Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 203

Risultati da 1 a 10 DI 203

12/07/2016 10:41:00 I fusi del sonno evidenziano il tipo di intelligenza del soggetto

L'intelligenza è legata al modo in cui si dorme
Il sonno è un elemento imprescindibile dell'esperienza umana. Durante il riposo notturno, infatti, la nostra memoria si consolida e il cervello procede alla catalogazione di nuove connessioni neurali stabili.
Tuttavia, la maniera in cui dormiamo è esemplificativa anche del tipo di intelligenza di cui possiamo disporre. Gli scienziati del Max Planck Institute of Psychiatry di Monaco di Baviera hanno analizzato l'attività cerebrale che si verifica nel corso del passaggio dalla fase 1 alla fase ... (Continua)

06/06/2016 12:43:00 Gli alimenti alleati del nostro cervello

I 7 cibi che aiutano la memoria
Ogni tanto perdete colpi e faticate a ricordare le cose? Niente paura, ci sono degli alimenti che possono aiutarvi a coltivare la vostra memoria. A elencarne i pregi è Elisabetta Menna, ricercatrice dell'Istituto clinico Humanitas di Rozzano e dell'Istituto di Neuroscienze del Cnr.
«Uova, germe di grano, arachidi, merluzzo, semi di girasole, caffè e cioccolato fondente - spiega Menna - sono alcuni dei cibi più amici del cervello e della memoria perché ricchi di colina, un coenzima ... (Continua)

12/05/2016 Identificate 74 varianti genetiche associate al livello di istruzione

L'istruzione dipende anche dal Dna
È evidente che il livello di istruzione sia fortemente influenzato da fattori sociali e ambientali. Uno studio pubblicato su Nature dimostra però che anche i fattori genetici sono coinvolti e incidono per almeno il 20%
Un’analisi di Associazione genome-wide (Gwas) condotta su quasi 300.000 individui ha infatti permesso di identificare 74 varianti genetiche indipendenti correlate al livello di istruzione. Tra queste, alcune riguardano geni coinvolti nello sviluppo del cervello e legati ai ... (Continua)

20/04/2016 12:26:49 Il sistema è affidabile e ben tollerato

Argus II, positivi i nuovi risultati
Sono stati annunciati i nuovi dati disponibili su Argus II, l'impianto di protesi epiretinica ideato dall'azienda americana Second Sight. I risultati, relativi allo studio FLORA, mostrano un miglioramento sia delle prestazioni visive che dell’autonomia del paziente e una buona tolleranza e affidabilità del sistema a lungo termine.
Un miglioramento significativo della funzione visiva è stato evidenziato con il dispositivo acceso per 24 attività testate su 35 ... (Continua)

13/04/2016 14:37:00 La perdita di staminali neuronali è quindi reversibile
La corsa produce staminali nel cervello
Le cellule staminali neuronali possono essere riprodotte. Lo dice uno studio dell'Ibcn-Cnr pubblicato su Stem Cells, secondo cui correre aiuterebbe l'organismo a produrre nuove staminali nel cervello. Di conseguenza, la convinzione che la perdita delle staminali neuronali fosse irreversibile è errata.
I ricercatori del centro di ricerca romano hanno dimostrato per la prima volta che la corsa riesce a ostacolare il processo di invecchiamento cerebrale e a stimolare la produzione di nuove ... (Continua)
13/04/2016 L’eccesso di peso può influire su struttura e funzioni del cervello
I giovani in sovrappeso hanno poca memoria
Il legame tra memoria e alimentazione si arricchisce di un altro tassello scientifico che spiega come la prima potrebbe essere penalizzata se non prestiamo attenzione al nostro modo di nutrirci.
I ricercatori del Dipartimento di Psicologia dell'Università di Cambridge hanno trovato un'associazione tra elevato indice di massa corporea (BMI) e minori prestazioni su un test di memoria episodica.
I ricercatori hanno esaminato 50 partecipanti di età compresa tra 18 e 35 anni, con indici di ... (Continua)
18/03/2016 14:50:09 I disturbi del sonno possono pregiudicare le performance cerebrali

Il cervello e il sonno
“Il nostro giocattolo più grande è il cervello”. Così affermava Charlie Chaplin, che il proprio, di cervello, lo ha certamente sfruttato a dovere. In occasione della Settimana Mondiale del Cervello, gli esperti della Società Italiana di Neurologia (SIN) richiamano l’attenzione sui numerosi studi scientifici che dimostrano come il cervello, a differenza di altri organi, migliori il proprio funzionamento in proporzione al lavoro effettuato e non risenta, quindi, di un particolare processo di ... (Continua)

09/03/2016 09:17:00 Potenzia le funzioni cognitive e la memoria

Il cioccolato rende intelligenti
Un quadratino di cioccolato al giorno può aiutare a contenere i danni che il tempo produce al cervello. Secondo quanto pubblicato sulla rivista Appetite da un team di scienziati americani guidati dalla psicologa Merrill Elias, il cioccolato avrebbe addirittura la facoltà di rendere più intelligenti le persone che lo consumano.
Elias ha studiato le capacità cognitive di oltre 1000 persone residenti nello stato di New York, analizzando in principio il rapporto fra pressione del sangue e ... (Continua)

08/03/2016 11:10:00 Effetti positivi sulle malattie cardiovascolari e sulle capacità cognitive

Il ballo aiuta gli anziani
Ballare aiuta gli anziani a vivere meglio. Lo dicono i risultati di Bailamos, il progetto finanziato dai National Institutes of Health americani e dedicato alla promozione della danza fra i latinoamericani anziani, categoria meno propensa a svolgere attività fisica rispetto ad altre etnie e di conseguenza più soggetta a disturbi cardiovascolari.
Gli effetti di salsa, merengue e bachata nella terza età sono stati presentati nel corso del congresso Epidemiology and Prevention/Lifestyle and ... (Continua)

26/02/2016 17:18:00 Risultati peggiori nel caso in cui il difetto non viene trattato

L'ipermetropia pregiudica l'istruzione dei bambini
Un'ipermetropia non trattata in maniera adeguata pregiudica i risultati scolastici dei bambini. Lo rivela uno studio pubblicato su Ophthalmology da ricercatori dell'Ohio State University. Se non corretta, l'ipermetropia è associata a prestazioni più scarse nei test di alfabetizzazione precoce.
Il trial guidato da Marjean Taylor Kulp segnala che i bambini di 4-5 anni con ipermetropia non trattata ottengono risultati peggiori nel Topel (Test of Preschool Early Literacy) rispetto ai coetanei ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale