Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 597

Risultati da 361 a 370 DI 597

28/10/2010 Consumo elevato di sigarette associato a un rischio altissimo di Alzheimer

Il fumo scatena l'Alzheimer
Fumare non è davvero un buon affare. Stando ai risultati di una ricerca statunitense, infatti, la passione per le sigarette può essere associata anche a un elevato rischio di insorgenza di una delle patologie neurodegenerative più temute, il morbo di Alzheimer.
Secondo i dati di uno studio che ha analizzato le cartelle cliniche di oltre 21 mila persone, i fumatori più accaniti – si parla di un consumo di due pacchetti di sigarette al giorno – vedranno la propria possibilità di sviluppare ... (Continua)

27/10/2010 10:56:03 I sali di potassio riducono la pressione, afferma ricerca tedesca

Pressione bassa? Ci vuole il sale
Per tenere sotto controllo la pressione c'è bisogno di sale, di quello “buono” naturalmente. Una ricerca dell'Università tedesca di Wageningen ha analizzato l'uso dei sali di potassio in 21 paesi, scoprendo che l'eventuale aumento del loro consumo porterebbe come beneficio la riduzione della pressione, nella stessa misura prodotta dalla rinuncia al sale da cucina che usiamo abitualmente.
I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Archives of Internal Medicine e dimostrano ... (Continua)

27/09/2010 Nuovi studi sperimentali sull’interluchina 7

Hiv, nuova proteina aumenta il recupero immunologico
Nonostante l’introduzione delle nuove ed estremamente efficaci terapie antiretrovirali abbia radicalmente cambiato la prognosi della malattia, molte problematiche nella gestione clinica dei pazienti infetti da HIV restano tuttora irrisolte.
Una di queste è rappresentata dai cosiddetti pazienti Immunological Non Responders o INR, vale a dire persone HIV positive che, nonostante un completo controllo della replicazione di HIV, non raggiungono un sufficiente recupero nella conta dei linfociti ... (Continua)

24/09/2010 A scuola e via chat la Sigo organizza percorsi di formazione

A lezione di sesso
Informare i più giovani sui piaceri e sui rischi del sesso è l’obiettivo della Sigo, la Società italiana di Ginecologia e Ostetricia. Nel corso dell’ultimo anno, gli esperti della Sigo hanno formato circa il 10 per cento dei ragazzi che frequentano le superiori, ovvero 250.000 studenti in tutta Italia.
La maggior parte degli adolescenti si dichiara soddisfatta dell’esperienza e vorrebbe che proseguisse. L’idea alla base dell’iniziativa della Sigo è l’utilizzo di un vero e proprio kit che ... (Continua)

21/09/2010 Ricercatori europei mettono a punto un nuovo dispositivo elettronico
Ustioni, test più rapidi per scovare i batteri infettivi
Le vittime di ustioni possono sperare in riprese più rapide grazie ai ricercatori europei che hanno identificato i batteri o funghi dannosi che spesso si annidano nelle ustioni, causando infezioni e ritardando il processo di guarigione. L'UE ha sostenuto la ricerca attraverso il progetto WOUNDMONITOR.
Finora, i medici dovevano affidarsi a test microbiologici per identificare quali batteri causavano le infezioni agli ustionati. Questo procedimento era lento e lungo. Tuttavia, ricercatori ... (Continua)
16/09/2010 Corretto il DNA di un ragazzo colpito da beta-talassemia
La terapia genica guarisce un malato di talassemia
La terapia genica segna un punto a suo favore guarendo un paziente affetto da beta-talassemia, una forma di anemia mediterranea causata da un difetto nella sintesi dell'emoglobina, la sostanza utilizzata dalle cellule ematiche per trasportare l'ossigeno all'interno dell'organismo.
Ciò comporta la necessità per il paziente di effettuare continue trasfusioni di sangue per sopravvivere o in alternativa procedere a un trapianto di midollo osseo, con le relative problematiche per trovare il ... (Continua)
25/08/2010 Scoperta nelle scimmie la proteina che blocca l’Hiv
Una proteina contro l'Aids
I ricercatori americani della Loyola University di Chicago hanno individuato nella proteina TRIM5-aplha sei aminoacidi in grado di distruggere il virus dell'Aids. Questa proteina nel macaco mulatto (Rhesus) riesce a bloccare e debellare l'infezione da Hiv, invece non si riusciva a capire perché la stessa cosa non avvenisse nell’uomo.
A rendere inattivo l'Hiv, spiega lo studio pubblicato su Virology, sono sei degli oltre 500 aminoacidi che compongono la sequenza molecolare della Trim5a. La ... (Continua)
19/07/2010 Scoperta di nuove molecole terapeutiche per la cura dell’angiogenesi
Tumori, proteina inibisce il recettore Met
Moderni “cavalli di Troia” molecolari per insidiare il cancro da dentro, e combattere l'angiogenesi sferrando l'attacco all’interno delle mura delle cellule endoteliali. Gli scienziati italiani del Gruppo MultiMedica guidati da Adriana Albini, hanno introdotto nelle cellule dei vasi sanguigni un interruttore proteico capace di spegnere uno dei recettori più subdoli per lo sviluppo delle neoplasie, il recettore Met. La ricerca, sostenuta da AIRC e dalla Compagnia di San Paolo di Torino è stata ... (Continua)
12/07/2010 Scoperta americana apre la strada a nuovi trattamenti

Due anticorpi per fermare l'Aids
La risposta va cercata all'interno del nostro organismo. È quanto sostiene una ricerca portata avanti da un gruppo di medici statunitensi del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) sotto la guida del dott. John R. Mascola.
Il team ha individuato nel sangue delle persone affette dal virus Hiv due anticorpi naturali, denominati VRC01 e VRC02, che si sono mostrati in grado di eliminare la maggior parte dei ceppi virali, più del 90 per cento, e con un'efficacia maggiore ... (Continua)

07/07/2010 Il “disturbo della condotta” deriva da una funzionalità cerebrale non corretta

L'aggressività nasce da un difetto del cervello
I ragazzi aggressivi e violenti, ai margini della vita sociale, potrebbero soffrire di una disfunzione cerebrale che li “obbliga” ad adottare comportamenti fuori dalla norma. È quanto sostiene una ricerca dell'Università inglese di Cambridge pubblicata sulla rivista specializzata Archives of General Psychiatry.
I ricercatori britannici sono partiti dalla considerazione che il cosiddetto “disturbo della condotta”, ovvero quell'insieme di atteggiamenti anti-sociali che caratterizza ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale