Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 767

Risultati da 261 a 270 DI 767

22/02/2013 Gli integratori per l'osteoporosi possono diventare pericolosi

Troppo calcio aumenta il rischio di ischemia
Assumere troppo calcio può trasformarsi in un rischio e aumentare la mortalità dovuta a casi di ischemia. A determinarlo è una ricerca dell'Università di Uppsala, in Svezia, pubblicata sul British Medical Journal.
Il coordinatore dello studio Karl Michaëlsson, professore presso l'ateneo svedese, spiega: “un elevato apporto di calcio viene spesso consigliato per il ruolo fondamentale che l'elemento svolge nell'organismo”, in particolare per la prevenzione dell'osteoporosi.
Tuttavia, questo ... (Continua)

21/02/2013 L'iperintensità della materia bianca si associa all'accumulo di placche amiloidi

Alzheimer, scoperto un secondo fattore scatenante
Affinché si verifichi l'insorgenza del morbo di Alzheimer è necessario che all'accumulo anomalo di placche amiloidi si associ anche la cosiddetta iperintensità della materia bianca. A scoprirlo è uno studio del Columbia University Medical Center pubblicato su Jama Neurology.
Nel corso dello studio sono state analizzate 20 persone affette da Alzheimer, 59 colpite da un lieve declino cognitivo e 21 che costituivano il campione di controllo sano. I ricercatori hanno evidenziato come ... (Continua)

11/02/2013 Associazione evidente invece con le infezioni

Lo stress da lavoro non causa il cancro
La stragrande maggioranza dei lavoratori può stare tranquilla. Lo stress prodotto dal proprio lavoro non influisce sulle possibilità di sviluppare un cancro nel corso della vita. A questa conclusione sono giunti i ricercatori del Finnish Institute of Occupational Health, che hanno pubblicato sul British Medical Journal l'esito di un'analisi sui fattori di esposizione ambientale legati all'insorgenza delle neoplasie.
Fra questi non pare trovare posto lo stress, al contrario del fumo o dei ... (Continua)

05/02/2013 Patologia caratterizzata da crisi ricorrenti e da forte malessere

La sindrome di Ménière
La sindrome di Ménière è un complesso di sintomi dovuto a un aumento della pressione dei fluidi dell'orecchio interno. Chi ne è affetto può andare incontro a crisi ricorrenti che si caratterizzano per un senso generale di malessere, nausea, vomito, acufeni, vertigini e fatica a mantenere la postura e l'autocontrollo.
La crisi è accompagnata inoltre da sudorazione e da nistagmi, ovvero dei movimenti a scatti incontrollati degli occhi. Le crisi sono episodiche e hanno una durata variabile dai ... (Continua)

31/01/2013 Al via una sperimentazione per nuove forme di prevenzione

La Tac spirale batte sul tempo il tumore al polmone
Primo, non fumare. Ma il cancro al polmone si può prevenire anche attraverso le nuove scoperte della ricerca, come vuole dimostrare lo studio Cosmos, attivato nel 2000 dall'Istituto Europeo di Oncologia con l'appoggio della Fondazione Veronesi.
Come spiega il prof. Veronesi intervistato da La Stampa, “individuare presto un cancro aumenta di gran lunga le chance di cura. Oggi la diagnosi precoce si usa con efficacia contro molti dei tumori più gravi. Per combatterlo ci si è concentrati solo ... (Continua)

30/01/2013 Dopo un'operazione chi fuma rischia di più

Il fumo aumenta il rischio di morte post-intervento
Il fumo non smette di svelare i suoi lati negativi. Anche gli interventi chirurgici risultano più rischiosi se si è abituati a fumare sigarette. Nei primi 30 giorni successivi all'intervento, infatti, le sigarette aumentano la mortalità post-operatoria in maniera significativa. Un rischio ridotto al minimo per chi non fuma o ha smesso da almeno un anno.
A dirlo è uno studio pubblicato su JAMA Surgery da Khaled Musallam, ricercatore del Dipartimento di Medicina Interna all’Università di ... (Continua)

29/01/2013 Effetti collaterali pericolosi per l'antiacne usata come anticoncezionale

Pillola Diane potenzialmente mortale
Allarme su una pillola anticoncezionale, la Diane 35. Il farmaco, ideato in realtà come rimedio contro l'acne, sarebbe associato ad alcuni decessi per trombosi venosa secondo quanto riferito dall'Agenzia nazionale per la sicurezza del farmaco francese, l'ANSM.
Secondo i dati, in Francia negli ultimi 25 anni la pillola avrebbe causato quattro morti, anche se il quotidiano Le Figaro parla di 7 donne decedute a causa di effetti collaterali dovuti all'assunzione del medicinale.
Diane 35, ... (Continua)

29/01/2013 Fenomeno associato all'aterosclerosi
Il cuore di chi russa corre più rischi
Russare mette a rischio il cuore. È il monito lanciato da una ricerca condotta presso l'Henry Ford Hospital di Detroit, secondo cui la rumorosa abitudine è associata con seri rischi per la salute di alcune categorie di persone, fra le quali i fumatori, i soggetti in sovrappeso e chi è affetto da ipercolesterolemia.
Il rischio più alto è legato all'ispessimento e alle anomalie carotidee, precursori dell'aterosclerosi, ovvero l'indurimento delle arterie alla base di molte patologie ... (Continua)
28/01/2013 19:45:35 Troponina T possibile indicatore del rischio di mortalità in perimenopausa
Rischio di morte nelle donne e Troponina T
La Troponina T sembrerebbe un indicatore preciso del rischio di mortalità a lungo termine nelle donne in postmenopausa secondo quanto emerso da uno studio caso-controllo pubblicato recentemente su Heart. Un gruppo di cardiologi olandesi dell'università Radboud di Nijmegen ha misurato il livello di troponina T cardiaca in un sottogruppo di pazienti reclutate per uno studio sull'osteoporosi, l'Eindhoven perimenopausal osteoporosis study, che ha coinvolto oltre 8.5 00 soggetti. Tra questi sono ... (Continua)
16/01/2013 Il fumo è la causa di cancri più aggressivi

Nuovi marcatori molecolari per il cancro alla vescica
Fumare non solo aumenta le probabilità di un cancro alla vescica, ma ne condiziona l'evoluzione, tanto che le persone che fumano di più hanno maggiori possibilità di sviluppare una forma aggressiva della neoplasia.
È una delle conclusioni di un nuovo studio pubblicato su Cancer, la rivista dell'American Cancer Society. La ricerca ha anche individuato un gruppo di marcatori tumorali in grado di predire con buona efficacia i soggetti più a rischio.
Il ruolo del fumo nello sviluppo del ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale