Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 2210

Risultati da 1291 a 1300 DI 2210

26/04/2011 EGFR ed Epha2 come punto di partenza per nuove terapie

Epatite C, individuati due enzimi che la favoriscono
Fra le varie forme presenti, l'epatite C è la più insidiosa perché al momento non esiste una scelta terapeutica sufficientemente ampia e non sono stati sviluppati vaccini per prevenirla, al contrario di epatite A e B.
Si tratta di una patologia che nella maggior parte dei casi diventa cronica senza mostrare sintomi evidenti della sua presenza nell'organismo ed è una delle cause più comuni di epatopatia cronica e di trapianto del fegato.
A tal proposito, arriva la buona notizia di una ... (Continua)

22/04/2011 Dimagrire in vista dell'estate e modificare abitudini alimentari scorrette

Il palloncino che aiuta a mangiare meglio
È indicato per gli obesi, ma è sempre più richiesto anche dalle donne in sovrappeso che vogliono dimagrire in vista di una data importante, ad esempio per il giorno del matrimonio o semplicemente per la stagione estiva.
Stiamo parlando del palloncino intragastrico, un intervento riconosciuto dalla letteratura scientifica internazionale, finalizzato al calo del peso e alla modificazione degli stili di vita, come l’alimentazione, l’attività fisica e il comportamento alimentare. ... (Continua)

22/04/2011 Ricerca americana svela il ruolo del microrganismo Scardovia wiggsiae

Scoperto nuovo batterio che causa la carie
Dalla mappatura dell'intera flora batterica che abita la nostra bocca, un team di ricercatori statunitensi è giunto a scoprire il ruolo fondamentale del batterio Scardovia wiggsiae, un microrganismo finora sconosciuto.
Lo studio di ricercatori del Forsyth Institute di Cambridge, un centro odontoiatrico specializzato, è stato pubblicato sul Journal of Clinical Microbiology e ha coinvolto 80 bambini. Metà di essi soffrivano già di vari disturbi ai denti.
Fra i microbi individuati anche ... (Continua)

21/04/2011 Come mantenersi in forma a dispetto dell'età

Il segreto della longevità
La terza età è una fase ancora attiva della vita, ma la longevità richiede un’attenta “manutenzione” del nostro organismo in quanto c’è una probabilità più elevata che organi ed apparati manifestino problemi di usura ed affaticamento soprattutto a carico di ossa, muscoli ed articolazioni, fondamentali per il nostro movimento.
La sedentarietà è un vizio pericoloso quanto il fumo per il nostro apparato cardio-vascolare e fra l’altro l’immobilità fa aumentare di peso, ci rende meno lucidi e ... (Continua)

20/04/2011 Studio internazionale mostra risultati promettenti sull'auranofin

Aids, un composto all’oro stana l’Hiv
Un farmaco contenente oro, già conosciuto nel trattamento dell’artrite reumatoide, potrebbe essere la chiave di volta nella messa a punto di una cura efficace contro l’HIV/AIDS. L’auranofin – questo il nome del composto – riesce infatti a stanare il virus proprio nelle sue “stanze più segrete”, in una sorta di “magazzino” virale in cui l’Hiv si annida, perché al riparo da farmaci e anticorpi. È questo in sintesi lo studio condotto da un’équipe internazionale di studiosi di cui il ricercatore ... (Continua)

19/04/2011 Lisina e olio di pesce per combattere e prevenire il disturbo

Schizofrenia, sostanze preventive e curative
È la lisina l'ultima speranza in ordine di tempo per combattere la schizofrenia. Secondo uno studio dell'Università di Goteborg, la sostanza ridurrebbe i sintomi della psicosi sui pazienti che ne assumono almeno 6 grammi al giorno per quattro settimane.
Dei partecipanti alla ricerca, l'80 per cento ha mostrato miglioramenti delle proprie facoltà cognitive. Caroline Wass, coordinatrice della ricerca, spiega: “questo studio è un buon punto di partenza per verificare i benefici della lisina. ... (Continua)

19/04/2011 Ricercatori sperimentano nuova molecola per ridurre i danni ai tessuti cardiaci

Un'iniezione aiuta il cuore dopo un infarto
Una semplice iniezione potrebbe aiutare i pazienti colpiti da infarto o da ictus a recuperare meglio. Lo sostengono alcuni ricercatori dell'Università di Leicester che hanno individuato una molecola in grado di agire nelle prime ore successive alla crisi, quando i coaguli provocano nei tessuti cardiaci una mancanza di ossigeno che può rivelarsi molto dannosa.
L'iniezione, da eseguire entro 12 ore dall’attacco, si basa sulla proteina OMS646, che si mostra in grado di bloccare il meccanismo ... (Continua)

12/04/2011 Problemi respiratori indotti da moltiplicazione del segnale genetico

La reazione dei geni alle avversità della vita
I ricercatori dell’Università San Raffaele di Milano e del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) hanno dimostrato, nell’uomo e nell’animale, cosa accade nella fisiologia respiratoria quando i giovani individui vivono difficoltà e avversità, come le esperienze di distacco precoce dai genitori.
In estrema sintesi, si innesca una sorta di moltiplicazione del segnale genetico che orchestra le nostre risposte fisiologiche, con uno speciale elemento in più: la respirazione. Infatti, un ... (Continua)

12/04/2011 Nessuna differenza rilevata rispetto alla frutta mangiata

Il succo di frutta è efficace al 100%
Preferire la frutta frullata o spremuta non ne pregiudica le proprietà nei confronti dell'organismo. Ad appurarlo è una ricerca dell'Università di Davis, in California, che ha preso in esame un totale di 60 ricerche sull'argomento.
I ricercatori, guidati da Dianne Hyson, hanno scoperto che bere succo di frutta naturale al 100 per cento offre gli stessi benefici indotti dalla frutta fresca, limitando perciò le probabilità che insorgano patologie cardiovascolari, declino cognitivo e alcuni ... (Continua)

12/04/2011 Ricerca dell'Inran mette in luce le proprietà benefiche della bevanda

Il vino rosso aiuta a ridurre i grassi
Limitare l'accumulo di grassi nel sangue grazie a un bicchiere di vino rosso. È quanto suggerisce una ricerca firmata dall'Inran, l’ente pubblico italiano per la ricerca in materia di alimenti e nutrizione, che ha effettuato uno studio per valutare le capacità del vino rosso di contrastare l'azione dei grassi ossidati.
Lo studio è stato effettuato su un campione di 12 volontari sani, 6 uomini e 6 donne, tra 24 e 35 anni, a cui è stato chiesto di mantenere la dieta abituale e di non ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45| 46| 47| 48| 49| 50| 51| 52| 53| 54| 55| 56| 57| 58| 59| 60| 61| 62| 63| 64| 65| 66| 67| 68| 69| 70| 71| 72| 73| 74| 75| 76| 77| 78| 79| 80| 81| 82| 83| 84| 85| 86| 87| 88| 89| 90| 91| 92| 93| 94| 95| 96| 97| 98| 99| 100| 101| 102| 103| 104| 105| 106| 107| 108| 109| 110| 111| 112| 113| 114| 115| 116| 117| 118| 119| 120| 121| 122| 123| 124| 125| 126| 127| 128| 129| 130| 131| 132| 133| 134| 135| 136| 137| 138| 139| 140| 141| 142| 143| 144| 145| 146| 147| 148| 149| 150| 151| 152| 153| 154| 155| 156| 157| 158| 159| 160| 161| 162| 163| 164| 165| 166| 167| 168| 169| 170| 171| 172| 173| 174| 175| 176| 177| 178| 179| 180| 181| 182| 183| 184| 185| 186| 187| 188| 189| 190| 191| 192| 193| 194| 195| 196| 197| 198| 199| 200| 201| 202| 203| 204| 205| 206| 207| 208| 209| 210| 211| 212| 213| 214| 215| 216| 217| 218| 219| 220| 221

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale