Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 258

Risultati da 81 a 90 DI 258

05/03/2013 Medicinali a base di calcitonina aumentano il pericolo di tumore
Osteoporosi, rischio cancro per alcuni farmaci
Alcuni farmaci utilizzati per combattere l'osteoporosi potrebbero aumentare lievemente il rischio di cancro nelle donne in post-menopausa che li assumono. A dirlo è un report emanato dalla Food and Drug Administration, l'agenzia del farmaco americana.
Secondo gli esperti dell'agenzia, i farmaci contenenti calcitonina – versione sintetica dell'ormone rintracciabile naturalmente nel salmone – aumenterebbero, seppur di poco, il rischio di cancro, tanto che i costi supererebbero gli eventuali ... (Continua)
22/02/2013 Gli integratori per l'osteoporosi possono diventare pericolosi

Troppo calcio aumenta il rischio di ischemia
Assumere troppo calcio può trasformarsi in un rischio e aumentare la mortalità dovuta a casi di ischemia. A determinarlo è una ricerca dell'Università di Uppsala, in Svezia, pubblicata sul British Medical Journal.
Il coordinatore dello studio Karl Michaëlsson, professore presso l'ateneo svedese, spiega: “un elevato apporto di calcio viene spesso consigliato per il ruolo fondamentale che l'elemento svolge nell'organismo”, in particolare per la prevenzione dell'osteoporosi.
Tuttavia, questo ... (Continua)

15/02/2013 Ma una scoperta sui meccanismi cellulari può portare a nuove cure

La malattia di Cushing mette a rischio il cuore
La malattia di Cushing aumenta le probabilità di insorgenza di cardiopatie e il numero di decessi a causa di crisi cardiache anche sul lungo periodo. A dirlo è una ricerca condotta dal Mount Sinai Medical Center e pubblicata sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism.
La ricerca mostra come il rischio rimanga alto anche a distanza di tempo, se il paziente è stato esposto a livelli eccessivi di cortisolo. “più il paziente è stato esposto all'eccesso di cortisolo e più era anziano al ... (Continua)

11/02/2013 Studio rivela i meccanismi alla base del diabete di tipo 2

RANKL, il segreto del diabete nascosto nel fegato
Si chiama RANKL ed è una proteina in grado di “infiammare” il fegato e di causare in questo modo il diabete di tipo 2. La scoperta, di enorme importanza perché potrebbe aprire la strada ad una terapia innovativa in grado non solo di trattare, ma forse anche di prevenire il diabete di tipo 2, è il frutto di complesse ricerche condotte nell’arco di una ventina d’anni da vari gruppi di ricercatori italiani (Ospedale di Brunico, Università di Verona, Università Cattolica del Sacro Cuore) in ... (Continua)

28/01/2013 19:45:35 Troponina T possibile indicatore del rischio di mortalità in perimenopausa
Rischio di morte nelle donne e Troponina T
La Troponina T sembrerebbe un indicatore preciso del rischio di mortalità a lungo termine nelle donne in postmenopausa secondo quanto emerso da uno studio caso-controllo pubblicato recentemente su Heart. Un gruppo di cardiologi olandesi dell'università Radboud di Nijmegen ha misurato il livello di troponina T cardiaca in un sottogruppo di pazienti reclutate per uno studio sull'osteoporosi, l'Eindhoven perimenopausal osteoporosis study, che ha coinvolto oltre 8.5 00 soggetti. Tra questi sono ... (Continua)
14/01/2013 17:22:35 Aspetti del sequenziamento del Dna alla portata di tutti

La rivoluzione genomica e la medicina “fai-da-te”
Nel 2003 è stato completato il sequenziamento del genoma umano: in poche parole è stato letto tutto il DNA che caratterizza la specie umana. Il costo per portare a termine quella che allora fu una vera e propria impresa si aggirò intorno ai 2,7 miliardi di dollari. Oggi a quasi 10 anni di distanza il progresso delle tecniche di analisi ha portato ad un abbattimento drastico dei costi tanto che non sembra lontano l'obiettivo di “leggere” l'intero DNA di un singolo individuo spendendo solo 1000 ... (Continua)

27/12/2012 14:03:34 Tutti i segreti della Dioscorea

Una radice per contrastare il sovrappeso di origine ormonale
La dioscorea (Dioscorea villosa), nota anche come igname selvatico o wild yam, è una pianta appartenente alla famiglia delle Dioscoreacee; la sua forgia è lianiforme, il fusto, sottile e lanoso, può raggiungere i 12 m di lunghezza. È originaria del Messico, oggi diffusa in tutto il Sud America, i cui principi attivi più rilevanti sono contenuti nelle radici e nei tuberi.
Utilizzata sin dai tempi degli Aztechi per trattare molti disturbi femminili, dalla sindrome premestruale alla ... (Continua)

13/12/2012 Nuovo progetto di ricerca su vasta scala per la produzione di medicinali

Osteoporosi, farmaci dagli organismi marini
Al via un nuovo progetto per arrivare a terapie innovative contro l'osteoporosi. Il progetto, che prende il nome di BlueGenics ed è finanziato dall'Unione Europea, mira a trovare negli organismi marini i progetti genetici per nuovi farmaci che potrebbero aiutare a prevenire e curare gravi malattie umane come l'osteoporosi.
Grazie a un team internazionale di ricerca, coordinato dal professor Werner E.G. Müller dell'Istituto di chimica fisiologica del Centro medico dell'Università di Magonza, ... (Continua)

06/12/2012 Chi fuma riduce la densità minerale ossea nella fase di crescita

Non fumare per prevenire l'osteoporosi
Adolescenti non fumate! Il consiglio arriva direttamente dal Cincinnati Children's Hospital Medical Center, i cui ricercatori, guidati da Lorah Dorn, hanno scoperto che le ragazze che si concedono il vizio del fumo vedono abbassarsi notevolmente la densità minerale ossea nella fase critica della crescita.
Chi ha meno di 18 anni e fuma rischia in maniera significativamente superiore l'insorgere dell'osteoporosi in epoca adulta: “i primi due anni che caratterizzano il periodo di apparizione ... (Continua)

13/11/2012 Chi fa esercizio fisico regolare aumenta la sua speranza di vita

Se cammini vivi di più
Meglio attivi con la pancetta che magri ma pigri. In sostanza dice questo la ricerca svolta dal Brigham and Women's Hospital di Boston e di Harvard, secondo cui per guadagnare quasi 2 anni di vita in più basta camminare a passo svelto per 75 minuti alla settimana.
Se invece abbiamo pazienza e fiato a sufficienza per camminare 450 minuti alla settimana vedremo la nostra aspettativa di vita aumentare di 4 anni e mezzo. E in questo caso possiamo anche permetterci qualche peccato di gola a ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale