Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 767

Risultati da 341 a 350 DI 767

22/11/2011 15:41:50 L’oculista di fiducia e uno spazzolino per scoprirlo

È scritta nei geni la degenerazione maculare senile
La degenerazione senile della macula è una delle maggiori cause di ipovedenza dei soggetti con più di 60 anni. La prevalenza è compresa tra l’8,5% e l’11% negli individui di età compresa tra i 65 e i 74 anni, oltre questa età la malattia interessa 1 su tre soggetti. Esistono due forme: una cosiddetta “secca” caratterizzata da atrofia geografica, si instaura lentamente in modo meno aggressivo e invalidante, l’altra definita “umida” è velocemente progressiva. Uno dei sintomi caratteristici è la ... (Continua)

16/11/2011 Come combattere l'osteoporosi a tavola

Cibi e consigli per rinforzare le ossa e i tessuti
L’osteoporosi è la condizione in cui la densità dell’osso diminuisce e la perdita di calcio nel corpo arriva fino al punto critico (più o meno sotto un grammo di centimetro quadrato). In questa situazione, la possibilità di andare incontro a fratture, in particolare all’anca, è molto alta. Il problema affligge circa una donna su tre, e per ogni uomo affetto da osteoporosi ci sono almeno dieci donne che ne soffrono.
La causa principale dell’osteoporosi è da ricercare nella diminuzione degli ... (Continua)

16/11/2011 Basta il centimetro per conoscere il rischio cardiovascolare

Pancetta fuori, grasso viscerale dentro
Per sapere se siamo grassi dentro, con un semplice centimetro, basta misurare il girovita, lo conferma uno studio presentato al Canadian Cardiovascular Congress 2011, in cui è stato sottolineato come questo sia importante.
Non si tratta più semplicemente di un banale inestetismo, ma di fattore di rischio cardiovascolare. “Abbiamo visto che molti giovani senza apparenti fattori di rischio avevano già i primi segni di aterosclerosi: erano coloro con una maggior quantità di grasso viscerale ... (Continua)

09/11/2011 Oltre ai bambini è bene proteggere anche gli anziani

Il vaccino contro lo pneumococco per gli over 50
Via libera della Commissione Europea all’estensione d’uso di Prevenar13, vaccino coniugato 13valente, per le malattie causate dallo pneumococco negli over 50. È la prima volta che un vaccino coniugato (già utilizzato da 10 anni per la protezione dei bambini nei primi anni di età) viene indicato anche per gli adulti: la coniugazione garantisce infatti una protezione efficace e duratura anche in coloro che, a causa dell’età, hanno difese immunitarie “invecchiate”, per effetto di quello che gli ... (Continua)

03/11/2011 13:24:52 il big Killer sottovalutato da molti

Colesterolo pericoloso per il cuore
In Italia ogni ora 26 persone vengono ricoverate per un problema di aterosclerosi coronarica e per malattie ischemiche del cuore, 14 persone hanno un infarto e 25 persone muoiono per un problema cardiaco. Molti di questi ricoveri e di questi decessi si sarebbero potuti evitare se solo i livelli di colesterolo fossero stati tenuti adeguatamente sotto controllo in modo efficace. Perché ridurre il colesterolo non basta, occorre anche mantenerlo a livelli adeguati. Il colesterolo è il big killer ... (Continua)

25/10/2011 15:04:46 Una vera causa o solo un marcatore di malattie cardiovascolari?

La SP-B, una proteina nel sangue dei fumatori
Un fumatore che abbia nel sangue un livello plasmatico elevato di una proteina chiamata SP-B, potrebbe essere più a rischio nei confronti delle malattie cardiovascolari, in particolare dell’arteriosclerosi a carico dei vasi cardiaci. Anand Rohatgi, docente di Medicina interna presso l’UT Southwestern ha dichiarato: "Siamo vicini alla possibilità di avere un esame del sangue per aiutare a misurare con precisione gli effetti correlati al fumo che contribuiscono alle malattie cardiache e ... (Continua)

25/10/2011 TG4010 in associazione con trattamento chemioterapico

Un vaccino sembra rallentare il cancro ai polmoni
Un gruppo di ricercatori dell'Università di Strasburgo ha reso pubblici i risultati di una sperimentazione che ha per oggetto un possibile vaccino contro il cancro ai polmoni. TG4010, questo il nome della profilassi, andrebbe adottato in associazione alla terapia chemioterapica standard nei casi di tumore dei polmoni a cellule non piccole, la tipologia più diffusa con un'incidenza di circa l'80 per cento.
I ricercatori francesi hanno testato il vaccino su un totale di 148 pazienti, ... (Continua)

20/10/2011 Risultati contrastanti per questa tecnica chirurgica d'avanguardia
La linfoadenectomia estesa in caso di cancro prostatico
Il carcinoma prostatico rappresenta, ad oggi, una delle neoplasie più diffuse nel sesso maschile, in costante aumento in diversi paesi del mondo. Il fattore di rischio più importante è rappresentato dall'età, dal momento che a partire dai 50 anni si osserva un sensibile incremento dell'incidenza di questa patologia. Fattori di rischio aggiuntivi comprendono l'obesità, il fumo, l'ereditarietà e la razza.
Le tecniche diagnostiche di base sono rappresentate dall'esplorazione digito-rettale, ... (Continua)
10/10/2011 I cibi più indicati per evitare i segni del tempo

Una dieta a prova di rughe
L'elisir di giovinezza esiste, si trova nei cibi di tutti i giorni. Lo assicura la Coldiretti, che ha preparato una lista di alimenti fondamentali per la cura della nostra pelle e per contrastarne l'invecchiamento. Gli alimenti indicati dalla Coldiretti, infatti, proteggono l'organismo dai radicali liberi, che hanno fra gli altri effetti quello di partecipare alla formazione delle antiestetiche rughe.
La proliferazione dei radicali liberi è favorita dal fumo e dall'inquinamento ... (Continua)

08/10/2011 Negli anziani influisce l'ingiallimento del cristallino

Quando l'insonnia dipende dagli occhi
L'insonnia è un fenomeno molto comune soprattutto fra gli anziani. Secondo uno studio danese pubblicato su Sleep, la ragione risiederebbe in un processo legato all'invecchiamento, nello specifico l'ingiallimento del cristallino, l'elemento dell'occhio che serve per la messa a fuoco di oggetti vicini e lontani.
Man mano che si invecchia, questa lente naturale tende a diventare gialla, il che si traduce in una riduzione della luce blu che arriva abitualmente alla retina. La diminuzione di ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale