Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 767

Risultati da 421 a 430 DI 767

18/11/2010 11:25:13 Le persone in sovrappeso hanno un fiuto più spiccato per il cibo

Obesità, colpa dell'olfatto troppo sensibile
Non è chiaro se sia l'olfatto troppo sviluppato che induca le persone a mangiare oltre misura e quindi a far mettere su chili di troppo o se sia invece l'obesità ad acuire il fiuto per il cibo. Quel che è certo è che il nesso tra obesità e capacità di riconoscere gli odori esiste ed è provata.
Tutti noi, prima di un pasto, abbiamo una capacità olfattiva maggiore, siamo affamati e il nostro organismo reagisce di più alle molecole odorose. Normalmente quando ci saziamo però questa sensibilità ... (Continua)

16/11/2010 Il contraccettivo è un vero e proprio elisir di lunga vita per le donne

Vivere più a lungo grazie alla pillola
I sostenitori della pillola anticoncezionale saranno soddisfatti dei risultati di un'indagine sul contraccettivo femminile più utilizzato. Stando ai ginecologi italiani, la cui associazione – la Sigo –si è riunita a congresso a Milano, l'uso della pillola è associato a un miglioramento complessivo dello stile di vita.
In particolare, c'è più attenzione nei confronti del fumo, dell'attività fisica e dei problemi di peso. L'effetto benefico della pillola, che riguarda anche la fertilità, si ... (Continua)

15/11/2010 Farmaci antidiabetici, uno studio basato sulla popolazione
Pancreatite acuta in associazione a diabete di tipo 2
Il diabete di tipo 2 potrebbe essere associato ad un lieve incremento del rischio di pancreatite acuta. Tale rischio è più elevato nei pazienti più giovani.
La pancreatite acuta viene definita come un processo infiammatorio acuto del pancreas.
Da quanto riportato in letteratura, questa patologia mostra variazioni geografiche nella popolazione generale con tassi di incidenza nei paesi occidentali che risultano compresi tra 4 e 100 casi per 100.000 anni-persona. È stato tra l’altro ... (Continua)
11/11/2010 Il tasso di mortalità raddoppia nelle persone che ne hanno già subito uno

Predisposizione all'infarto
Il rischio di un nuovo attacco è più elevato per chi ha già subito un infarto. È l'allarme lanciato oggi dall'Anmco, l'Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri, che assieme alla fondazione "Per il tuo cuore" e con il supporto di AstraZeneca, darà il via dal 20 dicembre la campagna "Il valore della Vita", per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza della prevenzione e sui rischi del dopo infarto.
Ogni anno, solo nel nostro paese, oltre 150mila persone vengono colpite ... (Continua)

09/11/2010 Dalla prevenzione alle possibili terapie
Tumore alla vescica
La vescica è l'organo che ha il compito di raccogliere l'urina che viene filtrata dai reni, prima di essere eliminata dal corpo. Il tumore della vescica consiste nella trasformazione in senso maligno delle sue cellule. Questa neoplasia è in costante aumento nei Paesi industrializzati, rappresenta circa il 70% delle forme tumorali a carico dell'apparato urinario e circa il 3% di tutti i tumori. È più comune tra i 60 e i 70 anni, ed è tre volte più frequente negli uomini che nelle donne. La ... (Continua)
02/11/2010 I rischi vanno valutati a lungo termine

Sottostimato il rischio cardiovascolare in Italia
Oltre l’85% della popolazione italiana tra i 35 e i 50 anni risulta essere a bassissimo rischio cardiovascolare per i prossimi 10 anni. Eppure semplicemente cambiando prospettiva e aumentando la valutazione dei rischi nel tempo la situazione si stravolge radicalmente.
Lo sostiene uno studio dell’Università Cattolica di Campobasso secondo il quale una grossa fetta della popolazione adulta rischia di essere tagliata fuori dalle strategie di prevenzione a causa di stime ancorate ad una ... (Continua)

28/10/2010 Consumo elevato di sigarette associato a un rischio altissimo di Alzheimer

Il fumo scatena l'Alzheimer
Fumare non è davvero un buon affare. Stando ai risultati di una ricerca statunitense, infatti, la passione per le sigarette può essere associata anche a un elevato rischio di insorgenza di una delle patologie neurodegenerative più temute, il morbo di Alzheimer.
Secondo i dati di uno studio che ha analizzato le cartelle cliniche di oltre 21 mila persone, i fumatori più accaniti – si parla di un consumo di due pacchetti di sigarette al giorno – vedranno la propria possibilità di sviluppare ... (Continua)

28/10/2010 Inaugurati a Milano 5 punti nelle farmacie comunali per smettere di fumare

Dipendenza da fumo, ci pensa la farmacia
L'obiettivo è di rendere sempre più appetibile la possibilità di smettere di fumare e di togliere qualsiasi pretesto ai tabagisti ancora in dubbio. È il principio alla base dell'iniziativa messa in campo dall'Istituto nazionale tumori, che ha deciso l'apertura di 5 centri antifumo all'interno di altrettante farmacie comunali.
Il servizio è del tutto gratuito e costituisce una sorta di assistenza di primo livello che può invogliare il fumatore a intraprendere un percorso, portandolo alla ... (Continua)

27/10/2010 L’approccio clinico rappresenta un problema complesso
Il Nodulo solitario del polmone
I noduli solitari del polmone (NPS) sono lesioni rotondeggianti che non superano i 3 cm di diametro, completamente circondate da parenchima polmonare normale, senza altre anomalie associate. Le formazioni superiori ai 3 cm sono più propriamente dette masse e spesso sono di natura maligna. I noduli solitari del polmone possono essere riscontrati in maniera casuale, nel corso di esami di imaging condotti a livello di collo, arti superiori, torace, addome, e vengono descritti all’incirca nello ... (Continua)
25/10/2010 Chi vive nelle aree metropolitane è esposto a rischi maggiori

Lo smog responsabile di allergie respiratorie
Sempre più studi dimostrano il legame fra l'aumento dell'incidenza delle allergie respiratorie e l'inquinamento atmosferico. Negli ultimi anni i ricercatori hanno evidenziato che gli inquinanti contengono delle minuscole particelle oleose in grado di funzionare come veri e propri solventi nei confronti dei pollini e di scatenare così reazioni allergiche. A peggiorare la situazione contribuiscono i cambiamenti climatici con le conseguenti alterazioni nella fioritura, il fumo e i contaminanti ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale