Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 450

Risultati da 111 a 120 DI 450

30/07/2014 17:58:00 I rischi di un'esposizione forzata alla sostanza

Il piombo minaccia l'intelligenza dei bambini
Uno studio pubblicato su Jama Pediatrics rilancia l'allarme sull'esposizione al piombo legata all'intelligenza dei bambini. Secondo la ricerca guidata da Jianghong Liu dell'Università della Pennsylvania, la concentrazione ematica di piombo svolge un ruolo importante nell'insorgenza dei disturbi del comportamento fra i bambini di età prescolare residenti in Cina.
Spiega l'autore: "il piombo è un metallo tossico che può ridurre il quoziente intellettivo nei più piccoli, ma quando le ... (Continua)

05/07/2014 Impianto di defibrillazione atriale indolore
Un defibrillatore che non fa male
È stato presentato a Barcellona un nuovo dispositivo per la defibrillazione atriale che ha la particolarità di non provocare alcun dolore al paziente. Il nuovo impianto è stato illustrato nel corso del meeting Frontiers in CardioVascular Biology (FCVB) 2014 organizzato dal Council on Basic Cardiovascular Science of the European Society of Cardiology.
A realizzarlo è stato un team dell'Università di Leiden, nei Paesi Bassi, guidato dal dott. Brian Oscar Bingen. I medici olandesi hanno messo a ... (Continua)
02/07/2014 12:23:00 I malati manifestano un'iperattività cerebrale

Rischio di epilessia per chi soffre di Alzheimer
Essere malati di Alzheimer espone a un rischio decisamente più elevato della media di subire crisi epilettiche. A dirlo è uno studio dell'Università di Tel Aviv pubblicato su Cell Reports.
Il rischio più alto sarebbe legato alla proteina beta-amiloide, nota per essere coinvolta nello sviluppo e nella progressione del morbo di Alzheimer. I ricercatori israeliani hanno individuato l'esatto meccanismo molecolare alla base dell'aumento dell'attività neuronale nei pazienti affetti da Alzheimer, ... (Continua)

01/07/2014 11:37:05 Nuova strategia per potenziare la difesa immunitaria

Dai lipidi una nuova via per combattere le leucemie
Anche con i lipidi si possono combattere i tumori del sangue. È questa la scoperta dei ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, in collaborazione con l’Università di Basilea.
Fra gli autori dello studio, Paolo Dellabona, direttore della Divisione di Immunologia Trapianti e Malattie Infettive, Giulia Casorati, responsabile dell’Unità Immunologia Sperimentale, entrambi dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano. I risultati sono pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica ... (Continua)

23/06/2014 Prima si inizia peggio è per i nostri polmoni

Il fumo di mattina è micidiale
Il fumo fa male sempre, certo. Di mattina, però, ancora di più. Lo dice uno studio pubblicato sul Journal of National Cancer Institute da un team del National Cancer Institute guidato dalla dott.ssa Fangyi Gu.
Stando ai dati emersi dal nuovo studio l'ora in cui si accende la prima sigaretta della mattina influisce sul rischio di insorgenza del cancro ai polmoni, rendendolo più probabile tanto prima si decide di iniziare a fumare. Questo vale anche per chi fuma poco.
Un'altra conferma ... (Continua)

20/06/2014 10:23:00 L'esposizione al sole determina il rilascio di endorfine

Quando il desiderio di abbronzarsi diventa una droga
Chi si espone continuamente al sole alla ricerca dell'abbronzatura perfetta ha in realtà anche un'altra motivazione, seppure inconscia, a spingerlo: il rilascio di endorfine. A dirlo è una ricerca del Massachusetts General Hospital e della Harvard Medical School di Boston, che associano al rilascio degli ormoni del piacere il rischio di dipendenza dai raggi solari.
Lo studio, pubblicato su Cell, punta il dito proprio contro la “dipendenza da sole”, una condizione mentale assimilabile a ... (Continua)

18/06/2014 11:24:00 Risultati del trial ATLAS nel cancro mammario ER-positivo
Cancro al seno, cura con tamoxifene valida anche per 10 anni
Attualmente il protocollo di trattamento "antiormonale" del tumore mammario positivo per i recettori estrogenici (ER-positivo) prevede che la terapia venga seguita per 5 anni. Questo periodo potrebbe essere prolungato di altri 5 anni in base ai risultati dello studio ATLAS pubblicati recentemente su Lancet, promosso dal Cancer Research e dal Medical Research Council inglesi. Nell'ambito dello studio sono state reclutate 12.894 donne con tumore mammario in fase precoce che avevano completato i ... (Continua)
17/06/2014 14:45:00 Fenomeno collegato al malfunzionamento di un oscillatore biologico
Tumore al seno, scoperto un meccanismo di resistenza
Il 70% dei tumori mammari hanno il recettore per gli estrogeni e la loro crescita è dipendente dalla presenza di estrogeni. I farmaci che bloccano il segnale ormonale sono per questo un’efficace strategia terapeutica per il trattamento del tumore al seno.
Tuttavia, in molti casi, soprattutto di malattia metastatica, le pazienti trattate con terapia ormonale sviluppano nel tempo una resistenza al farmaco, che diventa quindi purtroppo inefficace, non riuscendo più ad impedire la crescita del ... (Continua)
11/06/2014 10:15:00 Ricerca americana giunge a un importante risultato

La prima retina in provetta
Un team di ricercatori americani ha ottenuto per la prima volta una retina in provetta. L'incredibile risultato è opera di scienziati della Johns Hopkins University, che ne hanno pubblicato i dettagli sulla rivista Nature Communications.
Il team coordinato dalla dott.ssa Valeria Canto-Soler è riuscito a realizzare in provetta un frammento di tessuto della retina “adulto” e con tutte le cellule specializzate nel reagire alla luce, ovvero i fotorecettori.
I ricercatori sono partiti dalle ... (Continua)

07/06/2014 14:32:00 Gli spinelli causano sterilità negli uomini

La cannabis può causare l'infertilità maschile
Farsi le canne può rendere gli uomini sterili. Oltre agli altri numerosi danni alla salute arrecati all'organismo dagli spinelli, si è ora scoperto che l’esposizione alla cannabis, a lungo andare, potrebbe interferire con la formazione degli spermatozoi e causare l'infertilità maschile.
Ad affermarlo è uno studio dell’Università di Sheffield pubblicato su Human Reproduction. Secondo gli esiti della ricerca, il consumo di marijuana ridurrebbe le dimensioni degli spermatozoi, alterandone la ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40| 41| 42| 43| 44| 45

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale