Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 278

Risultati da 1 a 10 DI 278

15/07/2016 10:23:00 Come terapia di consolidamento post-trapianto

Linfoma di Hodgkin, approvato Brentuximab
È stato approvato il farmaco Brentuximab vedotin per il trattamento del linfoma di Hodgkin. La cura è indicata per i pazienti con un linfoma CD-30 positivo ad aumentato rischio di recidiva o progressione in seguito a trapianto autologo di cellule staminali (ASCT).
Lo studio clinico AETHERA è il primo studio randomizzato condotto a termine ad avere esplorato il trattamento di consolidamento immediatamente dopo trapianto autologo di cellule staminali, come opzione per estendere gli effetti ... (Continua)

11/07/2016 16:40:00 Fondamentale un indice di massa corporea nella norma

Tumore al seno, la chemio funziona meglio se sei in forma
Rimanere in forma è fondamentale anche in caso di malattia. Secondo uno studio pubblicato su Cancer Biology & Therapy da ricercatori della Temple University di Philadelphia, in caso di tumore al seno la chemioterapia avrà effetti migliori se la donna mostra un indice di massa corporea normale.
Il campione oggetto di analisi era formato da circa 100 donne con età media o inferiore ai 45 anni. Stando ai dati, le pazienti normopeso ottengono benefici terapeutici maggiorati anche del 22 per ... (Continua)

06/07/2016 10:50:55 Il farmaco mostra risultati migliori rispetto alla chemioterapia

Leucemia, Inotuzumab la cura
C'è un'alternativa alla consueta chemioterapia in caso di leucemia linfoblastica acuta. A dimostrarlo è uno studio apparso su New England Journal of Medicine e realizzato dai ricercatori dell'Anderson Cancer Center dell'Università del Texas.
Lo studio, denominato INO-VATE All, è un trial randomizzato di fase III sponsorizzato dalla casa farmaceutica Pfizer, che produce la nuova molecola. L'analisi ha verificato l'efficacia di Inotuzumab ozogamicin rispetto alla chemio in un campione di 326 ... (Continua)

05/07/2016 17:33:39 L’intervento per curare la Ccsvi sembra avere un effetto positivo

Sclerosi multipla, l’angioplastica migliora i sintomi
L’angioplastica delle vene giugulari colpite da insufficienza venosa cronica cerebrospinale – CCSVI, la patologia venosa individuata da Paolo Zamboni dell’Università di Ferrara – può migliorare sensibilmente i sintomi della sclerosi multipla.
Lo afferma uno studio italiano pubblicato recentemente su Acta Phlebologica. Commentando questa sua ricerca uscita sulla rivista del Collegio Italiano di Flebologia, Pietro Bavera, chirurgo vascolare milanese, membro della Società Internazionale ... (Continua)

05/07/2016 10:30:00 Prima dell'intervento aumenta l'efficacia dell'immunoterapia

Chemioterapia adiuvante per il cancro ovarico
Una cura chemioterapica adiuvante prima dell'intervento chirurgico di rimozione di un cancro ovarico aumenta le possibilità di guarigione. Secondo uno studio pubblicato su Clinical Cancer Research, infatti, le pazienti trattate in questo modo mostrano alterazioni specifiche delle cellule immunitarie residenti nella neoplasia associate a una maggiore efficacia dell'immunoterapia somministrata dopo l'intervento.
La dott.ssa Frances Balkwill, docente di Biologia dei tumori presso il Barts ... (Continua)

04/07/2016 12:18:00 Sta per essere approvata la prima terapia cellulare paziente-specifica

Leucemia, in arrivo Zalmoxis
Il farmaco Zalmoxis per la cura delle leucemie e di altri tumori del sangue sta per essere approvato. Il Chmp dell'Agenzia Europea dei Medicinali (Ema) ha espresso parere favorevole raccomandando l’immissione condizionata in commercio per Zalmoxis.
Si tratta della prima terapia cellulare paziente-specifica di MolMed, basata sull’ingegnerizzazione del sistema immunitario, impiegata in associazione al trapianto aplo-identico di cellule staminali ematopoietiche (haematopoietic stem-cell ... (Continua)

23/06/2016 11:42:00 Nuovo anticoagulante disponibile ora anche in Italia

Edoxaban contro ictus, fibrillazione atriale e Tev
Necessità di maggiore informazione da parte degli specialisti e sottoutilizzo delle nuove e più sicure terapie disponibili. Sono due importanti aspetti che emergono da un sondaggio europeo sui pazienti affetti da fibrillazione atriale, effettuato dall’agenzia internazionale OpinionHealth su richiesta di Daiichi Sankyo.
I dati italiani della survey sono stati presentati in anteprima all’Heart Day, l’evento con il quale il Gruppo farmaceutico ha annunciato il lancio in Italia di Lixiana ... (Continua)

14/06/2016 10:04:59 Avviata una sperimentazione per valutarne l'efficacia

Linfoma a cellule T, c'è plitidepsina
Il linfoma a cellule T angioimmunoblastico refrattario potrebbe trovare una nuova cura. PharmaMar ha infatti annunciato l'inizio di uno studio multicentrico, prospettico, cardine per analizzare l'efficacia del composto antitumorale di origine marina, la plitidepsina, in pazienti con recidiva e linfoma a cellule T angioimmunoblastico refrattario.
Poiché si tratta di una patologia rara, e dopo il consulto con la statunitense Food and Drug Administration (FDA), lo studio è stato concepito a ... (Continua)

06/06/2016 17:02:00 Significativa l'attività antitumorale del farmaco

Sarcomi, l'efficacia di Eribulina
Uno studio di fase III ha evidenziato l'efficacia del farmaco Eribulina (Halaven) nel trattamento del liposarcoma. I dati sono stati presentati in occasione del meeting annuale dell'American Society of Clinical Oncology.
In queste analisi programmate, nel confronto con Dacarbazina, è stato registrato un miglioramento significativo della sopravvivenza complessiva e della sopravvivenza libera da progressione nei pazienti con liposarcoma.
«Nei pazienti affetti da liposarcoma e trattati con ... (Continua)

06/06/2016 16:00:00 Gli ormoni riducono le probabilità nelle donne in post-menopausa

Tumore del seno, antiestrogeni e rischio di recidiva
L'allungamento della terapia con antiestrogeni riduce il rischio di recidiva del cancro al seno nelle donne in post-menopausa. Lo dice uno studio presentato nel corso del congresso annuale della Società americana di oncologia medica (Asco).
Secondo i medici del Canadian Cancer Trial Group, somministrare gli antiestrogeni per 10 anni invece dei soliti 5 può diminuire il rischio di recidiva in maniera significativa nella mammella già colpita in passato e anche le probabilità di insorgenza di ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale