Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 597

Risultati da 381 a 390 DI 597

23/03/2010 Ricercatori americani trovano un nuovo approccio per affrontare la malattia

Tubercolosi, altri due modi per eliminarne i batteri
Per sconfiggere la tubercolosi potrebbero arrivare presto nuove terapie. La precondizione necessaria è associata a uno studio dell'Albert Einstein College of Medicine della Yeshiva University di New York, a seguito del quale sono state individuate due nuove tecniche per eliminare i batteri che causano la patologia.
La scoperta è importante perché, come ha avuto modo di affermare William Jacobs, uno degli autori dello studio, una nuova terapia che faccia a meno dei farmaci tradizionali ... (Continua)

16/03/2010 Ricerca statunitense individua nel frutto una molecola che protegge dall'Hiv

Nella banana, il principio attivo anti-Aids
Una banana è più forte di due farmaci antiretrovirali. È quanto sembra emergere da uno studio pubblicato sul Journal of Biological Chemistry, secondo cui la lectina, una molecola presente all'interno del frutto, ha la capacità di incollarsi alla glicoproteina g20 dell'Hiv, impedendole di infettare le cellule sane.
La ricerca, firmata da David Marvovitz della University of Michigan Medical School, ha svelato così le proprietà della BanLec – con questo termine è stata ribattezzata la lectina ... (Continua)

10/03/2010 Ricerca americana scopre uno dei meccanismi di protezione del virus

Aids, il virus Hiv si nasconde
È da almeno trent’anni uno dei principali e più complessi enigmi della medicina. Il virus dell’Hiv, che conduce all’Aids, è difficile da trattare e da sconfiggere, e tanti ricercatori lo sanno bene per esperienza personale. Ora una ricerca statunitense sembra far luce sui motivi di tale difficoltà.
Scienziati dell’Università del Michigan di Ann Arbor hanno scoperto che il virus si nasconde nelle cellule del midollo osseo per sfuggire all’aggressione della terapia farmacologica. Studiando ... (Continua)

09/03/2010 Le donne che hanno un consumo moderato di alcool si mantengono meglio in forma

Un bicchiere di vino per restare in linea
Un bicchiere di rosso ogni tanto fa bene anche alla linea. A dirlo, sono gli scienziati del Brigham and Women’s Hospital di Boston, negli Stati Uniti, secondo i quali consumare alcoolici in modo occasionale e moderato aiuta le donne a conservare la propria silhouette, al contrario di ciò che avviene per chi è totalmente astemia.
I ricercatori guidati da Lu Wang hanno seguito quasi 20.000 donne oltre i 39 anni con un indice di massa corporea normale. I risultati, apparsi su Archives of ... (Continua)

23/02/2010 Messo a punto da scienziati italiani della Cattolica di Roma
Hiv, un test riduce il rischio di reazioni all'Abacavir
Un test genetico che riduce il rischio di reazione da ipersensibilità del farmaco antiretrovirale Abacavir, usato in combinazione con altri farmaci nel trattamento dell’infezione causata dal virus dell'HIV, è stato progettato e messo a punto dal gruppo di ricerca diretto dal prof. Pierluigi Navarra, dell’Istituto di Farmacologia della Cattolica di Roma.
Frutto di due anni di studio e di ricerca, il test è stato validato con il supporto della Clinica delle Malattie Infettive della ... (Continua)
18/02/2010 L'esame per la sieropositività riguarda sempre meno i giovani, afferma l'Iss
Hiv, il test si fa sempre più tardi
L'età media di chi sceglie di sottoporsi al test per l'Hiv sale sempre di più e arriva a 39 anni. Ad affermarlo uno studio condotto dall'Istituto superiore di sanità, secondo il quale uno dei problemi è dovuto alla garanzia dell'anonimato che, nella maggior parte dei casi, non è rispettata.
In effetti, solo il 37 per cento degli esami è anonimo e in genere le possibilità di accesso non sono facili. Ci sono poi motivi direttamente collegabili con la natura del virus e del suo sviluppo, come ... (Continua)
15/02/2010 I risultati di un recente studio confermano l'efficacia della soluzione

Le lenti fachiche per la miopia medio-elevata
In base ad uno studio riportato recentemente su Archives of Opthalmology, l'impianto di una lente in collagene determina risultati refrattivi stabili e precisi nella correzione della miopia medio-elevata in pazienti seguiti per 4 anni.
"La cheratomileusi con laser (LASIK) ha conquistato un'ampia popolarità come metodo chirurgico sicuro ed efficace per la correzione della miopia, ma i pazienti con miopia elevata o con cornee sottili trovano tutt'ora delle limitazioni, legate alla necessità ... (Continua)

12/02/2010 Ricerca sostiene un collegamento fra emicrania e attacchi di cuore

Mal di testa e infarto, possibile nesso
Il mal di testa come sintomo di qualcosa che non va al cuore. A sostenerlo è una ricerca statunitense dell'Albert Einstein College of Medicine di New York, secondo cui chi soffre di frequenti emicranie corre un rischio doppio di problemi cardiaci rispetto a chi non ne è soggetto.
Secondo gli scienziati americani, c'è un problema di sottovalutazione per quanto riguarda il mal di testa, considerato come un elemento che influenza in maniera negativa la qualità della vita della persona che ne ... (Continua)

06/02/2010 

Quali check up fare e quando
Una buona abitudine è quella del controllo annuale, un po’ come il tagliando della macchina. Attenzione però perché dagli USA giunge una ricerca che mette i puntini sulle i a questo controllo.
Una ricerca pubblicata sugli 'Archives of Internal Medicine' giunge alle conclusioni che spesso è una pratica mal utilizzata ed alcune volte pure inutile. Addirittura i pazienti sono, un po' stoltamente, influenzati e che molti medici lo considerano importante anche se non da i risultati sperati ... (Continua)

29/01/2010 Una molecola blocca la trasmissione del virus HIV a livello mucosale
Nuova scoperta sull'HIV
Sintetizzata in laboratorio una molecola che potrebbe gettare le basi per lo sviluppo di nuovi farmaci antivirali ad uso topico in caso di HIV. Si tratta di uno studio nato da una collaborazione tra Università degli Studi di Milano (Anna Bernardi, Mario Clerici) con il CSIC di Siviglia (Javier Rojo) e l’IBS di Grenoble (Franck Fieschi) che descrive una molecola che blocca la trasmissione del virus HIV a livello mucosale, impedendo l’infezione.
L’ingresso di HIV attraverso le mucose e nel ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale