Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 574

Risultati da 91 a 100 DI 574

18/03/2015 12:28:00 La bevanda pulisce le arterie e migliora il flusso sanguigno

Il caffè fa bene al cuore
Le proprietà benefiche del caffè sembrano inesauribili. Una ricerca pubblicata sulla rivista Heart dimostra che il consumo di 3-5 tazzine di caffè al giorno ha l'effetto di migliorare l'ossigenazione del sangue, contribuendo quindi a mantenere pulite le arterie e riducendo il rischio di infarto.
Lo studio è stato realizzato dalla Johns Hopkins University Bloomberg School of Public Health di Baltimora e coordinato dall'epidemiologo Eliseo Guallar. Nell'analisi sono stati coinvolti 25mila ... (Continua)

17/03/2015 15:24:00 Perdere la calma non conviene

La rabbia che fa male al cuore
Arrabbiarsi fa male al cuore. Nelle ore immediatamente successive a uno scatto di ira il rischio di infarto sale in maniera esponenziale. Lo dice uno studio pubblicato su Circulation da un team del Royal North Shore Hospital di Sidney, secondo cui arrabbiarsi fa salire di oltre 8 volte le probabilità di una crisi cardiaca rispetto alla norma. Meglio evitare anche le crisi di ansia, che aumentano di 9 volte il rischio di infarto.
Francesco Prati, presidente della Fondazione centro lotta ... (Continua)

10/03/2015 17:14:00 Il cambio orario aumenta l'incidenza di arresti cardiaci

L'ora legale e il rischio di infarto
Non è solo un problema di insonnia. A rischiare, con l'introduzione dell'ora legale, sarebbe anche il nostro cuore. Secondo quanto afferma uno studio dell'Università del Michigan, infatti, il lunedì successivo al cambiamento dell'orario in primavera coincide con un aumento considerevole dei casi di infarto, circa il 25 per cento in più rispetto alla norma.
Non solo, il rischio rimarrebbe alto per i quattro lunedì successivi all'introduzione dell'ora legale, il che conferma l'ipotesi del ... (Continua)

09/03/2015 15:05:00 Tasso di mortalità ridotto grazie a uno scopo chiaro

Rincorrere un obiettivo allunga la vita
Abbiate uno scopo nella vita. È il suggerimento che emerge da una ricerca della Mount Sinai School of Medicine, secondo cui il tasso di mortalità viene ridotto del 23 per cento grazie all'inseguimento di un obiettivo nella vita.
I medici americani hanno realizzato una revisione analitica di 10 studi basati sui dati di oltre 137mila persone, evidenziando un calo del rischio di infarto e ictus pari al 19 per cento legato a questo aspetto psicologico.
Avere uno scopo nella vita aiuta a ... (Continua)

05/03/2015 14:54:00 Più sensibili agli effetti collaterali dei farmaci

Parkinson più pericoloso per le donne
La malattia di Parkinson aggredisce uomini e donne in maniera diversa. Gli uomini colpiti, infatti, sono più numerosi del 50% mentre tra le donne è tre volte più frequente la comparsa di quei movimenti involontari che costituiscono gli effetti indesiderati del farmaco più usato per tenere sotto controllo i tremori tipici della malattia, la levodopa.
Anche rispetto alla progressione della malattia ci sono importanti differenze: nei maschi, infatti, a farne le spese sono soprattutto le ... (Continua)

03/03/2015 15:52:00 Rischio più alto del 68 per cento con abuso del farmaco

Il paracetamolo aumenta il rischio di infarto e ictus
L'abuso di paracetamolo è legato a un aumento significativo del rischio di ictus e infarto. Lo dice uno studio del Leeds Institute for Rheumatic and Musculoskeletal Medecine che sarà pubblicato a breve e annunciato dal quotidiano Daily Mail.
Il paracetamolo – uno degli antidolorifici e antipiretici da banco più utilizzati al mondo – aumenta del 68 per cento il rischio di eventi cardiocircolatori gravi se assunto tutti i giorni con un alto dosaggio.
Il farmaco agisce inibendo l'azione ... (Continua)

26/02/2015 11:59:00 Più alte le probabilità di malattie vascolari
La carenza di vitamina D minaccia i diabetici
C'è un nesso fra i livelli ematici di 25-idrossivitamina D (25OH-D) e il rischio di malattie vascolari nei pazienti diabetici. Lo dice uno studio pubblicato su Diabetes Care da un team del Royal Prince Alfred Hospital di Sydney.
Markus Hermann, il coordinatore dello studio, spiega: “da ricerche recenti emerge la presenza di un'associazione tra diabete, malattie dei vasi e carenza di vitamina D che rende necessari studi prospettici rigorosi per valutare il rapporto tra 25OH-D circolante e ... (Continua)
23/02/2015 16:47:00 Il binge drinking aumenta il pericolo di aritmie

L'alcol fa male al cuore dei giovani
Bere troppo alcol espone i ragazzi a un rischio aumentato di aritmie cardiache. L'allarme è lanciato dai cardiologi riuniti in un meeting internazionale sulla fibrillazione atriale e sull'infarto che ha avuto luogo a Bologna.
Il rischio di aritmia aumenterebbe fino a 8 volte con l'abuso di vino, cocktail e superalcolici. Secondo i medici “molti incidenti del sabato sera sarebbero causati proprio dagli effetti cardiaci del troppo alcol, perché le aritmie possono provocare svenimenti ... (Continua)

16/02/2015 11:46:00 Il problema principale è rappresentato dallo stress

Recuperare dopo un infarto è più difficile per le donne
Dopo un infarto recuperare è possibile, ma certamente difficile. Se si è donne ancora di più. A confermarlo è una ricerca dell'Università di Yale pubblicata su Circulation, secondo cui lo stress che le donne giovani e di mezza età subiscono nella vita quotidiana le porta ad affrontare il decorso post-infarto in maniera più difficoltosa.
La prof.ssa Xiao Xu, che ha coordinato lo studio, spiega: “le donne sono sottoposte a maggiori stress per i diversi ruoli che svolgono in famiglia e sul ... (Continua)

04/02/2015 09:42:00 Rischio di infarto e ictus per chi eccede con l’esercizio fisico
Fare sport nella giusta misura
Un esercizio fisico troppo intenso e prolungato non è affatto salutare per il nostro organismo e non è preferibile alla sedentarietà. Uno studio del Frederiksberg Hospital di Copenhagen, in Danimarca, sostiene la necessità di attenersi a una giusta misura quando si decide di praticare una disciplina sportiva.
L'ideale è quindi una corsa a ritmo moderato per tre volte alla settimana e per non più di 2 ore e mezza, secondo quanto pubblicato sul Journal of American College of Cardiology. I ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale