affetti da asma. Le citochine prodotte da queste cellule, in particolare l'interleuchina -4 e l'interleuchina-13, sono implicate nell'asma e nei disturbi atopici. Queste citochine esplicano la loro azione legandosi a specifici recettori che presentano una subunità in comune, la subunità alpha del recettore dell'interleuchina-4.Il Dupilumab è un anticorpo ... (Continua)
23/03/2013 Identificati primi marker diagnostici della sensibilità al glutine

Studio sulla sensibilità al glutine “non celiaca”
Un nuovo studio riafferma l'esistenza della sensibilità al glutine non celiaca, una patologia distinta dalla celiachia, ma accomunata ad essa dall'intolleranza al glutine. Lo studio, pubblicato recentemente sulla rivista scientifica internazionale American Journal of Gastroenterology, è stato realizzato su oltre 250 pazienti, con l’obiettivo di indagare e confermare la sensibilità al glutine, definita come non celiaca, e ottenere le prime indicazioni sui marker diagnostici, sierologici ed ... (Continua)

04/03/2013  Lipoxina A4 svolge azione antinfiammatoria

Una nuova molecola contro l'asma
Nuovo possibile rimedio contro l'asma. A scoprire l'ultima novità è uno studio del Brigham and Women's Hospital appena pubblicato su Science Translational Medicine. I ricercatori hanno evidenziato l'efficacia della lipoxina A4 nell'esercitare una valida azione antinfiammatoria, influenzando positivamente due fattori fondamentali per lo sviluppo e il blocco dell'asma.
La molecola agisce sia sulle cellule naturali killer, che favoriscono la morte cellulare programmata delle cellule immunitarie ... (Continua)

  1|2

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale