Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 59

Risultati da 1 a 10 DI 59

05/07/2016 17:33:39 L’intervento per curare la Ccsvi sembra avere un effetto positivo

Sclerosi multipla, l’angioplastica migliora i sintomi
L’angioplastica delle vene giugulari colpite da insufficienza venosa cronica cerebrospinale – CCSVI, la patologia venosa individuata da Paolo Zamboni dell’Università di Ferrara – può migliorare sensibilmente i sintomi della sclerosi multipla.
Lo afferma uno studio italiano pubblicato recentemente su Acta Phlebologica. Commentando questa sua ricerca uscita sulla rivista del Collegio Italiano di Flebologia, Pietro Bavera, chirurgo vascolare milanese, membro della Società Internazionale ... (Continua)

16/06/2016 14:23:00 Per i pazienti affetti da valvulopatia mitralica
Due nuove tecniche per interventi al cuore
A disposizione dei pazienti cardiopatici due nuove tecniche mininvasive per interventi chirurgici al cuore. Le tecniche innovative sono state illustrate dal prof. Alfonso Sestito del Policlinico Gemelli di Roma e riguardano i pazienti affetti da valvulopatia mitralica.
I nuovi approcci consentono di superare l'impedimento al corretto passaggio del sangue che colpisce una delle quattro valvole cardiache, la valvola mitrale, fenomeno che coinvolge il 5-6 per cento dei soggetti oltre i 60 ... (Continua)
11/04/2016 15:13:00 Riduce il pericolo di ischemia, ma innalza quello dei sanguinamenti

Doppia terapia antiaggregante, rischio di emorragie
Uno studio apparso su Jama analizza gli effetti prodotti dalla doppia terapia antiaggregante con acido acetilsalicilico e tienopiridina. La ricerca, coordinata da Robert Yeh del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston, ha valutato i fattori di rischio in grado di stabilire se la riduzione del rischio di ichemia miocardica è superato o meno da quello di un'emorragia a causa del trattamento nei pazienti sottoposti a impianto di uno stent coronarico.
«La doppia terapia antiaggregante ... (Continua)

06/11/2015 17:35:46 Impiantato il primo dispositivo endovascolare di neurostimolazione

Nuovi strumenti per l'insufficienza cardiaca
È stato effettuato con successo il primo impianto di un dispositivo endovascolare di neurostimolazione basato su catetere per il trattamento di pazienti affetti da insufficienza cardiaca congestizia.
Ad annunciare l'efficacia del nuovo sistema denominato Harmony è Enopace Biomedical, l'azienda che ha sviluppato la terapia endovascolare di neuromodulazione impiantabile e minimamente invasiva per i pazienti con insufficienza cardiaca.
La procedura è stata eseguita con successo dal Professor ... (Continua)

28/10/2015 11:24:08 Il primo registro italiano conferma la bontà delle linee guida
Gli antiaggreganti nei pazienti sottoposti a intervento
Si chiama Surgery After Stenting Registry (SAS) il primo registro multicentrico italiano che ha preso in esame il tema degli antiaggreganti nel periodo peri-operatorio.
Il registro è frutto di un’attività multidisciplinare che ha coinvolto cardiologi clinici, cardiologi interventisti, anestesisti in accordo con 12 società nazionali di chirurgia, e ha valutato la fattibilità e la sicurezza nella pratica clinica delle Linee Guida SICI-GISE sulla gestione della terapia antiaggregante nei ... (Continua)
20/10/2015 15:22:00 La lista italiana e quella americana

Le pratiche da evitare in medicina interna
Anche in medicina interna ci sono pratiche molto comuni che sarebbe meglio evitare o il cui uso andrebbe comunque ridimensionato. La Fadoi (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti) ha aderito all'iniziativa “Fare di più non significa fare meglio” messa in campo da Slow Medicine.
Gli esperti della Fadoi hanno deciso di stilare una lista di 10 punti sulle pratiche a rischio di inappropriatezza. Le scelte si basano sulla realtà clinico-sanitaria ... (Continua)

01/10/2015 15:52:27 La saturazione ossiemoglobinica cerebrale ha un potere predittivo
Un parametro per l'esito neurologico dopo l'arresto cardiaco
C'è un modo per predire la salute neurologica di una persona a 90 giorni da un arresto cardiaco. Secondo un team dell'Università di Kyoto è necessario affidarsi al calcolo della saturazione ossiemoglobinica cerebrale (rSO2).
Kei Nishiyama, coordinatore dello studio apparso su Resuscitation, afferma: “l'ipotermia terapeutica (Th) e l'angioplastica percutanea (Pci) con angiografia coronarica (Cag) si associano a un miglioramento della prognosi dei pazienti che hanno subito un arresto ... (Continua)
25/06/2015 15:10:00 Trattamento totalmente percutaneo
Tecnica innovativa salva bambina affetta da atresia
Per la prima volta una neonata di appena 1500 grammi, affetta da atresia polmonare a setto intatto, è stato salvata con un trattamento totalmente percutaneo, presso la Cardiologia dell'ospedale Infantile Regina Margherita della Città della Salute di Torino.
Si tratta del neonato più piccolo al mondo trattato con questa tecnica all'avanguardia non invasiva. L'atresia polmonare a setto intatto è una cardiopatia congenita complessa e rara, (<1% di tutte le cardiopatie congenite), non ... (Continua)
25/06/2015 10:09:00 Negli uomini si registra una maggiore frequenza

Le fratture toraco–lombari
I traumi sportivi incidono per una buona percentuale nelle fratture toraco-lombari ma rispetto al passato, grazie a una diagnosi precoce e a una terapia medica e chirurgica nel precoce trattamento il paziente riesce a tornare prima in forma e con minor dolore.
“Una diagnosi radiologica corretta permette una buona classificazione della frattura e aiuta a dare un’indicazione chirurgica ottimale per il tipo d’intervento corretto da applicare”, spiega lo studioso.
Quando è necessario, ... (Continua)

31/03/2015 11:10:00 Confermata dallo studio Partner

L'efficacia della Tavi a 5 anni
L’impianto transcatetere di valvola aortica (TAVI) si dimostra efficace anche a distanza di 5 anni dall'intervento. La valvola cardiaca transcatetere SAPIEN si conferma essere un intervento efficace quanto la chirurgia tradizionale e con risultati duraturi per le persone con stenosi aortica grave ritenuti a rischio elevato per poter affrontare un intervento di sostituzione valvolare tradizionale a torace aperto.
Sono i risultati conclusivi a 5 anni dello studio PARTNER, il primo e più ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale