Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 103

Risultati da 51 a 60 DI 103

14/05/2013 I pediatri ne raccomandano un utilizzo giudizioso in età pediatrica

Bambini e antibiotici, sono sempre necessari?
Antibiotici si, antibiotici no. Quando è davvero necessario usarli? E quando invece sarebbe meglio aspettare? Sono stati questi i temi principali al centro della Consensus Conference, da poco conclusa a Bologna, che ha visto riuniti i maggiori esperti italiani di pediatria per discutere sull’Impiego giudizioso della terapia antibiotica nelle infezioni delle vie aeree in età pediatrica.
“L’obiettivo della Consensus Conference, alla luce delle più recenti evidenze scientifiche internazionali – ... (Continua)

09/05/2013 Il batterio responsabile utilizza la proteina Ef-Tu per aggredire l'organismo

Il ruolo di una proteina in caso di polmonite
Uno dei batteri responsabili dell'insorgenza di polmonite sfrutta una proteina per accedere alle cellule dell'organismo umano, procedendo a una sua modificazione. A scoprirlo è uno studio della Emory University pubblicato sulla rivista mBio.
I ricercatori hanno analizzato lo Pseudomonas Aeruginosa, un batterio che spesso causa la polmonite in fase di degenza ospedaliera, grazie alla spettrometria di massa e all'utilizzo di proteine modificate geneticamente. Hanno scoperto che il batterio ... (Continua)

05/04/2013 Una molecola potrebbe velocizzare la fase di diagnosi

Un nuovo parametro per diagnosticare gli attacchi cardiaci
Una diagnosi il più veloce possibile per intervenire con maggiore efficacia in caso di attacchi cardiaci. È lo spirito di una ricerca dell'Università di Otago, in Nuova Zelanda, che ha studiato l'applicazione di un nuovo parametro per la valutazione della condizione dei pazienti ricoverati nei reparti di emergenza degli ospedali.
Stando ai risultati dello studio proposto da Chris Pemberton e dai suoi colleghi, si potrebbe usare la molecola peptide grelina (GHRsp) per capire se il paziente è ... (Continua)

11/02/2013 Nessuna prova di efficacia per questo tipo di intervento
Steroidi pericolosi in caso di shock settico
L'uso di steroidi nei pazienti colpiti da shock settico non è efficace, ma cela semmai un certo grado di pericolosità. Ad evidenziarlo sono i dati raccolti dalla Surviving Sepsis Campaing che si riferiscono a un periodo che va dal gennaio 2005 al marzo 2010, per un totale di oltre 17 mila pazienti coinvolti.
I dati, pubblicati sul Journal Watch Infectious Diseases, confermano quanto emerso da altri trial come il Corticus, pubblicato nel 2008. Fra gli oltre 17 mila pazienti con diagnosi di ... (Continua)
30/01/2013 Dopo un'operazione chi fuma rischia di più

Il fumo aumenta il rischio di morte post-intervento
Il fumo non smette di svelare i suoi lati negativi. Anche gli interventi chirurgici risultano più rischiosi se si è abituati a fumare sigarette. Nei primi 30 giorni successivi all'intervento, infatti, le sigarette aumentano la mortalità post-operatoria in maniera significativa. Un rischio ridotto al minimo per chi non fuma o ha smesso da almeno un anno.
A dirlo è uno studio pubblicato su JAMA Surgery da Khaled Musallam, ricercatore del Dipartimento di Medicina Interna all’Università di ... (Continua)

02/01/2013 16:23:46 Il gioiello di IBM potrà presto avere un ruolo in corsia

Watson, il supercomputer indossa il camice
Elementare, Watson! D'ora in poi, l'altezzoso tic verbale reso celebre da Sherlock Holmes potrebbe subire un rovesciamento totale. Il supercomputer creato da IBM che riporta alla mente il medico/spalla del famoso detective – ma che in realtà deve il suo nome al primo presidente della società informatica Thomas J. Watson – potrebbe costituire la base per diagnosi e trattamenti, affiancando i medici nella valutazione dei casi.
Watson è un esempio di intelligenza artificiale evoluta in grado di ... (Continua)

14/12/2012 16:06:08 Il virus respiratorio sinciziale messo ko dall'umulone

La birra contro il raffreddore
Un componente del luppolo mette in seria difficoltà il virus respiratorio sinciziale umano e si propone come inedito agente antinfiammatorio. È la scoperta messa a punto da un team di ricerca giapponese della Sapporo Medical University, secondo cui l'umulone svolge un'azione protettiva mettendo al riparo l'organismo dal virus.
Il virus in questione è il principale agente eziologico della bronchiolite e della polmonite infantili. La bronchiolite è una patologia che colpisce i più piccoli, ... (Continua)

10/09/2012 15:44:38 Ceftarolina agisce contro cSSTI e polmonite acquisita in comunità
Un nuovo antibiotico per infezioni complesse
È stata autorizzata dalla Commissione Europea la commercializzazione di ceftarolina fosamil, nuova cefalosporina per il trattamento intravenoso delle infezioni complicate della cute e dei tessuti molli (cSSTI) o della polmonite acquisita in comunità (CAP) nei pazienti adulti. Ceftarolina fosamil è quindi ad oggi l’unica cefalosporina approvata in Europa con efficacia clinica dimostrata anche contro ceppi di Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA), comune causa di infezioni ... (Continua)
02/08/2012 15:44:49 L'H3N8 muta e mette in allarme i ricercatori
Una mutazione dell'aviaria colpisce i mammiferi
Una strage di foche preoccupa la comunità medica internazionale. 162 esemplari sono morti di polmonite tra il settembre e il dicembre 2011 nello stato americano del New England. A riportarlo è uno studio pubblicato sulla rivista specializzata mBio da un gruppo di ricercatori di diversi istituti fra cui la Columbia University.
Le analisi effettuate dai ricercatori americani sui resti degli animali deceduti hanno evidenziato la presenza del virus H3N8, il virus ritenuto responsabile delle ... (Continua)
29/12/2011 Rischio di infezione alle vie respiratorie con una scarsa igiene orale

Problemi ai polmoni se non ti lavi i denti
Mai andare a letto senza essersi lavati i denti. L'igiene orale non solo scongiura carie e alitosi, ma previene anche possibili infezioni delle vie respiratorie. Dopo essere stata associata a potenziali disturbi di natura cardiovascolare, la scarsa igiene orale è imputata dell'insorgenza di malattie polmonari.
L'allarme viene lanciato dalla Dental Health Foundation che cita una ricerca della Yale University School of Medicine diretta da Joshi Samit. Secondo ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale