Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 96

Risultati da 31 a 40 DI 96

17/06/2013 15:56:26 I consigli degli esperti gastroenterologi

Dieci regole per una buona digestione d'estate
Estate, tempo di vacanze, caldo e spiagge: un periodo in cui, più che in altre stagioni dell’anno, il nostro corpo e il nostro apparato digerente, a dispetto di quanto ci si può attendere, sono sottoposti a forte stress.
Diete dimagranti dell’ultimo minuto, grande caldo e rischio disidratazione, sedentarietà ed eccessi alimentari possono rappresentare una minaccia spesso sottovalutata. Per questa ragione l’Associazione Italiana dei Gastroenterologi ed endoscopisti Ospedalieri (AIGO) ha ... (Continua)

10/05/2013 L'assunzione di cibi contenenti nicotina riduce il rischio della malattia

Per il Parkinson utile la nicotina
La nicotina sembra avere un effetto protettivo nei confronti della malattia di Parkinson. Una ricerca dell'Università di Washington con sede a Seattle ha evidenziato come il consumo di cibi che contengono la sostanza, come le solanacee – ovvero peperoni e pomodori – contribuisca a ridurre il rischio di insorgenza della malattia.
Sulle pagine di Annals of Neurology, la coordinatrice della ricerca Susan Searles Nielsen spiega: “la malattia di Parkinson è un disturbo del movimento causato dalla ... (Continua)

10/05/2013 La parkina fondamentale non solo nei meccanismi del Parkinson

L'importanza di un gene chiave per non invecchiare
Nei meccanismi che accelerano il processo naturale di invecchiamento rientra a pieno titolo il gene parkina. Già noto per il suo ruolo nell'insorgenza del Parkinson, il gene rappresenta una chiave di volta per comprendere più in profondità ciò che determina longevità o meno negli esseri umani.
Una ricerca dell'Università della California di Los Angeles si è occupata dell'argomento, pubblicando un resoconto sulle pagine di Proceedings of the National Academy ... (Continua)

15/04/2013 Possibile applicazione in caso di sclerosi multipla

Dalla pelle nuove cellule cerebrali
La produzione di cellule cerebrali potrebbe avvalersi della pelle. A dimostrarlo è una sperimentazione della Case Western Reserve School of Medicine, i cui ricercatori hanno pubblicato su Nature Biotechnology l'esito di una ricerca che consente di trasformare i fibroblasti, ovvero le cellule presenti nella pelle, in oligodendrociti, le cellule che formano la guaina di mielina attorno ai neuroni presenti nel cervello.
In caso di sclerosi multipla o di altre patologie in cui il problema è ... (Continua)

28/02/2013 I consigli per prevenire le infezioni nei prematuri

I prematuri a rischio di infezioni
Nel mondo, sono circa 15 milioni i neonati che ogni anno nascono prematuri, più di un bambino su dieci. In Italia, il fenomeno è in crescita, con circa 45 mila bambini che vengono alla luce prima della 37ma settimana di età gestazionale: circa il 7% delle nascite complessive in un anno.
“Oggi il numero dei bambini prematuri che sopravvivono e che un tempo erano destinati a morire è in costante aumento - sottolinea Susanna Esposito, Direttore UOC Pediatria 1 Clinica, Università degli Studi di ... (Continua)

04/02/2013 I cambiamenti a carico delle cellule segnalano la presenza della neoplasia
Tumori, nuovi studi sul comportamento delle cellule
Per contrastare il tumore è fondamentale saperne interpretare le modificazioni a carico delle cellule. Uno studio del Massachusetts General Hospital Cancer Center di Charlestown ha scoperto che le cellule tumorali in circolo nel sangue subiscono a un certo punto delle variazioni che trasformano il cancro in una malattia letale perché capace di diffondersi attraverso le metastasi.
Quando ciò avviene vengono rilasciate delle molecole che potrebbero rappresentare una valida base per ... (Continua)
08/11/2012 16:06:37 La chiave è nell'inibizione di alcuni zuccheri

Nuovo metodo per la riparazione dei nervi
Promuovere la riparazione dei nervi attraverso una manipolazione del tessuto cicatriziale che si forma lungo il midollo spinale dopo un incidente. È il tentativo messo in atto da un gruppo di ricerca dell'Università di Liverpool che è partito dallo studio dei meccanismi di cicatrizzazione. Dopo il danno provocato da un incidente, infatti, si forma un tessuto cicatriziale che funge da ostacolo alla rigenerazione dei nervi, provocando paralisi irreversibili.
In questo processo, giocano un ... (Continua)

05/11/2012 16:10:01 I Lactobacillus sembrano fornire protezione contro la malattia

Batteri modificati contro il morbo di Crohn
Una sperimentazione effettuata su modello murino evidenzia la possibilità di curare alcuni disturbi infiammatori intestinali con batteri geneticamente modificati. In particolare, il trattamento offrirebbe protezione nei confronti di patologie molto ostiche come ad esempio il morbo di Crohn.
Lo studio è stato pubblicato su Science Translational Medicine da un gruppo di lavoro coordinato da Jean-Paul Motta del Centre de Physiopathologie de Toulouse Purpan (CPTP), nella città francese di ... (Continua)

19/10/2012 11:22:01 Creati per la prima volta nefroni da ricercatori italiani
Obiettivo rene artificiale
Un team di ricercatori italiani del Mario Negri è riuscito per la prima volta a creare dei nefroni utilizzando singole cellule embrionali di topo. Una volta impiantati sotto la capsula renale, i nefroni hanno dimostrato di poter assolvere a determinate funzioni fisiologiche fondamentali fra le quali la produzione dell'eritropoietina, l'ormone che ha come compito la regolazione dell'eritropoiesi, ovvero la produzione di globuli rossi da parte del midollo osseo.
Lo studio, pubblicato sul ... (Continua)
04/10/2012 09:40:38 Ricercatori progettano una mucca Ogm per ridurre il rischio di allergie

Latte Ogm contro le allergie
La manipolazione dei geni a fin di bene. In questo caso non si tratta di sfamare il mondo, ma di creare una mucca che produca latte iperproteico e anallergico. Lo stanno facendo alcuni ricercatori dell'Università di Auckland, in Nuova Zelanda.
L'idea è quella di inibire l'espressione di alcuni specifici geni per assicurare il massimo del contenuto proteico del latte e aumentare le qualità ipoallergeniche della bevanda. Lo studio è stato coordinato da Anower Jabed e pubblicato su Pnas. Il ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale