Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 301

Risultati da 161 a 170 DI 301

04/10/2011 Le procedure che riducono le degenze ospedaliere
Il metodo ERAS per una chirurgia dai tempi ridotti
La chirurgia fa passi da gigante. La nuove tecniche mini invasive, i progressi dell’anestesia, il controllo del dolore e un’accurata preparazione del paziente consentono ormai interventi mirati al millimetro e drastiche riduzioni della degenza post-operatoria. Analoghi risultati sono però possibili anche nella chirurgia addominale maggiore e in altri interventi invasivi, grazie a una serie di innovative procedure denominate Fast Track Surgery (FTS, percorso veloce in chirurgia) o Enhanced ... (Continua)
28/09/2011 Studio italiano individua il gene OSR1
Scoperto un gene che causa ipoplasia renale nei bambini
Scoperto il primo gene che determina nei bambini l’alterazione della funzione delle cellule staminali nel rene, causando la comparsa di ipoplasia renale. Il gene OSR1 quando si altera può provocare, già alla nascita, reni più piccoli del normale.
L’ipoplasia del rene è una delle cause più frequenti di dialisi in età pediatrica. La scoperta è il risultato di una collaborazione tra la nefrologa Paola Romagnani, professoressa dell’Ateneo fiorentino e responsabile dell’Unità di Nefrologia ... (Continua)
20/09/2011 GNB3 predispone all'ipertensione negli esseri umani
Ipertensione, scoperto un gene scatenante
Da uno studio sui polli, un team di ricerca dell'Università di Abertay di Dundee, in Scozia, ha scoperto l'esistenza di un gene che negli uomini predispone all'ipertensione, mentre negli animali è alla base di problematiche renali e può condurre anche alla cecità.
I ricercatori scozzesi, che hanno pubblicato il loro lavoro su Plos One, hanno individuato nel gene GNB3 la causa di anomalie renali ancora non registrate nell'uomo, nel cui organismo peraltro il gene mutato causerebbe una ... (Continua)
13/09/2011 Ricercatori statunitensi scoprono un indicatore per problemi cardiaci
Un ormone predice la morte nelle malattie renali
Un team di ricercatori americani ha scoperto un ormone che sembra predire il rischio di morte prematura in pazienti che soffrono di patologie renali. Gli scienziati della School of Medicine dell'Università del Colorado hanno individuato nell'ormone FGF-23 un parametro per la valutazione del rischio di morte precoce, segnalando il pericolo di dialisi e di problemi cardiaci.
Michael Chonchol, nefrologo presso l'Università del Colorado, spiega: “questa scoperta ci permette di predire i ... (Continua)
09/08/2011 I consigli degli specialisti per evitare brutte sorprese

Allergie, le regole da seguire per partire più tranquilli
Alcune allergie non sono solo stagionali e non scompaiono con l’estate. “È un approccio sbagliato - sottolinea il Prof. Massimo Triggiani Presidente della SIAIC, Società Italiana Immunologia e Allergia Clinica -. Ogni stagione ha le sue peculiari forme di allergia: d’estate è elevato rischio di punture di imenotteri (api, vespe, calabroni) per il maggior tempo trascorso all’aperto e per la maggiore superficie corporea scoperta; l’ingestione di frutta “esotica” per la suddetta cross-reatività ... (Continua)

01/07/2011 Nell'infanzia le origini della pressione alta
L'ipertensione nei bambini
Le radici dell’ipertensione nell’età adulta affondano nell’infanzia. Infatti, si è riscontrato che la pressione arteriosa (PA) durante l’infanzia permane nell’età adulta. Ciò significa che i bambini con una PA elevata hanno più probabilità di diventare degli adulti ipertesi.
Sia ripetute misurazioni nell’identificazione di quei bambini con un’elevata PA, sia la valutazione di comorbidità (in particolare l’obesità) e della storia famigliare di disturbi cardiovascolari migliorano ... (Continua)
30/06/2011 Una microcapsula mette ko l'alitosi

La supermentina contro l'alito cattivo
Sembra cosa di poco conto rispetto a problemi di salute molto più seri, ma in realtà l'alitosi compromette il benessere soprattutto psicologico delle persone colpite, mettendo a rischio legami e rapporti sociali, e spingendo in alcuni casi il malcapitato a sviluppare comportamenti estremi.
Il disturbo è spesso legato a una cattiva igiene orale e alla presenza di carie, ma in altri casi ha a che fare con veri e propri disturbi della digestione, malattie renali, epatiche o diabete. In questi ... (Continua)

24/06/2011 Nuovo medicinale si rivela efficace nel contrasto al carcinoma renale
Tumore al rene, un farmaco ne rallenta il progresso
Un nuovo farmaco è a disposizione di quanti sono stati colpiti da tumore al rene. Il carcinoma renale colpisce circa 8200 persone ogni anno in Italia e si caratterizza per essere una patologia alquanto ostica da curare, dal momento che si presenta spesso in stadi già avanzati perché il più delle volte asintomatica.
Dopo aver concluso l'iter di approvazione, è ora disponibile un nuovo trattamento farmacologico, pazopanib, un antiangiogenetico orale che pare in grado di rallentare ... (Continua)
23/06/2011 La patologia genetica al centro di un'ipotesi di lavoro italiana
Nuova terapia per la malattia di Fabry
Può manifestarsi in forme molto diverse sia per la gravità sia per gli organi che colpisce, provocando tra gli altri danni renali e cardiaci con possibili rischi di ictus o di infarto. Insorge durante l’infanzia, ma anche in età adulta quando, a causa della sovrapposizione dei sintomi con quelli più comuni, può essere sotto-diagnosticata. È la malattia di Fabry, una rara patologia genetica.
Alcuni ricercatori italiani propongono una nuova terapia che può essere assunta per via orale e ... (Continua)
25/05/2011 Ridurre il rischio grazie a un Ace-inibitore
Insufficienza renale da obesità
Per limitare il rischio di insufficienza renale allo stadio terminale nei pazienti obesi è possibile ricorrere alla somministrazione di un Ace-inibitore. A dirlo è uno studio dell’Ibim-Cnr di Reggio Calabria e dell’Istituto Mario Negri di Bergamo, che hanno effettuato una nuova analisi dello studio Ramipril Efficacy in Nephrology (Rein) appena pubblicata sul Journal of American Society of Nephrology (JASN).
Lo studio riguarda il ruolo del Ramipril, un inibitore dell’enzima che regola la ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale