Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 767

Risultati da 431 a 440 DI 767

23/10/2010 L’Adipso anticipa la Giornata mondiale del prossimo 29 ottobre

Psoriasi, due giornate per conoscerla
Nelle giornate di oggi e domani si terranno in tutta Italia manifestazioni sulla psoriasi che annunciano l’arrivo della Giornata mondiale della Psoriasi prevista per il 29 ottobre. Le due giornate sono organizzate dall’associazione Adipso che, in una ventina di città italiane, allestirà stand informativi per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla patologia.
Nel mondo sono 150 milioni le persone che ne soffrono, delle quali 2 milioni si trovano in Italia. Nel corso delle due giornate, gli ... (Continua)

07/10/2010 Le armi della prevenzione
Le vene blu sulle gambe
D’accordo gli esperti: ci si preoccupa principalmente del fattore estetico.
E si ignora così che i primi antiestetici segni sulle gambe
possono essere l’anticamera
di patologie anche gravi
e portare al ricovero in ospedale.
In agguato, addirittura, l’embolia polmonare.
Ecco le armi della prevenzione:
corretto stile di vita, flavonoidi micronizzati
e calze elastiche.





Intervista a
Claudio Allegra

Presidente della Union ... (Continua)
29/09/2010 I principali fattori di rischio da evitare per prevenire il disturbo

Nuovo studio sull'eczema
Alcuni scienziati tedeschi hanno scoperto un nuovo modo di aiutare i bambini e gli adolescenti che soffrono di eczema atopico o neurodermatite, un disturbo della pelle molto fastidioso. Questo disturbo è in aumento nei paesi industrializzati e gli esperti stimano che il 20% dei bambini ne soffre in Europa. I risultati dello studio sono stati presentati sul Journal of Allergy and Clinical Immunology.
Un team di ricerca guidato dalla dott.ssa Astrid Peters e dalla professoressa Katja Radon ... (Continua)

24/09/2010 10:46:57 Una vita in prima linea aumenta la probabilità di malattie cardiovascolari

L'aggressività indebolisce il cuore
L'associazione fra aggressività e problemi di cuore è facilmente intuibile, ma a confermarlo ora c'è un vasto studio portato a compimento da un team italo-americano. I ricercatori hanno pubblicato i risultati dello studio condotto su un campione di 5000 cittadini sardi sulla rivista Hypertension.
La ricerca è partita da una valutazione delle attitudini comportamentali dei volontari attraverso un test che prevedeva 250 quesiti. In seguito, gli scienziati hanno sottoposto i soggetti a un ... (Continua)

15/09/2010 Stress e cattiva alimentazione fra gli imputati
Ulcera, cause e sintomi
È tra le patologie a maggiore diffusione e interessa tutte le fasce d'età, anche se adolescenti e bambini difficilmente ne sono colpiti.
Sappiamo che, nel suo itinerare, il cibo raggiunge lo stomaco attraverso l'esofago: qui acidi ed enzimi avviano la digestione. Il cibo viene poi dirottato al duodeno dove la digestione si completa e si ha l’assorbimento nutritivo. In condizioni patologiche, le cui cause non sono ancora del tutto note, aumenta la produzione acida ed enzimatica, mentre ... (Continua)
09/09/2010 Il gene Chrna5 spiega la predisposizione alla nicotina e al cancro al polmone

Il Dna costringe a fumare
Chi fuma può giustificare in parte il proprio vizio tirando in ballo il fenomeno dell'ereditarietà. Così la pensano almeno i ricercatori della Fondazione Istituto nazionale dei tumori di Milano (Irccs), che hanno studiato il comportamento di un gene, Chrna5, responsabile del desiderio di sigarette e connesso anche allo sviluppo del cancro al polmone.
La ricerca, condotta da un team di scienziati guidati da Tommaso Dragani, è stata finanziata dall'Airc e pubblicata sul Journal of the ... (Continua)

06/09/2010 Nesso tra il fumo e un quoziente d'intelligenza basso, ma i cerotti non servono

Fumo, i cerotti non aiutano a smettere
Chi riponeva le proprie speranze nei cerotti per smettere di fumare dovrà trovare un'altra idea per dire addio alle sigarette e puntare magari sulla propria volontà. Una ricerca dimostra infatti che la selegilina, sostanza utilizzata per curare il Parkinson e mantenere costanti i livelli di dopamina, prodotto chimico cerebrale che si riduce in caso di astinenza da nicotina, in realtà funzionerebbe né più né meno di un semplice placebo.
Una brutta notizia per i fumatori accaniti che credono ... (Continua)

01/09/2010 L'azione mirata della molecola riduce i battiti del cuore

Scompenso cardiaco, arriva l'ivabradina
Patologia invalidante che colpisce il 2-3% della popolazione mondiale, lo scompenso cardiaco arriva anche a modificare le abitudini e lo stile di vita di chi ne soffre. A Stoccolma, nell'ambito del Congresso Europeo di Cardiologia in corso in questi giorni, è stato presentato lo studio SHIFT, appena pubblicato dalla rivista Lancet.
La nuova arma in mano ai medici è la molecola ivabradina che, stando ai dati acquisiti, è riuscita a ridurre drasticamente i decessi e i ricoveri ospedalieri, ... (Continua)

16/07/2010 Alterazioni genetiche evidenti per chi ha la passione del fumo

Fumo e Dna, legame pericoloso
Un vasto gruppo di geni cambia la propria espressione a causa del fumo. Per la precisione, si parla di 323 geni, secondo i ricercatori americani della Southwest Foundation for Biomedical Research di San Antonio, in Texas.
La ricerca ha riguardato oltre 1200 persone e costituisce l’indagine genetica più approfondita mai portata a termine su questo tema. Jack Charlesworth, coordinatore dello studio pubblicato su BMC Medical Genomics, ha dichiarato: “il nostro studio ha scoperto che non solo ... (Continua)

29/06/2010 Due varianti genetiche aumentano il pericolo di malattie coronariche

Lipoproteina A, il colesterolo del terzo millennio
Pensavate di mantener sano il vostro cuore soltanto tenendo a bada il colesterolo? A quanto pare, non è sufficiente, stando ai risultati di una ricerca internazionale pubblicata sul New England Journal of Medicine.
Anche la presenza eccessiva di lipoproteina A nel sangue aumenterebbe infatti il rischio di infarto in percentuali ragguardevoli.
La ricerca ha preso in esame il patrimonio genetico di circa 16 mila cittadini europei, arrivando alla conclusione che due varianti del gene Apo-A ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale