Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 306

Risultati da 71 a 80 DI 306

06/03/2015 11:54:00 Nuovo microinfusore e una molecola "smart"

Arriva l'insulina intelligente
Evitare le crisi ipoglicemiche ed erogare insulina solo quando necessario. È l'obiettivo di un nuovo dispositivo che sarà disponibile anche in Italia fra qualche giorno per tutti i malati di diabete.
Il microinfusore effettua un monitoraggio continuo dei livelli di glucosio nel sangue ed è associato a una pompa che eroga insulina. I dispositivi attuali bloccano l'erogazione quando la glicemia è già troppo bassa, mentre il nuovo diffusore ha un algoritmo che gli fa prevedere una crisi in ... (Continua)

04/03/2015 16:16:00 Revisione dei principali studi effettuati sull'argomento

Le opzioni migliori per i dolori addominali nei bambini
Quando si parla di dolori addominali nei bambini le possibili terapie sono diverse. Uno studio pubblicato su Pediatrics da un team dell'Academic Medical Center di Amsterdam coordinato da Juliette Rutten ha analizzato le caratteristiche dei vari approcci terapeutici, segnalando in particolare l'efficacia di ipnoterapia, terapia cognitivo-comportamentale e probiotici.
Mancano invece conferme sulla presunta efficacia degli integratori a base di fibre alimentari. In tutto sono stati analizzati ... (Continua)

06/02/2015 10:35:00 Nuova vita per un’invenzione di qualche anno fa
Insulina in polvere più efficace delle iniezioni
È arrivata sul mercato americano Afrezza, la nuova insulina spray prodotta da Sanofi e MannKind Corporation. Qualche anno fa era già stata introdotta in alcuni paesi questa novità, ma era stata presto ritirata dal mercato perché non era riuscita a trovare un suo target di riferimento.
Stando ai risultati di un nuovo studio di fase III, la nuova insulina ha dimostrato di saper controllare in maniera egregia il diabete, raggiungendo il picco in soli 14 minuti, un lasso di tempo paragonabile a ... (Continua)
05/02/2015 10:37:18 I probiotici potrebbero curare entrambe le malattie

Una pillola per le due forme di diabete
Le due forme di diabete potrebbero essere curate attraverso l'assunzione di un'unica pillola a base di probiotici. Lo afferma un gruppo di ricercatori della Cornell University di New York che ha pubblicato su Diabetes una ricerca sull'argomento.
Gli scienziati hanno scoperto che una proteina secreta da un probiotico umano potrebbe “togliere” al pancreas il compito di controllare i livelli di glucosio attraverso la produzione di insulina. La funzione sarebbe così spostata verso l'intestino ... (Continua)

27/01/2015 11:46:28 Bassi livelli di RMB3 accelerano la malattia
Il ruolo della «proteina del freddo» nell'Alzheimer
Una proteina espressa dall'organismo per prevenire la perdita di connessioni neurali alle basse temperature potrebbe aiutare i medici a trovare nuovi trattamenti per l'Alzheimer.
In fase di letargo, il cervello degli animali va incontro a una serie di modificazioni che servono ad affrontare il lungo periodo di sonno e il freddo. Al risveglio, per tornare alle normali attività cerebrali l'organismo ha bisogno di una proteina specifica, RMB3, che evita la perdita di connessioni e favorisce lo ... (Continua)
16/01/2015 12:02:49 Livelli di glucosio monitorati senza punture

Un tatuaggio controlla il diabete
Dopo le lenti a contatto è la volta dei tatuaggi. Un team dell'Università di San Diego ha infatti messo a punto dei tatuaggi temporanei in grado di misurare i livelli di glucosio nel sangue delle persone affette da diabete.
Chi è colpito dalla malattia deve fare i conti con la glicemia e regolare di conseguenza le dosi di insulina da assumere. Per questo, più volte nel corso della giornata il paziente deve ricorrere alle punture. I ricercatori americani, ... (Continua)

09/01/2015 17:02:00 Malattie cardiache più improbabili con il consumo della frutta secca

Le mandorle aiutano a controllare il peso e il diabete
Poche mandorle al giorno aiutano a mantenere la linea, a controllare i livelli di colesterolo e prevengono l'eventuale insorgenza del diabete. La quantità magica sarebbe di 42 grammi al giorno, il cui consumo aiuterebbe a ridurre il rischio complessivo di morte precoce.
I ricercatori della Pennsylvania State University sono giunti a queste conclusioni confrontando le diete di 52 persone in sovrappeso, di mezza età e con colesterolo alto, per un periodo di 12 settimane.
La ricerca, ... (Continua)

29/12/2014 12:07:43 Molto più efficace l'effetto del glucosio

Il fruttosio non sazia e fa ingrassare
Che differenza c'è fra glucosio e fruttosio? Secondo i ricercatori della University of Southern California lo zucchero liberato dai carboidrati complessi ha un effetto saziante molto più marcato rispetto a quello prodotto dal fruttosio, presente non solo nella frutta ma utilizzato anche a livello industriale nella preparazione di bibite e snack.
Lo studio, presentato nel corso dell'American College of Neuropsychopharmacology, ha coinvolto prima un gruppo di topi e poi 24 volontari sani di ... (Continua)

11/12/2014 14:28:18 Appetito ridotto se mangiati all'inizio del pasto

I dolci fanno dimagrire
Ma quale dulcis in fundo! Il dolce va mangiato prima di tutto il resto, come un antipasto. Lo dice uno studio dell'Imperial College di Londra pubblicato sul Journal of Clinical Investigation.
Secondo i ricercatori inglesi questo semplice accorgimento aiuterebbe a mantenere la linea, oltre che a soddisfare le nostre voglie golose. Perché? Pare che il dolce – ma secondo gli scienziati anche i carboidrati complessi come la pasta e il riso – faciliti il senso di pienezza, inducendo il soggetto a ... (Continua)

03/12/2014 15:20:00 Ipotesi avanzata da ricercatori australiani
Preeclampsia legata alla richiesta di ossigeno del feto
La preeclampsia sarebbe il risultato dell'incapacità dell'organismo femminile di soddisfare la richiesta di ossigeno proveniente dal feto. Due ricercatori australiani – Alicia Dennis dell'Università di Melbourne e Julian Castro dell'Ospedale di St. Vincent della stessa città – ipotizzano questo motivo scatenante alla base della preeclampsia, una condizione molto pericolosa che può portare anche alla perdita del feto, oltre che minacciare direttamente la salute delle donne.
In un editoriale ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale