Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 3616

Risultati da 791 a 800 DI 3616

03/11/2014 14:36:47 Sopravvivenza legata all'appropriatezza dell'esame diagnostico

Tumore alla vescica, fondamentale la qualità della biopsia
Una biopsia fatta bene può salvare la vita. Uno studio dell'Università della California con sede a Los Angeles ha determinato un rapporto diretto fra qualità della stadiazione diagnostica identificata dalla biopsia e probabilità di sopravvivenza in caso di tumore vescicale.
Karim Chamie, docente di Urologia e coautore dell'articolo pubblicato su Cancer, spiega: “per dirla in altri termini, i pazienti nei quali la biopsia non è ottimale hanno maggiori probabilità di morire per la ... (Continua)

03/11/2014 11:42:28 Riduzione dei livelli associata a infiammazione
Vitamina D e tessuto adiposo epicardico
Un team di ricerca dell'Università di Milano ha pubblicato uno studio basato sulla relazione fra riduzione dei livelli di vitamina D e infiammazione del tessuto adiposo epicardico.
Lo studio è stato pubblicato sul Nutrition, Metabolism & Cardiovascular Diseases ed è stato coordinato dalla dott.ssa Elena Dozio, che spiega: “in pazienti con malattia coronarica sono state descritte alterazioni della biologia del tessuto adiposo epicardico, cioè aumento dello spessore del grasso e infiammazione. ... (Continua)
03/11/2014 10:15:25 Evidenza fisiologica della presenza della malattia

Anomalie cerebrali nella sindrome da stanchezza cronica
La sindrome da stanchezza cronica (CFS) è una malattia vera e propria, con un sostrato fisiologico che ne testimonia la presenza. Lo dice una ricerca della Stanford University School of Medicine pubblicata su Radiology.
Il dott. Michael Zeineh, uno degli autori della ricerca, spiega: “per mezzo dell’utilizzo di un trio di sofisticate metodologie di imaging abbiamo scoperto che il cervello dei pazienti con CFS diverge da quello dei soggetti sani in almeno tre modi diversi”.
“La CFS è una ... (Continua)

03/11/2014 09:46:37 Le condizioni di un occhio determinano l'andamento della malattia nell'altro

Livelli di gravità nella degenerazione maculare senile
Occhio per occhio, si sarebbe tentati di dire. Una ricerca pubblicata su Jama Ophtalmology rivela che l'andamento della degenerazione maculare senile in un occhio è una spia dell'evoluzione della malattia nell'altro.
La ricerca, coordinata da Ronald Gangnon della University of Wisconsin School of Medicine and Public Health di Madison, si è servita dei dati del Beaver Dam Eye Study, uno studio longitudinale sulle patologie oculari legate all'età che ha visto la partecipazione dell'intera ... (Continua)

01/11/2014 12:11:00 Evoluzione di un approccio alla cura più raffinato e complesso
Immunoterapia, la quarta arma contro il cancro
Chirurgia, chemioterapia e radioterapia non solo più sole nella lotta al cancro. Da qualche tempo si è affiancata a loro una quarta opzione, l’immunoterapia. L’approccio ha come obiettivo la stimolazione del sistema immunitario in modo tale che esso stesso trovi le risorse per aggredire e battere la neoplasia.
Il XVI Congresso nazionale dell’Aiom (Associazione Italiana di Oncologia Medica) è stata l’occasione per fare il punto sulla situazione riguardo la ricerca in questo campo.
Stefano ... (Continua)
31/10/2014 09:59:00 Aumento del 30 per cento per chi lavora 55 ore a settimana
Troppo lavoro causa il diabete
Se la mancanza di lavoro è un problema, anche lavorare troppo presenta le sue criticità. Una ricerca appena pubblicata su The Lancet Diabetes and Endocrinology da un gruppo di lavoro dello University College di Londra ha stabilito che chi lavora più di 55 ore alla settimana mostra un rischio superiore di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto a chi si limita al consueto orario, che va dalle 35 alle 40 ore settimanali.
Si tratta di una meta-analisi di una serie di studi che hanno indagato ... (Continua)
30/10/2014 14:28:00 Da riflesso protettivo a sintomo modulare

L'omeopatia per la tosse
Stizzosa, spasmodica, notturna, secca o grassa. Sono davvero tanti gli aggettivi che vengono usati, anche nel linguaggio comune, per parlare di tosse. Sgradita compagna della stagione invernale, ma non solo, la tosse è comunemente considerata come una “malattia”, anche se in realtà è più giusto definirla come un "sintomo complesso" che può trasformarsi in un fastidioso circolo vizioso.
Oltretutto, visto il disagio che provoca interferendo con le attività quotidiane, è una delle cause più ... (Continua)

29/10/2014 16:05:00 I pediatri denunciano la mancanza di strutture ospedaliere dedicate

Ebola, la gestione dei bambini e dei neonati infetti
La Malattia da Virus Ebola (MVE) è una malattia grave, spesso fatale, con un tasso di mortalità fino al 90% e altamente contagiosa.
Precedentemente nota come febbre emorragica da Virus Ebola, questa malattia colpisce gli uomini e i primati (scimmie, gorilla, scimpanzé) e si trasmette attraverso lo stretto contatto con sangue, secrezioni, tessuti, organi o fluidi corporei di persone o animali infetti.
Le persone sono contagiose fino a quando il sangue e le secrezioni contengono il virus. ... (Continua)

29/10/2014 Possibile causa scatenante di difficoltà uditive

Diabete, un nesso anche con la perdita di udito
Ora il diabete va ascoltato. C’è infatti una “relazione pericolosa”, troppo spesso sottovalutata, tra diabete e ipoacusia. La mette in luce il Consensus Paper “Diabete e Udito”, promosso da Amplifon e presentato a Milano.
Dalla cecità all’insufficienza renale, dalla neuropatia alle malattie cardiache: molte sono le complicanze associate alla patologia diabetica. Tuttavia, nonostante numerosi studi scientifici abbiano fornito convincenti evidenze a supporto, ancora oggi l’ipoacusia non è ... (Continua)

28/10/2014 L'utilizzo combinato con gli antidepressivi migliora la cura

Antidolorifici per la depressione
Utilizzare comuni antidolorifici per il trattamento della depressione potrebbe migliorare gli effetti della cura basata sull'assunzione di antidepressivi. A dimostrarlo è un vasto studio pubblicato su JAMA Psychiatry da un team di ricercatori della Aarhus University, in Danimarca.
Gli scienziati hanno analizzato nella meta-analisi effettuata oltre 6mila pazienti per un totale di 14 studi internazionali sull'argomento. Dalla revisione è emersa l'efficacia degli antidolorifici nel ridurre i ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102| 103| 104| 105| 106| 107| 108| 109| 110| 111| 112| 113| 114| 115| 116| 117| 118| 119| 120| 121| 122| 123| 124| 125| 126| 127| 128| 129| 130| 131| 132| 133| 134| 135| 136| 137| 138| 139| 140| 141| 142| 143| 144| 145| 146| 147| 148| 149| 150| 151| 152| 153| 154| 155| 156| 157| 158| 159| 160| 161| 162| 163| 164| 165| 166| 167| 168| 169| 170| 171| 172| 173| 174| 175| 176| 177| 178| 179| 180| 181| 182| 183| 184| 185| 186| 187| 188| 189| 190| 191| 192| 193| 194| 195| 196| 197| 198| 199| 200| 201| 202| 203| 204| 205| 206| 207| 208| 209| 210| 211| 212| 213| 214| 215| 216| 217| 218| 219| 220| 221| 222| 223| 224| 225| 226| 227| 228| 229| 230| 231| 232| 233| 234| 235| 236| 237| 238| 239| 240| 241| 242| 243| 244| 245| 246| 247| 248| 249| 250| 251| 252| 253| 254| 255| 256| 257| 258| 259| 260| 261| 262| 263| 264| 265| 266| 267| 268| 269| 270| 271| 272| 273| 274| 275| 276| 277| 278| 279| 280| 281| 282| 283| 284| 285| 286| 287| 288| 289| 290| 291| 292| 293| 294| 295| 296| 297| 298| 299| 300| 301| 302| 303| 304| 305| 306| 307| 308| 309| 310| 311| 312| 313| 314| 315| 316| 317| 318| 319| 320| 321| 322| 323| 324| 325| 326| 327| 328| 329| 330| 331| 332| 333| 334| 335| 336| 337| 338| 339| 340| 341| 342| 343| 344| 345| 346| 347| 348| 349| 350| 351| 352| 353| 354| 355| 356| 357| 358| 359| 360| 361| 362

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale