Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 306

Risultati da 31 a 40 DI 306

17/12/2015 17:45:00 Sprazzi di attività fisica intensa riducono il rischio

Pochi minuti di sport allontanano il diabete
Un'attività motoria breve ma intensa è preferibile a una prolungata ma di minore intensità per il contrasto al diabete di tipo 2. È l'esito di una ricerca presentata nel corso del meeting dell'American Heart Association che quest'anno si è tenuto a Orlando, in Florida.
I ricercatori della University of Western Ontario guidati da Avinash Pandey hanno scoperto che dopo 3 mesi di esercizio fisico ad alta intensità a cicli di 10 minuti eseguiti 3 volte al giorno, i soggetti coinvolti nello ... (Continua)

14/12/2015 16:17:00 Trapianto di isole pancreatiche e pancreas artificiale

Nuove speranze per il diabete di tipo 1
Jack Stuart è un ragazzo di 15 anni. Non è diverso dai suoi compagni, gli piace sciare e giocare a basket, ma c'è sempre un pensiero nella sua mente. “Qualsiasi altro ragazzo deve soltanto pensare a come organizzare la giornata, io invece devo pensare al diabete”, spiega Jack, a cui è stato diagnosticato il diabete di tipo 1 quando aveva 5 anni.
Jack si sottopone a controlli regolari dei livelli di glucosio nel sangue e ogni giorno fa delle iniezioni di insulina, e anche se compie le stesse ... (Continua)

24/11/2015 15:01:00 Progetto complesso a cui partecipano diversi centri europei

Il pancreas artificiale è ormai realtà
Il pancreas artificiale non è più un'utopia, ma una realtà da toccare con mano. A realizzare l'obiettivo è un'équipe internazionale della quale fanno parte i ricercatori delle Università di Pavia e Padova, dell'Università di Montpellier e dell'Università di Amsterdam.
Il responsabile della parte ingegneristica è il prof. Claudio Cobelli, docente di Ingegneria biomedica presso l'Università di Padova, mentre la responsabile clinica degli studi italiani è la dott.ssa Daniela Bruttomesso ... (Continua)

19/11/2015 16:04:38 Le condizioni dell'aorta sono significative per la gravità della psoriasi

Psoriasi legata a infiammazione vascolare
Psoriasi e infiammazione vascolare aortica sembrano correlate. A suggerire il nesso è uno studio pubblicato su Arteriosclerosis, Thrombosis and Vascular Biology da un team del National Heart, Lung and Blood Institute di Bethesda, nel Maryland.
Gli studiosi suggeriscono che la gravità della psoriasi sia correlata proprio al grado di infiammazione vascolare aortica, secondo quanto emerso da una serie di controlli su pazienti psoriasici.
I ricercatori guidati da Haley Naik hanno valutato il ... (Continua)

16/11/2015 15:08:30 Effetto paragonabile a quello esercitato dai farmaci

L'olio extravergine di oliva come antidiabetico
L'olio extravergine di oliva può essere considerato un farmaco antidiabetico naturale. A sostenerlo è uno studio di ricercatori dell'Università La Sapienza di Roma pubblicato su Nutrition & Diabetes.
Secondo gli scienziati romani, infatti, una dose quotidiana di 10 grammi di olio ha l'effetto di un antidiabetico orale con un meccanismo simile a quello dei farmaci di nuova generazione, le incretine, ormoni naturali prodotti a livello gastrointestinale che riducono il livello della glicemia ... (Continua)

11/11/2015 14:22:00 Limitare a 50 grammi il suo consumo

Lo zucchero è un killer
Non più di 50 grammi al giorno di zucchero. È la misura limite indicata dalle raccomandazioni della Food and Drug Administration americana. 50 grammi di zucchero costituiscono circa il 10 per cento delle calorie quotidiane in un adulto, mentre di recente l'Oms ha suggerito di scendere al 5 per cento.
Secondo gli esperti, per le donne il limite dovrebbe scendere di un terzo, mentre per i bambini sotto i 3 anni il limite consigliato è di 25 grammi al giorno. Il problema principale però è ... (Continua)

05/11/2015 15:08:26 A breve partirà un nuovo studio clinico

Una nuova molecola per il rene policistico
È possibile sconfiggere il rene policistico somministrando alle cellule malate una molecola di zucchero modificata che non può essere spezzata per produrre energia. Questi i risultati di uno studio condotto dai ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele.
La ricerca, finanziata dall’Associazione Italiana Rene Policistico e dalla Fondazione Telethon, è stata pubblicata sulla rivista scientifica Journal of the American Society of Nephrology. L’équipe, coordinata da Alessandra Boletta, ... (Continua)

03/11/2015 11:39:00 Rischio di malattie cardiache ridotto grazie alla sostanza
Un'integrazione di vitamina D fa bene al cuore
Gli integratori a base di vitamina D non aiutano solo a mantenere una buona forma fisica, ma riducono anche il rischio di insorgenza delle malattie cardiache. A rivelarlo è uno studio della Queen Margaret University di Edimburgo, che ha verificato la reazione di 13 adulti alla somministrazione del composto.
Stando ai risultati, la vitamina D aiuta a controllare i livelli di calcio e fosfati nel sangue. Inoltre, grazie all'influenza sul cortisolo, la vitamina D riesce a ridurre i fattori di ... (Continua)
29/10/2015 14:25:20 I principali parametri vitali migliorano anche se non si dimagrisce

Obesità infantile, basta togliere lo zucchero
Anche senza perdere i chili di troppo, i bambini obesi potrebbero stare meglio soltanto rinunciando allo zucchero aggiunto. Lo conferma un'analisi pubblicata su Obesity da un team dell'Università di San Francisco, secondo cui l'astinenza da zucchero produrrebbe nel giro di soli 10 giorni un miglioramento netto della pressione arteriosa, del colesterolo e di altri parametri fondamentali legati alle condizioni di salute dei piccoli.
Gli scienziati americani hanno reclutato 43 bambini e ragazzi ... (Continua)

25/09/2015 16:21:05 Il farmaco per il diabete riduce la densità minerale ossea

La canagliflozina aumenta il rischio di fratture
Un farmaco utilizzato per il trattamento del diabete di tipo 2, la canagliflozina, è associato a un maggior rischio di fratture e perdita della densità minerale ossea. A dirlo è la Food and Drug Administration americana, che ha pubblicato un avviso di sicurezza basato sui dati di 9 studi clinici.
Nelle sperimentazioni l'esposizione media al farmaco è stata di 85 settimane, con un tasso di incidenza di fratture fra 1,1 e 1,5 per 100 pazienti-anno di esposizione.
La canagliflozina è un ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale