Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 569

Risultati da 231 a 240 DI 569

22/11/2012 L'età è una questione molecolare

Quanti anni ho?
La carta d'identità spesso non va d'accordo con l'aspetto che abbiamo. Tutto dipende da un meccanismo molecolare, la metilazione, un processo di modificazione chimica del Dna. A scoprirlo sono alcuni ricercatori dell'Università della California di San Diego, che hanno pubblicato i dettagli della loro analisi sulle pagine di Molecular Cell.
Secondo gli scienziati statunitensi, quindi, basterebbe una semplice analisi del sangue per comprendere la vera età biologica del soggetto, una scoperta ... (Continua)

06/11/2012 16:25:01 Bassi livelli della vitamina associati a una maggiore longevità

Poca vitamina D allunga la vita
Farà anche bene alle ossa, ma sembra minacciare la nostra longevità. La vitamina D è al centro di uno studio pubblicato sul Canadian Medical Association Journal e condotto da un centro specializzato sull'invecchiamento, il Gerontology and Geriatrics Leiden University Medical Center di Leiden nei Paesi Bassi.
Secondo i risultati dell'analisi, infatti, bassi livelli di vitamina D sono associati a una maggiore longevità: “abbiamo riscontrato che la longevità familiare è associata a bassi ... (Continua)

23/10/2012 La rinuncia al fumo si traduce in un abbattimento del pericolo di cancro
Cancro al rene, smettere di fumare abbassa il rischio
Azzerare il numero di sigarette fumate ha una miriade di effetti benefici sul nostro organismo, fra cui l'abbassamento del rischio di cancro al rene. A dirlo sono gli esperti della Società italiana di urologia, che ricordano come smettere di fumare significhi abbassare del 28 per cento il pericolo dell'insorgenza di un tumore renale.
Ad aumentare il rischio di tumore renale c'è anche l'obesità, sia negli uomini che nelle donne. Spiegano gli urologi della Siu: “negli Usa un'analisi ... (Continua)
02/10/2012 16:40:12 Tutti i rischi della pelle al freddo

Per una pelle più giovane e sana anche in autunno
Con l’arrivo dell’inverno, a livello di epidermide si accentuano i problemi legati al microcircolo e proprio queste alterazioni sono responsabili di una minore ossigenazione dei tessuti e, quindi, dell’invecchiamento cellulare della cute. “Il freddo invernale provoca un restringimento dei vasi sanguigni – precisa il prof. Di Pietro – che è causa di disidratazione della cute. Per prevenire questa disidratazione, non solo dobbiamo prestare particolare attenzione agli sbalzi repentini di ... (Continua)

26/09/2012 I sintomi della depressione dall'infanzia alla vecchiaia

La depressione, riconoscerla per curarla
Quante volte nel linguaggio comune diciamo di essere un po' "depressi" per indicare uno stato transitorio di malinconia? Ma la depressione nel senso clinico del termine è un disturbo dell'umore che deve perdurare da almeno due settimane e che ha una sintomatologia ben precisa.
Purtroppo, nonostante la depressione sia un disagio comune molte forme depressive, soprattutto nei bambini e negli anziani, non vengono diagnosticate e trattate adeguatamente ma vengono confuse con altre problematiche: ... (Continua)

14/09/2012 Studio conferma l'ipotesi del digiuno come arma anticancro

Il digiuno per migliorare radioterapia e chemio
Prima di sottoporsi a radio o chemioterapia, i pazienti dovrebbero sottoporsi a uno stato di digiuno di 48 ore. Lo afferma una ricerca condotta dalla University of Southern California e pubblicata su PLoS One, secondo la quale il digiuno contrasta e rende più vulnerabile il glioma, il più diffuso dei tumori cerebrali.
Nella sperimentazione, i ricercatori guidati da Valter Longo hanno analizzato gli effetti di digiuno abbinato a radioterapia, a chemioterapia, o quelli prodotti dalle singole ... (Continua)

13/09/2012 15:29:48 Ricerca francese spiega i rischi legati a un consumo regolare

L'alcool favorisce le emorragie cerebrali
Hanno 60 anni, ma il loro cervello sottoposto ad analisi ne mostra 14 in più. Sono i 137 pazienti di un gruppo più ampio di 540 soggetti ospedalizzati a causa di un evento vascolare cerebrale di natura emorragica presso l'unità neurovascolare presso il Centre Hospitalier Régional Universitaire di Lille, nel nord della Francia.
Il sottogruppo che fa parte di questo campione di soggetti che hanno sofferto di emorragie cerebrali si distingue per un consumo quotidiano di almeno quattro bicchieri ... (Continua)

07/09/2012 Nessun effetto positivo sulla memoria

Il Ginko biloba non previene l'Alzheimer
Uno studio francese pubblicato su Lancet afferma che il Ginko biloba preso sotto forma di integrazione alimentare non aiuta a prevenire il morbo di Alzheimer e non ne frena la progressione. I ricercatori francesi del Centro di ricerca sulla malattia di Alzheimer di Tolosa hanno analizzato un campione di 2854 soggetti, dei quali 1406 hanno assunto ogni giorno circa 240 mg di estratto di Ginko biloba, mentre agli altri 1414 è stato somministrato soltanto placebo.
I volontari sono stati ... (Continua)

01/08/2012 12:15:28 Studio dimostra il ruolo degli estrogeni nelle malattie neurodegenerative
I neuroni “chiedono aiuto” agli estrogeni per sopravvivere
Gli estrogeni, ormoni sessuali steroidei conosciuti soprattutto per il loro ruolo nella regolazione dello sviluppo e delle funzioni del sistema riproduttivo, influenzano anche l’attività dei neuroni, svolgendo perciò un ruolo significativo nell’insorgenza e nel decorso di malattie neurodegenerative e demenze, quale il morbo di Alzheimer. È questo quanto hanno osservato in laboratorio i ricercatori dell’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con ricercatori americani, descrivendo poi il ... (Continua)
01/08/2012 11:40:11 DBC1 spinge le cellule tumorali a invecchiare e morire

Una proteina “invecchia” il cancro
Un team di ricercatori italiani dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano ha effettuato una interessante scoperta sul ruolo di una proteina in ambito oncologico. La proteina in questione, denominata DBC1, ha la capacità di rimettere in moto quel processo biologico che conduce le cellule corrotte dal cancro a invecchiare e quindi a morire. Le cellule neoplastiche mantengono una sorta di giovinezza biologica grazie a un'altra famosa proteina, SIRT1.
Stando ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale