Analisi cliniche
Balbuzie
Bellezza
Chirurgia
Cardiologia
Dermatologia
Diabete
Ematologia
Endocrinologia
Farmacologia
Flebologia
Gastroenterologia
Gravidanza
Genetica
Geriatria
Ginecologia
Handicap
Malattie infettive
Malattie renali
Neurologia
Pediatria
Psicologia
Oculistica
Odontoiatria
Ortopedia
Orecchie e gola
Sclerosi
Trapianti
Tumori
Viaggi
Dossier
Prontuario A L
Prontuario M Z
Farmaci generici

 
Ricerca articoli per parole

 
Pubblicità

ARTICOLI TROVATI : 18

Risultati da 1 a 10 DI 18

20/04/2016 12:26:49 Il sistema è affidabile e ben tollerato

Argus II, positivi i nuovi risultati
Sono stati annunciati i nuovi dati disponibili su Argus II, l'impianto di protesi epiretinica ideato dall'azienda americana Second Sight. I risultati, relativi allo studio FLORA, mostrano un miglioramento sia delle prestazioni visive che dell’autonomia del paziente e una buona tolleranza e affidabilità del sistema a lungo termine.
Un miglioramento significativo della funzione visiva è stato evidenziato con il dispositivo acceso per 24 attività testate su 35 ... (Continua)

04/03/2016 16:41:59 Tecnologia disponibile in alcuni ospedali francesi

L'ecografia a distanza
La tecnologia spaziale ci regala un passo in avanti fondamentale in ambito medico, l'ecografia a distanza. A metterla a punto è la società francese AdEchoTech, che ha fornito a 15 ospedali il sistema per la tele-ecografia.
La tecnologia si chiama TESSA (Tele-Ecografia per ESA) ed è il risultato delle ricerche in telemedicina portate avanti nell'ambito dei progetti di ESA, l'Agenzia spaziale europea. Grazie a questo sistema i radiologi possono esaminare i pazienti anche a migliaia di ... (Continua)

22/07/2015 15:22:00 Paziente di 80 anni riceve la protesi retinica Argus II

Primo occhio bionico per curare la degenerazione maculare
Un uomo inglese di 80 anni è la prima persona al mondo a ricevere una protesi retinica Argus II per il trattamento della degenerazione maculare secca legata all’età (AMD/DMLE).
L’intervento è avvenuto presso il Manchester Royal Eye Hospital. Paulo Stanga, Consulente Oftalmologo e Chirurgo Vetroretinico al Manchester Royal Eye Hospital e Professore di Oftalmologia e Rigenerazione Retinica all’Università di Manchester, ha detto che i primi test sull’80enne Ray Flynn hanno dimostrato come abbia ... (Continua)

07/05/2015 12:27:00 Nuove conquiste tecnologiche in endoscopia digestiva

Una cucitrice a ultrasuoni cura il reflusso
Il reflusso gastroesofageo può essere curato attraverso una sorta di “cucitrice” a ultrasuoni. È quanto emerge dal workshop EndoLive 2015, organizzato dal prof. Guido Costamagna del Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma.
“La malattia da reflusso gastroesofageo – spiega Costamagna - è molto comune. Il 20% della popolazione riferisce di avere almeno un episodio di pirosi (bruciore allo stomaco) alla settimana. Si parla di "malattia" (MRGE) quando il reflusso causa sintomi (pirosi, ... (Continua)

06/05/2015 14:23:00 Un team australiano progetta un nuovo dispositivo

Alla ricerca dell'occhio bionico
Un team di ricercatori australiani ha messo a punto un nuovo tipo di occhio bionico. Gli scienziati della Monash University di Melbourne, guidati da Jeffrey Rosenfeld, hanno già realizzato un prototipo che funziona in laboratorio.
L'occhio bionico sfrutta la tecnologia di una cinecamera digitale montata su degli occhiali per catturare le immagini, che vengono poi trasferite a un dispositivo grande come un cellulare preposto all'elaborazione dei dati. Una volta elaborata, l'immagine viene ... (Continua)

26/01/2015 10:27:00 Grazie a un paio di occhiali speciali
La mamma cieca che è riuscita a vedere suo figlio
Occhiali ipertecnologici hanno consentito a una mamma priva della vista a causa della malattia di Stargardt di vedere il proprio bambino dopo il parto. È successo in Canada, dove la 29enne Kathy Beitz – cieca dall'età di 11 anni per questa grave malattia degenerativa che colpisce la retina – ha partorito un bimbo che ha potuto subito ammirare grazie agli occhiali eSight, uno strumento che interagisce con una videocamera, un display e un sistema di controllo computerizzato in grado di riprendere ... (Continua)
13/09/2014 11:26:40 Nuovo sistema prende in considerazione battito cardiaco e respirazione

I Google Glass monitorano lo stress
Più di uno smartphone negli occhi. I Google Glass potrebbero presto offrire ben di più della lettura delle mail e delle indicazioni stradali. Un team di ricerca del Media Lab del MIT e della School of Interactive Computing della Georgia Institute of Technology è convinto di poter utilizzare i sensori integrati negli occhiali di Google – l’accelerometro, il giroscopio – per carpire informazioni fondamentali per il monitoraggio dello stress come il battito cardiaco e la respirazione.
Si tratta ... (Continua)

02/09/2014 12:02:14 Bastano 15 secondi per la diagnosi

Una videocamera scova la fibrillazione atriale
Una videocamera puntata sul viso e supportata da uno speciale software riesce a scoprire la fibrillazione atriale in una manciata di secondi. A dimostrarlo è uno studio della University of Rochester School of Medicine and Dentistry pubblicato su Heart Rhythm.
Questo inedito strumento di diagnosi è reso possibile dal fatto che la fibrillazione atriale crea delle variazioni del microcircolo del viso a cui corrispondono cambiamenti minimi del colore della pelle che l'occhio umano non riesce a ... (Continua)

24/02/2014 09:52:57 Il trend della Facebook-lift sta arrivando anche in Italia

Dal chirurgo plastico per essere belli sui social network
Di solito è l'impietosa videocamera del telefono o del computer, oppure è una fotografia scattata da amici e condivisa in rete. Capita di rivedersi da un'ottica diversa e, spesso, si scopre un'immagine di sé che non ci si aspetta.
Doppio mento, occhiaie e qualche ruga che erano sfuggite, magari, davanti allo specchio, vengono invece alla luce con i nuovi social network e i nuovi media. Oggi più che mai si è continuamente chiamati a confrontarsi con la propria immagine e sempre di più in ... (Continua)

20/02/2013 Alcuni pazienti sono tornati a vedere forme e figure

Retinite pigmentosa, le protesi funzionano
Circa 15 mila italiani convivono con la retinite pigmentosa, una malattia degenerativa dell’occhio di natura ereditaria, che colpisce le cellule della retina e può portare progressivamente alla cecità. Secondo le stime, ogni anno 30 italiani perdono la vista a causa della malattia e finora per loro non esistevano trattamenti o soluzioni. Prima nel mondo, l’Italia ha introdotto il sistema di protesi retinica della californiana Second Sight, che permette di restituire funzionalità visiva ai ... (Continua)

  1|2

Mappa del sito Contattaci: italiasalute(leva le parentesi)@tiscali.it

Redazione e negozio TEL. 0686764110 FAX 1786064458 Via A. Serra 81/b (Fleming), 00191 Roma
Negozio e Centro medico TEL. 06 200.61.24, via F.Conti 66, 00133 Roma

Trovi: Botoina, Rilastil, Lierac, Phyto, Roc, Somatoline, Vichy, Crescina, Babygella, Pampers, Chicco, Moltex

Le informazioni di medicina e salute non sostituiscono
l'intervento del medico curante. Nessuna responsabilità è assunta riguardo ai liberi commenti inseriti dai visitatori del sito.

Copyright © 2000-2013 Italiasalute s.r.l. Riproduzione riservata anche parziale