Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 767

Risultati da 391 a 400 DI 767

29/03/2011 Aumenta l'incidenza della patologia fra i giovani

L'ictus è sempre più giovanile
Spesso si associa l'ictus a una malattia dell'età adulta, ma non sempre è vero. Al contrario, secondo alcuni dati diffusi negli Stati Uniti a margine dell'International Stroke Conference che si sta tenendo a Los Angeles, sono sempre di più i giovani colpiti da ictus negli ultimi anni.
Mentre la tendenza fra i pazienti di mezza età va migliorando, con una diminuzione del 25 per cento fra gli uomini con più di 45 anni e del 29 fra le donne della stessa età, l'incidenza dell'ictus sulla ... (Continua)

29/03/2011 Istituito il registro italiano per monitorare il tumore

Melanoma, sempre più giovani colpiti
L’età delle persone colpite da melanoma, un tumore della pelle molto aggressivo, si sta abbassando progressivamente. Il 25% dei nuovi casi oggi in Italia riguarda giovani al di sotto dei 30 anni, dieci anni fa questa percentuale era esigua, intorno al 5%. Si tratta di stime perché finora è mancato uno strumento in grado di indicare dati epidemiologici certi.
Una lacuna che viene colmata grazie alla nascita del registro melanoma, un progetto dell’Intergruppo Melanoma Italiano (IMI), ... (Continua)

18/03/2011 Una sperimentazione apre nuove prospettive anche per il trattamento del diabete
Nuova cura per l'iperinsulinismo congenito
La cura messa a punto per una malattia rara come l'iperinsulinismo congenito potrebbe rappresentare un punto di svolta anche per il diabete. Un team di scienziati dell'Università di Manchester nel Regno Unito ha scoperto, infatti, nuove cure per affrontare l'iperinsulinismo congenito (CHI), una rara e potenzialmente letale malattia dell'infanzia, che è l'opposto clinico del diabete mellito. Lo studio, pubblicato nella rivista Diabetes, è stato portato avanti da collaboratori clinici in ospedali ... (Continua)
16/03/2011 Scarso il ricorso agli andrologi in particolare fra i più giovani

Un decalogo per la fertilità maschile
Pudore, vergogna o noncuranza fra le possibili spiegazioni della scarsa propensione degli uomini, e nello specifico dei più giovani, a farsi visitare da un andrologo. È il risultato di un'indagine promossa dalla Siams (Società Italiana di Andrologia Medica e Medicina della Sessualità) su un campione di oltre 3000 ragazzi, visitati nell'ambito della campagna AmicoAndrologo che ha coinvolto molte scuole italiane nel biennio 2009-2010.
Fra i ragazzi visitati, in oltre il 40 per cento dei casi ... (Continua)

15/03/2011 Il rischio di sviluppare la malattia scende del 50% mangiando pesce

Pesce, dieta e regole contro la degenerazione maculare
Mangiare pesce fa bene agli occhi, in virtù degli acidi grassi Omega 3 contenuti nel pesce azzurro, nel salmone e in altre specie ittiche. Una dieta ricca di pesce, infatti, può rallentare la Degenerazione Maculare Legata all'Età (DMLE), una patologia che offusca la visione centrale e che compare di solito dopo i 60 anni.
Infatti stando ad una ricerca della Harvard Medical School e pubblicata sugli Archives of Ophthalmology, una porzione di pesce alla settimana diminuisce quasi della meta' ... (Continua)

15/03/2011 Difficoltà nel rapporto di coppia alimentano sintomi depressivi nella donna

Depressione in gravidanza causata da crisi di coppia
Il segreto è una buona dose di attenzioni per la propria compagna in attesa. A sostenerlo è una ricerca norvegese appena pubblicata su BMC Public Health, che sottolinea come il rapporto di coppia sia fondamentale per portare avanti una gravidanza serena ed evitare alla futura mamma crisi depressive, che potrebbero peraltro trasformarsi in una depressione post-partum.
I ricercatori scandinavi hanno esaminato i ... (Continua)

14/03/2011 La bevanda svolgerebbe addirittura un'azione protettiva sulle donne

Nessun pericolo di ictus per chi ama il caffè
Non ci sono problemi di cuore o di pressione alta per chi beve due o tre tazzine di caffè al giorno, i composti fenolici in esso contenuti, al contrario, potrebbero avere un ruolo preventivo nell’insorgenza delle malattie cardiovascolari. Continua la serie delle comunicazioni scientifiche positive sul rapporto consumo di caffè e salute.
Dopo le recenti comunicazioni che facevano assurgere il caffè ad alimento “utile” per la prevenzione di alcune patologie, tra cui diabete e cancro, oggi ... (Continua)

09/03/2011 Alimentazione e pigrizia fra gli imputati del rapporto Osservasalute

Le cattive abitudini minano la salute degli italiani
La nostra salute va peggiorando per una serie di comportamenti sbagliati, stando ai risultati del Rapporto Osservasalute sulle condizioni degli italiani. Le ragioni principali per questo decadimento delle condizioni di salute sono legate essenzialmente a un'alimentazione squilibrata, alla mancanza di un'attività fisica adeguata, al fumo e al consumo eccessivo di alcool, in particolare fra i più giovani.
L'elemento preoccupante è fra l'altro la percezione di normalità legata a questi ... (Continua)

07/03/2011 Il più grande studio sulla patologia scopre nuovi geni correlati al rischio
Individuate 13 nuove mutazioni che predispongono all'infarto
Sono state individuate tredici nuove mutazioni genetiche che predispongono all'infarto.
La scoperta è stata resa possibile grazie al più grande studio mai effettuato su questa patologia, che potrebbe portare risposte significative al verificarsi dell'alto numero di casi anche in soggetti che non hanno i noti comportamenti a rischio per la malattia, come fumo o obesità.
Il risultato della ricerca è stato pubblicato dalla rivista Nature Genetics, e apre la strada a nuovi studi sui ... (Continua)
01/03/2011 I laureati sono protetti da ipertensione e malattie cardiovascolari

Alto grado di istruzione abbassa i rischi di ipertensione
Forse al giorno d'oggi arrivare a conseguire una laurea non assicura la possibilità di entrare agevolmente nel mondo del lavoro ma una consolazione c'è, per i laureati, secondo un'analisi della Brown University, negli Usa. Chi studia di più abbassa il rischio di sviluppare ipertensione e malattie cardiovascolari, ed in particolare il giovamento maggiore è proprio per chi raggiunge la laurea.
La tesi è stata avanzata da un gruppo di ricercatori diretti dal professor Eric Loucks, che hanno ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale