Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 767

Risultati da 401 a 410 DI 767

24/02/2011 Nella funzionalità delle pareti sanguigne l'indizio di problemi al cuore

Un biomarcatore annuncia l'infarto
Oltre al controllo dei tradizionali fattori di rischio – colesterolo, obesità, fumo ecc. – un nuovo studio proveniente dal Canada suggerisce la verifica periodica della corretta funzionalità delle pareti sanguigne, della loro elasticità e resistenza, segno inequivocabile, stando ai ricercatori dell'Università di Calgary, dello stato del nostro apparato cardiovascolare. La valutazione di questo biomarcatore predice la consistenza o meno del rischio di infarto e di altre patologie di carattere ... (Continua)

23/02/2011 Semplice analisi delle urine, non ci sarà bisogno della cistoscopia
Nuovo test per diagnosticare il tumore alla vescica
Si potrà diagnosticare il tumore della vescica con un semplice e rivoluzionario test delle urine al posto della tradizionale e più invasiva cistoscopia, sperimentato con successo presso l'Urologia universitaria dell'ospedale Molinette di Torino.
I risultati della ricerca e della scoperta saranno pubblicati su “The Journal of Urology”, la più prestigiosa rivista scientifica internazionale di urologia. L'incidenza del carcinoma della vescica, tre volte più frequente nell'uomo rispetto alla ... (Continua)
21/02/2011 Il parto anticipato influisce sui livelli del coenzima Q10

Latte meno nutriente se il parto è pretermine
Il latte materno può essere carente di nutrienti essenziali se il parto è avvenuto pretermine.
In particolare, i livelli di coenzima Q10 nel latte delle donne che hanno partorito prima della scadenza dei 9 mesi sono del 75% più bassi rispetto ai parti a termine. La scoperta è merito di un gruppo di ricercatori dell’Università di Granada e dell’ospedale universitario San Cecilio, che hanno analizzato il latte di 30 donne, la metà delle quali aveva partorito con qualche settimana di ... (Continua)

28/01/2011 Allarme smog, le raccomandazioni contro le malattie respiratorie
Lo smog causa malattie respiratorie nei bambini
Asma, riniti allergiche, tosse secca e dispnea sono causati dall'inquinamento atmosferico e non solo acuiti dai fumi cittadini.
Si conclude oggi il 14° Congresso Internazionale sulle malattie respiratorie promosso dalla Asl 22 Veneto. Particolare attenzione è stata data alla questione inquinamento: “Le PM10 provocano effetti nel breve e nel lungo termine: da una semplice infiammazione può svilupparsi una bronchite cronica”.
Il Congresso Internazionale è stato dedicato all’“Asma ... (Continua)
27/01/2011 Nicotina associata ad alterazioni nella capacità comunicativa fra i neuroni

Deficit di attenzione per chi fuma
Come se non bastassero tutte le buone ragioni già note per smettere di fumare, da una ricerca italiana si apprende ora che il fumo ridurrebbe la nostra capacità di prestare attenzione. Si tratta di una ricerca della Scuola internazionale superiore di studi avanzati che ha sede a Trieste, firmata da Enrico Cherubini e dai suoi colleghi e appena pubblicata sulla rivista Journal of Neuroscience.
I ricercatori italiani sostengono che la nicotina, anche in modeste quantità, sarebbe in grado di ... (Continua)

21/01/2011 La man-flu esiste e gli uomini reagiscono in modo esagerato

Gli uomini sotto stress si ammalano di più, e si lamentano
Quante donne si lamentano con le amiche quando i propri compagni prendono l'influenza?Quasi tutte perché gli uomini, si sa, quando si ammalano diventano insopportabili.
Basta qualche linea di febbre e il naso che cola per stendere il così detto sesso forte, e a pagarne le conseguenze sono sempre le mogli, che devono sobbarcarsi tutti gli impegni familiari e anche sopportare i lamenti del malato.
Una curiosa ricerca sudcoreana spezza però una lancia a favore dei maschietti lamentosi ... (Continua)

20/01/2011 Le probabilità di fecondazione aumentano con l'utilizzo degli antiossidanti

Antiossidanti per scongiurare la sterilità
La fertilità degli uomini può essere sollecitata attraverso l'assunzione di antiossidanti e vitamine. È quanto hanno scoperto alcuni ricercatori dell'Università di Auckland, in Nuova Zelanda, che hanno pubblicato i risultati sulla rivista Cochrane Library.
I ricercatori hanno preso in esame 34 studi precedenti sulla fecondazione assistita e su coppie che vi avevano fatto ricorso per problemi di fertilità dell'uomo, dovuti essenzialmente a una bassa percentuale di spermatozoi e a una ... (Continua)

17/01/2011 Pochi minuti e poche boccate per danneggiare il Dna

I danni del fumo sono immediati
Non è necessario consumare pacchetti su pacchetti di sigarette al giorno per danneggiare il proprio organismo, ma soltanto qualche boccata di una singola sigaretta. Lo afferma una ricerca statunitense pubblicata dalla rivista Chemical Research in Toxicology, secondo cui le sostanze nocive contenute nelle sigarette hanno bisogno soltanto di pochi minuti per provocare i primi danni e contribuire alla modificazione delle cellule sane, scatenando così un'eventuale proliferazione di cellule ... (Continua)

13/01/2011 Piccole pause fanno bene al cuore e alla linea

Mal d'ufficio, ecco i rimedi
La permanenza in ufficio viene considerata spesso una parentesi, in attesa della fine della giornata di lavoro e del relax serale. Che ci piaccia o no, invece, si tratta di un luogo in cui per buona parte della nostra esistenza (circa un terzo) dobbiamo pur ''vivere'', per cui se la nostra casa è dotata di tutti i comfort, mentre l'ambiente in ufficio non è salubre, la nostra salute ne può risentire.
Inoltre il lavoro d'ufficio costringe a star seduti per molte ore durante la giornata e ... (Continua)

10/01/2011 I pediatri mettono in guardia dall'uso dei mucolitici al di sotto dei due anni

Per i bambini più piccoli meglio evitare i mucolitici
I genitori dovrebbero astenersi dal somministrare mucolitici a bambini al di sotto dei due anni. È la raccomandazione che emerge da una nota della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS), la quale suggerisce appunto di “evitare l'uso di farmaci mucolitici nei bambini al di sotto dei due anni d'età, in presenza di sintomi di raffreddore e tosse".
I pediatri hanno pubblicato la nota sulla base di un'analisi condotta dall'Agenzia del farmaco che ha preso in esame una serie ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale