Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 574

Risultati da 281 a 290 DI 574

27/11/2011 11:33:52 
Urgenze Mediche
Perdita di coscienza

Per coscienza si intende la consapevolezza di sé e degli oggetti esterni. L’alterazione o la perdita di questa consapevolezza caratterizza diverse situazioni, a seconda che a essa si sommi una compromissione delle normali funzioni cardiorespiratorie oppure no.
Tra le cause della perdita di coscienza che richiedono un trattamento medico d’urgenza vi sono:

- ingenti perdite di sangue o di liquidi (ustioni);

- sofferenza cerebrale da trauma ... (Continua)
27/11/2011 10:34:58 
Rianimazione Cardiopolmonare
Arresto respiratorio

Per arresto respiratorio s’intende la riduzione o l’interruzione della respirazione normale con la conseguente cessazione dell’apporto di ossigeno necessario per mantenere in vita il paziente.

Le principali cause di arresto respiratorio sono:
- ictus cerebrale;
- arresto cardiaco;
- ostruzione delle vie respiratorie;
- annegamento;
- trauma cerebrale;
- overdose da farmaci o droghe.

I segni principali associati all'arresto ... (Continua)
25/11/2011 Ricercatori italiani evidenziano un fattore di rischio legato a 5 geni

Un test genetico per scovare l'ictus
Non bastano le cattive abitudini, come il fumo e una dieta sbagliata, e la pressione alta a spiegare l'arrivo di un ictus; anche la genetica gioca la sua parte. La presenza di cinque diverse alterazioni genetiche nel Dna di un soggetto innalzano in maniera significativa il rischio di ictus e di conseguenza la loro individuazione è in grado di predirne l'insorgenza nell'82,4 per cento dei casi.
A scoprirlo sono alcuni ricercatori degli ospedali di Chieti e di Ancona che presenteranno il ... (Continua)

23/11/2011 Studio smentisce i timori sulle possibili conseguenze a lungo termine

Statine, solo benefici e nessun effetto collaterale
Non vi sarebbe alcun rischio connesso con l'utilizzo delle statine, gli ormai celebri farmaci anti-colesterolo. A dirlo è una ricerca dell'Università di Oxford, i cui scienziati hanno pubblicato su Lancet un resoconto dettagliato degli effetti a lungo termine di questo farmaco.
Se il rischio di subire ictus o attacchi cardiaci scende del 23 per cento, al contrario non vi sarebbero prove a sostegno della tesi che vuole le statine come un agente scatenante di neoplasie. I benefici indotti ... (Continua)

18/11/2011 09:58:52 La morte dei tessuti scongiurata da un gas all'interno dell'aglio

L'aglio salva dalla necrosi
Chi ha subito un infarto o deve far fronte a un intervento chirurgico potrebbe trovare beneficio da un composto presente all'interno dell'aglio. Lo dice una ricerca della Emory University School di Atlanta, negli Stati Uniti, secondo cui il trisolfuro di allile, una componente che si trova nel bulbo dell'aglio, può indurre la produzione di idrogeno solforato, gas che in concentrazioni limitate assicura la corretta irrorazione sanguigna dei tessuti, evitandone così la necrosi.
Sperimentata su ... (Continua)

03/11/2011 13:24:52 il big Killer sottovalutato da molti

Colesterolo pericoloso per il cuore
In Italia ogni ora 26 persone vengono ricoverate per un problema di aterosclerosi coronarica e per malattie ischemiche del cuore, 14 persone hanno un infarto e 25 persone muoiono per un problema cardiaco. Molti di questi ricoveri e di questi decessi si sarebbero potuti evitare se solo i livelli di colesterolo fossero stati tenuti adeguatamente sotto controllo in modo efficace. Perché ridurre il colesterolo non basta, occorre anche mantenerlo a livelli adeguati. Il colesterolo è il big killer ... (Continua)

03/11/2011 13:24:52 Due micro-Rna in grado di destabilizzarla

La genetica della "renina" è la causa d'ipertensione renale
Quattro geni del sistema renina-angiotensina contribuiscono a provocare l’ipertensione arteriosa.
Varianti genetiche sono associate a un rischio tre volte maggiore di ipertensione arteriosa. E’ questa la conclusione della ricerca del gruppo di lavoro coordinato da Alfonso Siani del Cnr di Avellino. I ricercatori hanno focalizzato la loro attenzione su quattro geni del sistema renina-angiotensina. Questo sistema è un regolatore fondamentale del bilancio idrosalino e della pressione ... (Continua)

25/10/2011 Possibile nesso fra il virus e i problemi cardiaci

Il papillomavirus e le malattie cardiovascolari
L'Hpv o papillomavirus potrebbe non limitare la sua azione nefasta nella possibile insorgenza di tumori, ma svolgere un ruolo anche nelle patologie cardiovascolari. Ad affermarlo è una ricerca apparsa sul Journal of the American College of Cardiology a firma di alcuni scienziati dell'Università del Texas.
I ricercatori americani hanno analizzato i dati di 2500 donne fra i 20 e i 59 anni, delle quali quasi la metà – il 44,6 per cento – aveva un'infezione da Hpv e il 23,2 un'infezione da ... (Continua)

11/10/2011 15:50:19 Un percorso di conoscenza personale previene ricadute e complicanze

Psicoterapia a breve termine per soggetti post infartuati
Una psicoterapia della durata di sei mesi sembra essere un elemento di protezione nei confronti di ricadute nei soggetti che hanno subito un infarto del miocardio. Lo afferma uno studio svoltosi a Roma presso l’ospedale S. Filippo Neri, che ha visto coinvolti 101 soggetti che avevano avuto un infarto del miocardio da appena una settimana e sottoposti ad angioplastica d’urgenza. Di questi, un gruppo ha ricevuto esclusivamente cure di tipo medico, un altro invece ha portato a termine anche un ... (Continua)

08/10/2011 Negli anziani influisce l'ingiallimento del cristallino

Quando l'insonnia dipende dagli occhi
L'insonnia è un fenomeno molto comune soprattutto fra gli anziani. Secondo uno studio danese pubblicato su Sleep, la ragione risiederebbe in un processo legato all'invecchiamento, nello specifico l'ingiallimento del cristallino, l'elemento dell'occhio che serve per la messa a fuoco di oggetti vicini e lontani.
Man mano che si invecchia, questa lente naturale tende a diventare gialla, il che si traduce in una riduzione della luce blu che arriva abitualmente alla retina. La diminuzione di ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale