Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 399

Risultati da 131 a 140 DI 399

11/04/2013 Le raccomandazioni per la salute del cuore riducono anche il rischio di tumore

7 parametri per salvare il cuore e allontanare il cancro
Chi verifica costantemente alcuni parametri validi per mantenere la salute del proprio cuore allontana anche l'ipotesi di insorgenza del cancro. L'associazione emerge dalle linee guida “Life's Simple 7” emanate dall'American Heart Association (AHA) e ideate per ridurre le problematiche cardiovascolari.
Secondo uno studio coordinato da Laura Rasmussen-Torvik della Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago, le stesse regole garantirebbero un beneficio sostanziale in ... (Continua)

29/03/2013 18:05:14 E come aiutare l’atleta infortunato

Prevenire l’infortunio
Relazione fra stress ed incidenti sportivi.
Tamorri, Benzi, Reda(1) hanno analizzato la relazione fra stress ed incidenti sportivi per proporre interventi che possono ridurre il rischio.
Andersen e Williams (2) hanno ipotizzato che l’aumento della tensione muscolare, la riduzione del campo visivo e l’incremento dalla distrazione, siano le principali cause della associazione tra stress ed infortunio. Infatti la contrazione simultanea non richiesta di gruppi muscolari agonisti ed ... (Continua)

28/03/2013 Il fenomeno del neuroenhancement va limitato

Sui neurostimolatori il parere negativo degli esperti
Negli Stati Uniti prende il nome di neuroenhancement, ovvero la tendenza, in soggetti sani, ad assumere farmaci con lo scopo di migliorare le proprie performance cerebrali e cognitive. Il fenomeno è particolarmente rilevante fra gli adolescenti, che si rivolgono ai neurostimolatori per affrontare con maggior sicurezza test ed esami.
L'American academy of neurology, l'associazione dei neurologi americani, si è detta fortemente contraria all'uso di questi farmaci nei bambini e nei minorenni, ... (Continua)

27/03/2013 Funziona sui topi la riprogrammazione con cellule staminali

Un sangue giovane grazie alle staminali
Per ringiovanire il sangue c'è bisogno delle staminali. A dirlo è una ricerca dell'Università di Lund, in Svezia, che sulla rivista Blood ha pubblicato i dettagli di una sperimentazione effettuata su modello murino.
I ricercatori sono riusciti a eliminare alcune modifiche che avevano colpito il plasma di topi anziani: “l'invecchiamento è la conseguenza di cambiamenti nelle staminali nel tempo. Alcuni sono irreversibili, come i danni al Dna, mentre altri, chiamati epigenetici, avvengono nel ... (Continua)

26/03/2013 Nuovo metodo per l'analisi statistica della crescita tumorale

Capire il melanoma dalla diversificazione cellulare
Estrarre una vasta gamma di informazioni statistiche dalla crescita in vitro di colonie cellulari di melanoma, un tumore maligno dei melanociti, cellule presenti in particolar modo nei tessuti cutanei. È il nuovo metodo di analisi, sviluppato da un team di fisici teorici computazionali e biologi cellulari molecolari, per comprendere in maniera quantitativa la progressione tumorale. La ricerca, condotta dall'Istituto per l'energetica e le interfasi del Consiglio nazionale delle ricerche ... (Continua)

14/03/2013 Sopravvivenza inferiore rispetto ai bambini, servono protocolli specifici

Tumori, per gli adolescenti le cure sono meno efficaci
Adolescenti e bambini malati di tumore, pur nelle stesse condizioni cliniche, hanno possibilità di guarigione differenti: contro la leucemia linfoblastica acuta, per esempio, i bambini hanno l’85% di probabilità di sopravvivenza a fronte del solo 50% degli adolescenti.
Causa di questa la disparità nelle cure oncologiche sono la difficoltà dei ragazzi tra i 15 e i 19 anni di accedere alle cure di eccellenza e di essere arruolati nei protocolli clinici e il problema che, nonostante due terzi ... (Continua)

14/03/2013 1 coppia su 4 abbandona la terapia per la troppa ansia

Lo stress nemico della fertilità
Nella letteratura scientifica vi è oggi un generale consenso nel ritenere che l’infertilità e i trattamenti a cui sono sottoposte le pazienti, soprattutto la PMA, siano associati ad un aumento dei livelli di ansia e depressione.
Nonostante le tecniche di Riproduzione Assistita siano utilizzate con successo da circa 35 anni ed attualmente, nel mondo, ne vengano effettuati ogni anno centinaia di migliaia di cicli, ancora poco è stato studiato sui possibili meccanismi d’azione biologici dello ... (Continua)

11/03/2013 Tumori e patologie neurologiche combattuti da nuovi radiofarmaci

Nuova classe di farmaci per “taggare” le malattie
Sapere esattamente cosa e dove colpire facilita il compito di qualsiasi esercito. Così succede anche in ambito medico, dove l'individuazione di target terapeutici specifici rappresenterebbe una svolta nel trattamento di molte malattie, prime fra tutti i tumori.
Dal congresso dell'Associazione Italiana di Medicina Nucleare e Imaging Molecolare (AIMN) emerge proprio questa possibilità, con l'arrivo di nuovi radiofarmaci per contrastare le più comuni neoplasie, ma anche patologie ... (Continua)

05/03/2013 Curioso effetto collaterale per le neomamme

Piedi grandi dopo la gravidanza
La gravidanza ti cambia la vita, e il cambiamento sembra iniziare dai piedi. Secondo una ricerca dell'Università dell'Iowa, infatti, nella maggior parte dei casi le donne incinte vanno incontro a una modificazione della forma e delle dimensioni dei piedi nel corso della gravidanza. Spesso questi cambiamenti risultano permanenti.
La curiosa scoperta, pubblicata sull'American Journal of Physical Medicine & Rehabilitation, ha evidenziato in particolare il fenomeno dell'appiattimento dei piedi ... (Continua)

05/03/2013 Il senso di sfinimento viene indotto dalla serotonina

Il cervello si stanca prima dei muscoli
Alla fine di un'intensa sessione di fitness il primo organo a dire basta è il cervello. A scoprirlo è una ricerca condotta dall'Università di Copenaghen su delle tartarughe. Lo studio, pubblicato su Pnas, rivela che a mettere in moto la sensazione di stanchezza è la serotonina, un neurotrasmettitore sintetizzato nel cervello noto anche come “ormone del buonumore”.
La ricerca potrebbe rivoluzionare ad esempio l'approccio della medicina sportiva, dal momento che l'idea di un atleta i cui ... (Continua)

  1|2|3|4|5|6|7|8|9|10|11| 12| 13| 14| 15| 16| 17| 18| 19| 20| 21| 22| 23| 24| 25| 26| 27| 28| 29| 30| 31| 32| 33| 34| 35| 36| 37| 38| 39| 40

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale