Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 574

Risultati da 551 a 560 DI 574

03/07/2002 

Proteina polverizza placche ateriosclerotiche nelle arterie
Una proteina spazzina effetto immediato, in grado di ripulire le arterie di un terzo delle placche aterosclerotiche in soli 90 minuti.
E' la apoA-I Milano, una lipoproteina appartenente alla famiglia delle Hdl (il cosiddetto colesterolo 'buono'), che riprodotta in laboratorio come farmaco di sintesi con la tecnica del Dna ricombinante, è stata testata su un gruppo di conigli (costretti a dieta grassa e resi aterosclerotici) da un'équipe di ricercatori dell'Università degli Studi di ... (Continua)

21/06/2002 

Glicemia nel sangue indicatrice di possibili rischi cardiaci
Il tasso di glicemia del sangue dopo l'infarto è una 'spia' di possibili rischi per il cuore: misurarla dopo in attacco cardiaco permette di valutare i 'pericoli' futuri a livello cardiovascolare. Questa la conclusione di uno studio svedese, pubblicato su Lancet, che ha osservato come gli infartuati presentano un rischio maggiore di diabete o intolleranza al glucosio. Inoltre le persone diabetiche colpite da infarto muoiono di piu' rispetto alle persone non diabetiche. ... (Continua)

10/06/2002 

Ricostruire il cuore dopo l'infarto
Una nuova tecnica permetterebbe di rimodellare il cuore dopo l'infarto in modo da ridurre il rischio di scompenso cardiaco.
Lo scompenso cardiaco insorge quando la funzione di pompa del cuore perde la sua efficacia. Contro lo scompenso cardiaco i farmaci non risultano particolarmente efficaci e il trapianto è riservato a un numero estremamente ridotto di pazienti, restando comunque proibito agli anziani e ai malati di diabete.
La nuova tecnica contro lo scompenso cardiaco, la ... (Continua)

24/05/2002 

L'infarto è colpa di tre cromosomi
Tre gruppi di geni delle persone colpite da infarto si ''somigliano''. Si tratta dei geni dei cromosomi 2, 3 e 20. La scoperta, merito di ricercatori australiani, potrebbe rivelarsi utile per la prevenzione e per l'individuazione dei soggetti a rischio.
Durante lo studio, pubblicato sulla rivista 'Arteriosclerosis, Thrombosis and Vascular Biology, gli scienziati hanno analizzato il patrimonio genetico di 70 coppie di fratelli e sorelle che avevano avuto un infarto. Si e' scoperto cosi' ... (Continua)

04/04/2002 

Trapiantate a Padova cellule staminali nel cuore
E' stato eseguito a Padova il primo trapianto in Italia di cellule staminali prelevate dallo stesso paziente e iniettate nel cuore a torace aperto. L'intervento e' stato eseguito dal professor Gino Gerosa nell'istituto di Cardiochirurgia dell'Azienda Ospedaliera di Padova su un paziente di 70 anni. L'operazione e' durata circa quattro ore ed e' stata frutto anche della collaborazione di un gruppo di esperti di varie aree bioemediche.
L'operazione è cominciata con il prelievo delle cellule ... (Continua)

26/03/2002 

Stress: a rischio chi soffre di cuore
Per chi soffre di malattie cardiache lo stress è un importante fattore di rischio, tant'è vero che chi soffre di malattie cardiovascolari ed e' contemporaneamente vittima di ansia e agitazione triplica il rischio di decesso. Secondo i ricercatori dell'Health Sciences Center dell'universita' della Florida, a Gainesville, il cui studio è stato pubblicato su ''Circulation'', si tratta della prova che solo rimuovendo le cause dello stress, per chi e' colpito da patologie coronariche, si può ... (Continua)

21/03/2002 

Ipertensione: Losartan batte Atenolo per le complicanze
La terapia standard contro l'ipertensione, vale a dire la combinazione di beta-bloccante (Atenolo) e diuretici è in grado di controllare efficacemente l'ipertensione, ma la terapia con l'antagonista del recettore 1 (Losartan) pare meglio riuscire nella cura delle complicanze cardiovascolari che possono essere infarto o ictus.
A dimostrare tale superiorità sono stati Bjorn Dahlof e colleghi dell'Ostra University Hospital, in Svezia, dalle cui ricerche ha visto la luce lo studio Life ... (Continua)

15/03/2002 

Infarto: più a rischio uomini che non prendono subito sonno
La difficoltà ad addormentarsi contribuirebbe ad aggravare il rischio di morire per malattie coronariche. Per gli uomini il ripetersi di notti in cui ci si rigira nel letto senza prendere sonno costituirebbe una causa di affaticamento del cuore ed aumenterebbe di ben tre volte. E' il risultato di una scoperta da un gruppo di ricercatori svedesi e pubblicata sul 'Journal of Internal Medicine'.
Nell'ambito della ricerca, Lena Mallon, neurologa ed esperta di problemi del sonno all'Ospedale ... (Continua)

04/03/2002 
Trombosi, colpa del DNA
Nella metà dei casi di patologia, la responsabilità è tutta del nostro patrimonio genetico. A porlo sul banco degli accusati è il prof. Wolfgang Schramm, della Società di trombosi ed ematologia tedesca, intervenendo al congresso annuale. Un tedesco su dieci è a rischio, prosegue Schramm, ma solo uno su mille si ammala di trombosi. ''Una malattia che può essere eccellentemente trattata - spiega il medico - se viene riconosciuta in tempo''.
Al simposio è stato anche presentato un quadro ... (Continua)
04/02/2002 
Ictus: anti-influenzale riduce rischio
Il vaccino che combatte l'influenza protegge anche dall'ictus: e la percentuale è molto considerevole visto che, negli anziani vaccinati, il rischio si riduce del 40% secondo quanto dimostrato da uno studio francese.
La notizia non è tuttavia una novità in assoluto poiché ricerche precedenti avevano già dimostrato che le infezioni possono avere una responsabilità nell'insorgenza di ictus o nell'infarto del miocardio (forse - non è certo - per via di una modificazione delle placche che ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale