Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 574

Risultati da 131 a 140 DI 574

17/09/2014 15:52:00 L’ablazione transcatetere con radiofrequenza riduce il rischio di morte

Fibrillazione atriale, morte meno probabile con l’ablazione
I pazienti affetti da fibrillazione atriale che vengono sottoposti ad ablazione transcatetere con radiofrequenza mostrano un rischio notevolmente inferiore di morire a causa di infarto o di scompenso cardiaco.
Sono le conclusioni di uno studio pubblicato su Heart Rhythm da un team di ricerca del Frankel Cardiovascular Center dell’Università del Michigan guidato da Hamid Ghanbari, che spiega: “oltre 4 milioni di persone hanno la fibrillazione atriale, un disturbo del ritmo cardiaco legata ... (Continua)

15/09/2014 17:59:14 Farmaco si rivela superiore rispetto agli antagonisti della vitamina K

Rivaroxaban e Vka nella fibrillazione atriale non valvolare
In caso di fibrillazione atriale non valvolare nei pazienti avviati a cardioversione, l’anticoagulante orale rivaroxaban si è rivelato superiore in termini di protezione dagli eventi trombotici rispetto agli antagonisti della vitamina K (Vka).
Anche il rischio di sanguinamenti maggiori risulta notevolmente ridotto. Ad affermarlo è lo studio X-VeRT, presentato nel corso del congresso della European Society of Cardiology di Barcellona.
Il dott. Riccardo Cappato, direttore del centro di ... (Continua)

15/09/2014 Il batterio che causa l’ulcera coinvolto anche nei disturbi cardiovascolari

L’Helicobacter pylori aumenta il rischio di infarto
Il cuore soffre la presenza dell’Helicobacter pylori. A dirlo è uno studio dell’Università Cattolica del Sacro Cuore – Policlinico Gemelli di Roma che ha scoperto che il batterio responsabile dell’ulcera aumenta anche il rischio di eventi cardiovascolari maggiori, ovvero infarto Stemi (un tipo di infarto del miocardio), scompenso cardiaco e sindrome coronarica ricorrente a carico delle arterie collegate al cuore.
Lo studio, firmato da Francesco Franceschi, Antonio Gasbarrini e Filippo Crea ... (Continua)

04/09/2014 15:06:39 Arresto cardiaco fatale il più delle volte

Un sbalzo ormonale può causare un arresto cardiaco
Un semplice sbalzo ormonale può dar vita a un arresto cardiaco fatale nel 95 per cento dei casi. L'inquietante scoperta è frutto del lavoro di alcuni ricercatori del Cedars-Sinai Heart Institute che hanno analizzato per la prima volta i livelli di testosterone ed estradiolo come parametro per la predizione di un arresto cardiaco improvviso.
Lo studio ha evidenziato negli uomini colpiti da infarto un livello più basso del normale di testosterone, mentre al contrario un livello alto di ... (Continua)

03/09/2014 14:15:00 Rischio cardiovascolare sensibile al consumo di frutta

La frutta protegge il cuore
La frutta è amica del cuore. Una nuova ricerca sottolinea infatti le capacità protettive della frutta nei confronti dei problemi cardiovascolari. Lo studio, presentato nel corso del congresso della Società europea di cardiologia a Barcellona, è firmato da scienziati dell'Università di Oxford.
La ricerca è durata sette anni e ha coinvolto quasi mezzo milione di cittadini cinesi. Il 18 per cento di essi consumava frutta quotidianamente, in media 150 grammi, mentre il 6,3 per cento ha ... (Continua)

02/09/2014 12:02:14 Bastano 15 secondi per la diagnosi

Una videocamera scova la fibrillazione atriale
Una videocamera puntata sul viso e supportata da uno speciale software riesce a scoprire la fibrillazione atriale in una manciata di secondi. A dimostrarlo è uno studio della University of Rochester School of Medicine and Dentistry pubblicato su Heart Rhythm.
Questo inedito strumento di diagnosi è reso possibile dal fatto che la fibrillazione atriale crea delle variazioni del microcircolo del viso a cui corrispondono cambiamenti minimi del colore della pelle che l'occhio umano non riesce a ... (Continua)

27/08/2014 15:04:00 L'ormone amilina chiave di entrambe le malattie

Due forme di diabete, un solo meccanismo
È un unico meccanismo molecolare a mettere in moto le due forme di diabete. A scoprirlo è una ricerca della Scuola di Scienze Biologiche dell'Università di Auckland pubblicata sul Journal of the Federation of American Societies for Experimental Biology.
A indurre in entrambi i casi un'alterazione delle cellule beta del pancreas è l'ormone amilina. Minuscoli granuli dell'ormone riescono a distruggere queste cellule, preposte alla produzione di insulina. Il responsabile dello studio Garth ... (Continua)

25/08/2014 11:18:09  Indicazioni per prevenire e curare l'infarto miocardico
Diabete e infarto: ecco come intervenire
Farmaci di ultima generazione e tempismo: sono queste le armi che cardiologi e diabetologi mettono in campo per contrastare le complicazioni cardiache nei pazienti diabetici. Un binomio frequente e pericoloso: circa il 60% dei pazienti affetti da diabete mellito sviluppa patologie cardiovascolari e il 30% dei pazienti che presentano una sindrome coronarica acuta è affetto anche da diabete.
Il diabete infatti causa una disfunzione piastrinica che aumenta il rischio trombotico, cioè il rischio ... (Continua)
30/07/2014 11:52:00 Il farmaco antidolorifico associato a un aumento del rischio nelle donne

Rischio di ictus e infarto legato al naprossene
Nelle donne in post-menopausa l'utilizzo dell'antidolorifico naprossene è associato a un aumento del rischio di ictus e di infarto. Lo segnala uno studio apparso su Circulation e firmato da ricercatori dell'Università della Florida.
Anthony Bavry, uno degli autori, spiega: "era già noto che gli anti-infiammatori non steroidei (Fans) inibitori selettivi dell’enzima COX-2 incrementano le probabilità di eventi acuti cardiovascolari, ma dai nostri dati emerge il medesimo rischio anche per i Fans ... (Continua)

21/07/2014 15:28:21 Le buone norme per evitare esami inutili
Quando evitare una scintigrafia miocardica
Anche l'American society of nuclear cardiology ha pubblicato i suoi consigli per tutelare la salute del paziente ed evitare esami inutili e pericolosi, presentando una sua lista di 5 consigli da seguire.
Gli esami effettuati con radionuclidi espongono a radiazioni il paziente. E’ meglio evitarli se non sono necessari.
1) Non effettuare test di imaging cardiaco da stress o un'angiografia coronarica in pazienti senza sintomi cardiaci a meno che non siano presenti marker di alto rischio. I ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale